Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Deduzione spese auto tabella ACI x agente rappresentante

  1. #1
    xsport è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    3

    Predefinito Deduzione spese auto tabella ACI x agente rappresentante

    Ho appena aperto una partita iva come agente rappresentante e per lavoro viaggio parecchio in auto (circa 60000 km annui). Ho la fortuna di non avere alcuna spesa a riguardo (uso auto, carburante e telepass altrui che non mi figurano in alcun contratto).
    Praticamente a fine anno pagherei tasse su tutto quanto ho fatturato non avendo spese da dedurre. Secondo voi è ipotizzabile far figurare che utilizzo la mia auto personale (riportando tutti i viaggi effettuati con destinazione e chilometraggi) decurtando da quanto fatturato con i compensi, il costo chilometrico ACI nella dichiarazione dei redditi?
    Potrebbe essere possibile anche con l'auto di mia moglie (siamo sposati in separazione dei beni) o con quella di un parente se mi fanno una ricevuta giustificativa del rimborso che gli darei per l'utilizzo della loro auto?
    In questo modo si riuscirebbe a registrare una quantità di spese di gran lunga superiore rispetto al classico metodo dell'utilizzo della propria auto "in comodato d'uso gratuito".

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    31,360

    Predefinito

    Questa si chiama evasione di imposte.

    E se non ricordo male non è consentita.

    saluti

    Citazione Originariamente Scritto da xsport Visualizza Messaggio
    Ho appena aperto una partita iva come agente rappresentante e per lavoro viaggio parecchio in auto (circa 60000 km annui). Ho la fortuna di non avere alcuna spesa a riguardo (uso auto, carburante e telepass altrui che non mi figurano in alcun contratto).
    Praticamente a fine anno pagherei tasse su tutto quanto ho fatturato non avendo spese da dedurre. Secondo voi è ipotizzabile far figurare che utilizzo la mia auto personale (riportando tutti i viaggi effettuati con destinazione e chilometraggi) decurtando da quanto fatturato con i compensi, il costo chilometrico ACI nella dichiarazione dei redditi?
    Potrebbe essere possibile anche con l'auto di mia moglie (siamo sposati in separazione dei beni) o con quella di un parente se mi fanno una ricevuta giustificativa del rimborso che gli darei per l'utilizzo della loro auto?
    In questo modo si riuscirebbe a registrare una quantità di spese di gran lunga superiore rispetto al classico metodo dell'utilizzo della propria auto "in comodato d'uso gratuito".

  3. #3
    xsport è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    3

    Predefinito Ok rettifico

    Mettiamola così: è possibile per un agente rappresentante utilizzare l'auto di proprietà deducendone in dichiarazione dei redditi i costi chilometrici (tabella ACI) relativi agli spostamenti inerenti l'attività (documentati)?
    Grazie per la cortese risposta.

  4. #4
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    31,360

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da xsport Visualizza Messaggio
    Mettiamola così: è possibile per un agente rappresentante utilizzare l'auto di proprietà deducendone in dichiarazione dei redditi i costi chilometrici (tabella ACI) relativi agli spostamenti inerenti l'attività (documentati)?
    Grazie per la cortese risposta.
    No, perchè i costi chilometrici di cui alla tabella aci non rappresentano un costo documentato.

    ciao

  5. #5
    xsport è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    3

    Predefinito Chiedo scusa per la mia insistenza...

    ... ma la dichiarazione dei singoli viaggi giornalieri per andare a visitare i clienti (che quindi rappresentano dei "testimoni" degli effettivi spostamenti insieme agli ordini effettuati) non bastano a "documentare" le spese? Daltronde è la stessa documentazione che un dipendente rilascia al datore di lavoro quando si muove con mezzi propri per la ditta.
    Se invece si utilizzasse l'auto di una terza persona (non dipendente) rimborsandola secondo tabella ACI e traendone relativa ricevuta/dichiarazione?
    Ringrazio anticipatamente per la disponibilità e la sollecitudine delle risposte.

  6. #6
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    31,360

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da xsport Visualizza Messaggio
    ... ma la dichiarazione dei singoli viaggi giornalieri per andare a visitare i clienti (che quindi rappresentano dei "testimoni" degli effettivi spostamenti insieme agli ordini effettuati) non bastano a "documentare" le spese?
    No. Una spesa si dice "documentata" quando è supportata da un documento: carta carburante, telepass, ecc. ecc.


    Citazione Originariamente Scritto da xsport Visualizza Messaggio
    D'altronde è la stessa documentazione che un dipendente rilascia al datore di lavoro quando si muove con mezzi propri per la ditta.
    Sì, ma in questo caso la fattispecie è diversa.


    Citazione Originariamente Scritto da xsport Visualizza Messaggio
    Se invece si utilizzasse l'auto di una terza persona (non dipendente) rimborsandola secondo tabella ACI e traendone relativa ricevuta/dichiarazione?
    Non va bene.

    ciao

  7. #7
    dott.roberto è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    1

    Predefinito

    Penso che xsport abbia aperto una discussione interessante e spero che ci sia qualche parere anche di altri partecipanti. Personalmente io sono possibilista in quanto quando una legge non vieta l’utilizzo di qualcosa quel qualcosa si può fare, quindi per detrarre le spese viaggio sarebbe possibile, secondo me, utilizzare le tabelle dei costi chilometrici, il cui utilizzo tra l’altro è regolato da un decreto statale.
    Inoltre nella determinazione del reddito di impresa o di professione vige un principio che è quello dell’inerenza. Nel bilancio e quindi nella determinazione del reddito tassato occorre sempre considerare qualsiasi elemento contabile (che sia ricavo o spesa o attivo o passivo) che sia inerente l’attività che intraprendo.
    Se consideriamo l’aspetto inerenza dobbiamo dire che l’utilizzo dei costi chilometrici è più attinente a questo principio che utilizzare l’80% dei costi dell’auto (ammortamento, carburante ecc. consigliato dall’art 164 del TUIR) poiché con i costi chilometrici io considero solamente i chilometri dei soli viaggi fatti presso i clienti; mentre con l’80% io do una rappresentazione solo forfettaria delle mie spese viaggio sostenute.
    I costi chilometrici possono rappresentare meglio della scheda carburante le spese viaggio sostenute per l’attività (sappiamo tutti come possono essere manipolate le schede carburante) poiché si possono meglio giustificare attraverso il confronto con il “parco clienti” . E’ quindi di più facile controllo non solo per l’imprenditore con il suo dipendente ma anche da parte dell’Agenzia delle Entrate per l’agente professionista.
    Mi sembra poi una cosa logica che come l’imprenditore possa detrarre dal reddito d’impresa i costi chilometrici ( richiesti dai propri agenti come rimborso) anche il semplice agente professionista abbia la possibilità di farlo nella determinazione del proprio reddito.
    Penso che l’art 164 del TUIR abbia voluto (con il sistema forfettario) creare un sistema in un certo senso più semplice per l’agente e forse più vantaggioso in un certo senso visto che può detrarre l’IVA al 100% sui carburanti e non solo, ma se l’agente ha un metodo più attinente alla realtà (vera inerenza) penso che lui possa utilizzarlo.
    La documentazione che avrò sarà data dalla copia della tabella ACI relativa alla mia auto ad uso promiscuo ed accompagnerò un file con l’elenco nominativo dei clienti contattati nel tempo e relativo chilometraggio.

  8. #8
    Contabile è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,703

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dott.roberto Visualizza Messaggio
    La documentazione che avrò sarà data dalla copia della tabella ACI relativa alla mia auto ad uso promiscuo ed accompagnerò un file con l’elenco nominativo dei clienti contattati nel tempo e relativo chilometraggio.
    Sarà quel file che farà si che che il forfaitario abbia prevalenza sull'analitico.

    Io non ce lo vedo il rappresentante che ogni sera riporti dettagliatamente il percorso fatto durante la giornata con l'indicazione dei clienti visitati ed i chilometri percorsi per spostarsi dall'uno all'altro.
    Dovrebbe a questo punto anche inserire nel file l'indicazione del tratto stradale percorso per dare veridicità all'elencazione predisposta.

    Questo il mio pensiero.
    “Commercialista Telematico. Né SKY, né RAI. Abbonarsi conviene. ”.

    Lavora facile con qualità e risparmio. Lavora CONTABILE TELEMATICO

  9. #9
    sapcons è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    581

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dott.roberto Visualizza Messaggio
    Penso che xsport abbia aperto una discussione interessante e spero che ci sia qualche parere anche di altri partecipanti. Personalmente io sono possibilista in quanto quando una legge non vieta l’utilizzo di qualcosa quel qualcosa si può fare, quindi per detrarre le spese viaggio sarebbe possibile, secondo me, utilizzare le tabelle dei costi chilometrici, il cui utilizzo tra l’altro è regolato da un decreto statale.
    Inoltre nella determinazione del reddito di impresa o di professione vige un principio che è quello dell’inerenza. Nel bilancio e quindi nella determinazione del reddito tassato occorre sempre considerare qualsiasi elemento contabile (che sia ricavo o spesa o attivo o passivo) che sia inerente l’attività che intraprendo.
    Se consideriamo l’aspetto inerenza dobbiamo dire che l’utilizzo dei costi chilometrici è più attinente a questo principio che utilizzare l’80% dei costi dell’auto (ammortamento, carburante ecc. consigliato dall’art 164 del TUIR) poiché con i costi chilometrici io considero solamente i chilometri dei soli viaggi fatti presso i clienti; mentre con l’80% io do una rappresentazione solo forfettaria delle mie spese viaggio sostenute.
    I costi chilometrici possono rappresentare meglio della scheda carburante le spese viaggio sostenute per l’attività (sappiamo tutti come possono essere manipolate le schede carburante) poiché si possono meglio giustificare attraverso il confronto con il “parco clienti” . E’ quindi di più facile controllo non solo per l’imprenditore con il suo dipendente ma anche da parte dell’Agenzia delle Entrate per l’agente professionista.
    Mi sembra poi una cosa logica che come l’imprenditore possa detrarre dal reddito d’impresa i costi chilometrici ( richiesti dai propri agenti come rimborso) anche il semplice agente professionista abbia la possibilità di farlo nella determinazione del proprio reddito.
    Penso che l’art 164 del TUIR abbia voluto (con il sistema forfettario) creare un sistema in un certo senso più semplice per l’agente e forse più vantaggioso in un certo senso visto che può detrarre l’IVA al 100% sui carburanti e non solo, ma se l’agente ha un metodo più attinente alla realtà (vera inerenza) penso che lui possa utilizzarlo.
    La documentazione che avrò sarà data dalla copia della tabella ACI relativa alla mia auto ad uso promiscuo ed accompagnerò un file con l’elenco nominativo dei clienti contattati nel tempo e relativo chilometraggio.
    Quoto al 100%.
    Questo ragionamento lo vedo applicato da anni anche da amministratori di società che utilizzano l'auto privata e portano in deduzione i costi chilometrici valorizzati con tabelle aci sulla base di Dichiarazioni Mensili Piè di Lista nel quale si dettaglia Cliente / Attività erogata e km percorsi etc...

  10. #10
    senese8 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    46

    Predefinito

    sarà...ma io non ne vedo la convenienza!non ne parliamo poi in termini di tempo da dedicare a questo "file".....cmnq anche sulle schede carburanti gli agenti devono inserire il kilometraggio ad ogni rifornimento se non sbaglio...ciao!

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Tabella spese minimi
    Di studiovera nel forum UNICO dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-05-13, 03:46 PM
  2. Agente rappresentante e spese di rappresentanza
    Di batclick2003 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 20-07-11, 01:23 PM
  3. Agente e rappresentante di commercio
    Di daylight nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-04-09, 04:04 PM
  4. Agente Rappresentante
    Di Sezz nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-03-08, 02:58 PM
  5. Deduzione Spese Gestione Auto Dal 50 Al 25
    Di kunack nel forum AUTO E AUTOCARRI
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-12-06, 09:37 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14