Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Il dilemma della trascrizione dei verbali ex art.2478 del c.c.

  1. #1
    Settebello è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    22

    Question Il dilemma della trascrizione dei verbali ex art.2478 del c.c.

    Salve,

    pongo a tutti i partecipanti al forum questo quesito anche per recepire le esperienze di ciascuno.

    La questione riguarda l'obbligo di trascrizione dei verbali di assemblea straordinaria redatti da notaio.

    Il mio caso riguarda una modifica dello statuto sociale di una S.r.l. redatto da Notaio.

    L'art. 2478 del c.c. comma 1 al punto 2) recita:

    1) omiss.

    2) il libro delle decisioni dei soci, nel quale sono trascritti senza indugio sia i verbali delle assemblee, anche se readtti per atto pubblico, sia le decisioni prese ai sensi del primo periodo del 3° comma dell'art. 2479; la relativa documentazione è conservata dalla società;

    omiss..

    A questo punto mi chiedo e vi chiedo: il Notaio deve trascrivere materialmente sul libro delle decisioni dei soci il verbale di modifica dello Statuto societario redatto per atto pubblico o avendo acquisito il consenso espresso per iscritto su verbale redatto nel suo studio non sul libro delle decisioni dei soci, vale la regola prevista nel 3° comma dell'art. 2479 del c.c. e quindi ci si limita a conservare agli atti della società tale verbale con le firme di sottoscrizione dei soci rese innanzi al Notaio ?

    Saluti

  2. #2
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Settebello Visualizza Messaggio
    Salve,
    pongo a tutti i partecipanti al forum questo quesito anche per recepire le esperienze di ciascuno.
    La questione riguarda l'obbligo di trascrizione dei verbali di assemblea straordinaria redatti da notaio.
    Il mio caso riguarda una modifica dello statuto sociale di una S.r.l. redatto da Notaio.
    L'art. 2478 del c.c. comma 1 al punto 2) recita:
    1) omiss.
    2) il libro delle decisioni dei soci, nel quale sono trascritti senza indugio sia i verbali delle assemblee, anche se readtti per atto pubblico, sia le decisioni prese ai sensi del primo periodo del 3° comma dell'art. 2479; la relativa documentazione è conservata dalla società;
    omiss..
    A questo punto mi chiedo e vi chiedo: il Notaio deve trascrivere materialmente sul libro delle decisioni dei soci il verbale di modifica dello Statuto societario redatto per atto pubblico o avendo acquisito il consenso espresso per iscritto su verbale redatto nel suo studio non sul libro delle decisioni dei soci, vale la regola prevista nel 3° comma dell'art. 2479 del c.c. e quindi ci si limita a conservare agli atti della società tale verbale con le firme di sottoscrizione dei soci rese innanzi al Notaio ?
    Saluti
    Il notaio non è tenuto a trascrivere personalmente il verbale della assemblea sull'apposito libro, ma la società invece lo è, a posteriori.
    E' mia abitudine richiedere al notaio copia dell'atto mediante file, che viene ristampato sull'apposito libro (oppure trascritto a mano).
    In caso di dimenticanza, si potrebbe spillare al registro la copia dell'atto. Non è perfettamente regolare, ma...è meglio che niente.

    Ciao

  3. #3
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    5,162

    Predefinito

    Salve,

    in effetti la norma è abbastanza chiara nel contenuto ma con effetti pratici di non poco conto. Non so se trascrivere a posteriori un verbale sulla scorta di un file consegnato dalla segreteria del notaio che la norma stabilisce deve essere trascritto senza indugio - mi chiedo: da chi ? - e sopratutto firmato da chi lo redige e da chi presiede l'assemblea sia una soluzione scevra da vizi di legittimità.

    In effetti, lui è il segretario dell'assemblea che ha modificato lo Statuto e quindi come segretario dovrebbe redigere il verbale sull'apposito libro delle decisioni dei soci.

    Nessuna norma stabilisce la forma del registro che potrebbe essere anche a fogli mobili e come tali stampabili al computer. Ma la trascrivere significa riportare un scritto e se la norma dice che lo scritto lo devi riportare sul libro delle decisioni dei soci su quel libro lo devi scrivere.

    Credo che sia il notaio che deve pretendere la consegna del libro sul quale riportere il verbale.

    L'alternativa proposta da Speedy - di allegare allo scritto traslato dal file il verbale su carta con il timbro del notaio - è praticabile, ed io l'adotterei come ultima ratio, poichè non in linea letterale con il disposto legislativo.

    Saluti

  4. #4
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Salve,

    in effetti la norma è abbastanza chiara nel contenuto ma con effetti pratici di non poco conto. Non so se trascrivere a posteriori un verbale sulla scorta di un file consegnato dalla segreteria del notaio che la norma stabilisce deve essere trascritto senza indugio - mi chiedo: da chi ? - e sopratutto firmato da chi lo redige e da chi presiede l'assemblea sia una soluzione scevra da vizi di legittimità.

    In effetti, lui è il segretario dell'assemblea che ha modificato lo Statuto e quindi come segretario dovrebbe redigere il verbale sull'apposito libro delle decisioni dei soci.

    Nessuna norma stabilisce la forma del registro che potrebbe essere anche a fogli mobili e come tali stampabili al computer. Ma la trascrivere significa riportare un scritto e se la norma dice che lo scritto lo devi riportare sul libro delle decisioni dei soci su quel libro lo devi scrivere.

    Credo che sia il notaio che deve pretendere la consegna del libro sul quale riportere il verbale.

    L'alternativa proposta da Speedy - di allegare allo scritto traslato dal file il verbale su carta con il timbro del notaio - è praticabile, ed io l'adotterei come ultima ratio, poichè non in linea letterale con il disposto legislativo.

    Saluti
    Ho trovato un interessante parere qui:

    http://www.trivenetogiur.it/pag/mass...ano.php?id=165

    Ciao

  5. #5
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    5,162

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Speedy Visualizza Messaggio
    Ho trovato un interessante parere qui:

    http://www.trivenetogiur.it/pag/mass...ano.php?id=165

    Ciao
    Ciao Speedy,

    grazie per il link che mi hai segnalato che mi ha permesso di acquisire il parere del Collegio notarile di Milano.

    Interessante la questione, con una soluzione un pò "all'italiana".

    Mi rendo conto che "trascrizione senza indugio" dei verbali delle decisioni dei soci è un'espressione che non fissa un termine preciso. E quindi giustamente qualche fonte (Banca Dati Memento Pratico Societ&#224 sottolinea che solo la mancata verbalizzazione (e non la ritardata n.d.r.) può essere causa di invalidità della decisione. E che la decisione viene rimessa "in corsa" con una trascrizione antecedente a quella del verbale successivo.

    Una parte della dottrina (vedi Nuovo Diritto Societario - Elena Tradii - n. 3 - 2004 - pag. 17 e ss.) sostiene che il verbale non contestuale può essere ammesso solo nelle S.p.A. data la complessità di funzionamento dell'organo assembleare in queste società, specie se di grandi dimensioni, per cui il verbalizzante trovandosi di fronte all'esigenza di trascrivere molti interventi, è possibile che prima li raccolga e poi in un momento successivo alla seduta li organizzi e li riporti nel libro. In sostanza questa parte della dottrina ritiene che non esista una perfetta uguaglianza di contenuto normativo tra l'art. 2375 e l'art.2478 del codice civile e che la mancata contestuale verbalizzazione non sia possibile nelle Srl.

    Non va dimenticato da ultimo inoltre, che solo gli atti trasmessi con firma digitale al Registro delle imprese sono quelli che fanno fede agli effetti pubblicistici.

    In ogni caso con l'autorevole parere del Consiglio notarile di Milano si può delineare questa procedura:

    1)trascrizione di tutti i verbali sia redatti per atto notarile che per atto privato sul libro dei soci, indicando in calce al verbale i frimatari ;

    2)i verbali redatti per atto pubblico poichè devono riportare la data di verbalizzazione e non la data della seduta e possono essere sottoscritti solo dal notaio, vengono riportati sul libro delle decisioni dei soci, senza alcuna firma e copia autetica dell'atto notarile viene conservata agli atti della società, così come prescrive l'art. 2479, a sostegno della verbalizzazione senza sottoscrizione autentica del notaio sul libro dei soci.

    Cordiali Saluti
    Ultima modifica di Enrico Larocca; 15-09-07 alle 12:01 PM

  6. #6
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Ciao Speedy,

    grazie per il link che mi hai segnalato che mi ha permesso di acquisire il parere del Collegio notarile di Milano.

    Interessante la questione, con una soluzione un pò "all'italiana".

    Mi rendo conto che "trascrizione senza indugio" dei verbali delle decisioni dei soci è un'espressione che non fissa un termine preciso. E quindi giustamente qualche fonte (Banca Dati Memento Pratico Società) sottolinea che solo la mancata verbalizzazione (e non la ritardata n.d.r.) può essere causa di invalidità della decisione. E che la decisione viene rimessa "in corsa" con una trascrizione antecedente a quella del verbale successivo.

    Una parte della dottrina (vedi Nuovo Diritto Societario - Elena Tradii - n. 3 - 2004 - pag. 17 e ss.) sostiene che il verbale non contestuale può essere ammesso solo nelle S.p.A. data la complessità di funzionamento dell'organo assembleare in queste società, specie se di grandi dimensioni, per cui il verbalizzante trovandosi di fronte all'esigenza di trascrivere molti interventi, è possibile che prima li raccolga e poi in un momento successivo alla seduta li organizzi e li riporti nel libro. In sostanza questa parte della dottrina ritiene che non esista una perfetta uguaglianza di contenuto normativo tra l'art. 2375 e l'art.2478 del codice civile e che la mancata contestuale verbalizzazione non sia possibile nelle Srl.

    Non va dimenticato da ultimo inoltre, che solo gli atti trasmessi con firma digitale al Registro delle imprese sono quelli che fanno fede agli effetti pubblicistici.

    In ogni caso con l'autorevole parere del Consiglio notarile di Milano si può delineare questa procedura:

    1)trascrizione di tutti i verbali sia redatti per atto notarile che per atto privato sul libro dei soci, indicando in calce al verbale i frimatari ;

    2)i verbali redatti per atto pubblico poichè devono riportare la data di verbalizzazione e non la data della seduta e possono essere sottoscritti solo dal notaio, vengono riportati sul libro delle decisioni dei soci, senza alcuna firma e copia autetica dell'atto notarile viene conservata agli atti della società, così come prescrive l'art. 2479, a sostegno della verbalizzazione senza sottoscrizione autentica del notaio sul libro dei soci.

    Cordiali Saluti
    Ciao Enrico,

    la soluzione che proponi mi convince. La seguirò anche io.

    Il mio più cordiale saluto

    Speedy

Discussioni Simili

  1. L'eterno dilemma della stufa a pellet
    Di La matta nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-02-13, 04:32 PM
  2. Dilemma: Unico o no?
    Di smurfette nel forum UNICO dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-04-12, 09:37 AM
  3. Trascrizione verbali assemblee
    Di Tasselhoof nel forum Altri argomenti
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 22-11-11, 05:37 PM
  4. termine per la trascrizione della delibera CDA in forma di consultazione scritta
    Di stsimar nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-03-09, 01:23 PM
  5. Dilemma attività
    Di Brandly nel forum Altri argomenti
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 07-05-08, 03:02 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14