Pagina 2 di 3 PrimaPrima 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 25

Discussione: DeducibilitÓ Leasing autovetture/detraibilitÓ IVA/

  1. #11
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto Ŕ offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Catania
    Messaggi
    31,360

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da robil Visualizza Messaggio
    L'art. 164 del dpr 917/86 contiene la risposta. Devo dire che in materia autoveicoli la fantasia dei contribuenti galoppa nella ricerca del risparmio fiscale.
    .... che nella maggior parte dei casi arriva a sfiorare anche i 20-30 euro annui
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  2. #12
    SALVO70 Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    1

    Predefinito leasing auto

    salvo
    Ho ricevuto il max canone su un leasing auto, in contabilitÓ Ŕ stata registrata il 40% deducibile, 60% indeducibile compresa la quota dell' iva indetraibile;
    al 31/12/... come si risconta?

  3. #13
    Fabio Preda Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Buongiorno, se Ŕ possibile mi riallaccerei alla discussione per porre delle domande che mi riguardano da vicino. Sono dipendente e vorrei "disfarmi" della mia auto privata per proporre all'azienda una sorta di noleggio a lungo termine (full service, leasing, uso promiscuo... purtroppo non conosco la materia e le differenze) dove avrei a mia disposizione un'auto sia per lavorare, sia per il tempo libero. La domanda Ŕ puramente fiscale e di deducibilitÓ per "ingolosire" (passatemi il termine visto che mi accollerei i costi che riguardano l'uso dell'auto nel tempo libero) il datore di lavoro a compiere questo passo. L'equilibrio dovrei raggiungerlo proponendo qualcosa in cui il datore riuscirebbe a scaricare e recuperare il pi¨ possibile, mentre io mi libererei del "fardello" di avere un'auto di proprietÓ. Mi rendo conto che la questione Ŕ difficile, ma spero in un vostro aiuto.
    Grazie

  4. #14
    robil Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,261

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Fabio Preda Visualizza Messaggio
    Buongiorno, se Ŕ possibile mi riallaccerei alla discussione per porre delle domande che mi riguardano da vicino. Sono dipendente e vorrei "disfarmi" della mia auto privata per proporre all'azienda una sorta di noleggio a lungo termine (full service, leasing, uso promiscuo... purtroppo non conosco la materia e le differenze) dove avrei a mia disposizione un'auto sia per lavorare, sia per il tempo libero. La domanda Ŕ puramente fiscale e di deducibilitÓ per "ingolosire" (passatemi il termine visto che mi accollerei i costi che riguardano l'uso dell'auto nel tempo libero) il datore di lavoro a compiere questo passo. L'equilibrio dovrei raggiungerlo proponendo qualcosa in cui il datore riuscirebbe a scaricare e recuperare il pi¨ possibile, mentre io mi libererei del "fardello" di avere un'auto di proprietÓ. Mi rendo conto che la questione Ŕ difficile, ma spero in un vostro aiuto.
    Grazie
    Rientrereste nel caso di concessione dell'auto al dipendente per la maggior parte del periodo d'imposta. Questo comporta un reddito in capo al dipendente per il reddito in natura percepito (rappresentato dalla concessione in uso dell'auto) e una deducibilitÓ in capo al datore di lavoro dei costi inerenti l'auto pari al 90% fino a "ieri" e al 70% dal 2013 (anno con ogni probabilitÓ di vostro interesse).

    PS Ŕ da tener conto che la materia negli ultimi anni od anche mesi ha subito continue variazioni pertanto la pianificazione fiscale non Ŕ da considerarsi statica negli anni.

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  5. #15
    Fabio Preda Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da robil Visualizza Messaggio
    Rientrereste nel caso di concessione dell'auto al dipendente per la maggior parte del periodo d'imposta. Questo comporta un reddito in capo al dipendente per il reddito in natura percepito (rappresentato dalla concessione in uso dell'auto) e una deducibilitÓ in capo al datore di lavoro dei costi inerenti l'auto pari al 90% fino a "ieri" e al 70% dal 2013 (anno con ogni probabilitÓ di vostro interesse).

    PS Ŕ da tener conto che la materia negli ultimi anni od anche mesi ha subito continue variazioni pertanto la pianificazione fiscale non Ŕ da considerarsi statica negli anni.

    Faccio fatica a capire, questo vuol dire che l'intera rata dell'auto sarebbe a mio carico e detratta dalla busta paga mentre il datore di lavoro, che mi paga le spese di lavoro, detrarrebbe il 90%? (Esempio benzina, autostrada ecc...)

  6. #16
    robil Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,261

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Fabio Preda Visualizza Messaggio
    Faccio fatica a capire, questo vuol dire che l'intera rata dell'auto sarebbe a mio carico e detratta dalla busta paga mentre il datore di lavoro, che mi paga le spese di lavoro, detrarrebbe il 90%? (Esempio benzina, autostrada ecc...)
    L'auto viene acquistata dal datore di lavoro e pertanto pagata dallo stesso e rimane di sua proprietÓ. Il datore di lavoro deduce (2013) il 70% del costo senza limiti se questa stessa auto viene concessa in uso al dipendente per la maggior parte del periodo d'imposta (dell'anno per intenderci). In capo al dipendente questa concessione in uso rappresenta un fringe benefit ossia un reddito in natuta che deve essere tassato. Per gli autoveicoli, i motocicli ed i ciclomotori concessi in uso promiscuo ai dipendenti (cioŔ per un uso sia aziendale che personale del lavoratore), si assume come valore convenzionale il 30% dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15.000 km, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali dell’Automobile club d’Italia (ACI), al netto delle somme eventualmente trattenuti al dipendente (ossia nel caso in cui per esempio vi sia un accordo che all'acquisto concorra anche il dipendente per una determinata percentuale es.. 100 Euro mensili).

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  7. #17
    crisy Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    345

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da robil Visualizza Messaggio
    L'auto viene acquistata dal datore di lavoro e pertanto pagata dallo stesso e rimane di sua proprietÓ. Il datore di lavoro deduce (2013) il 70% del costo senza limiti se questa stessa auto viene concessa in uso al dipendente per la maggior parte del periodo d'imposta (dell'anno per intenderci). In capo al dipendente questa concessione in uso rappresenta un fringe benefit ossia un reddito in natuta che deve essere tassato. Per gli autoveicoli, i motocicli ed i ciclomotori concessi in uso promiscuo ai dipendenti (cioŔ per un uso sia aziendale che personale del lavoratore), si assume come valore convenzionale il 30% dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15.000 km, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali dell’Automobile club d’Italia (ACI), al netto delle somme eventualmente trattenuti al dipendente (ossia nel caso in cui per esempio vi sia un accordo che all'acquisto concorra anche il dipendente per una determinata percentuale es.. 100 Euro mensili).
    Nell?ipotesi di furgone-autocarro, si pu˛ ipotizzare comunque una concessione in uso al dipendente, con tassazione del benefit?

  8. #18
    robil Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,261

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da crisy Visualizza Messaggio
    Nell?ipotesi di furgone-autocarro, si pu˛ ipotizzare comunque una concessione in uso al dipendente, con tassazione del benefit?
    La norma individua precisamente le tipologie di autoveicoli interessati e non comprende gli autocarri. Non si comprende tuttavia l'esigenza di applicare questa norma ad un autocarro posto che se inerente l'attivitÓ Ŕ per propria natura deducibile al 100% dalle imposte sui redditi e l'iva Ŕ detraibile al 100%. L'utilizzo eventuale ad uso personale del datore di lavoro o di un suo dipendente di fatto dovrebbe comportare una diminuzione della percentuale di deducibilitÓ in funzione dell'uso in base al generale principio fiscale di inerenza (deducibilitÓ dei costi inerenti l'attivitÓ di impresa).

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  9. #19
    crisy Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    345

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da robil Visualizza Messaggio
    La norma individua precisamente le tipologie di autoveicoli interessati e non comprende gli autocarri. Non si comprende tuttavia l'esigenza di applicare questa norma ad un autocarro posto che se inerente l'attivitÓ Ŕ per propria natura deducibile al 100% dalle imposte sui redditi e l'iva Ŕ detraibile al 100%. L'utilizzo eventuale ad uso personale del datore di lavoro o di un suo dipendente di fatto dovrebbe comportare una diminuzione della percentuale di deducibilitÓ in funzione dell'uso in base al generale principio fiscale di inerenza (deducibilitÓ dei costi inerenti l'attivitÓ di impresa).
    Proprio per evitare contestazioni nei casi in cui venisse utilizzato anche per fini personali,posto che i costi vengono dedotti interamente. E' in sostanza il datore che vuole concedere l'uso del mezzo, io in realtÓ ho sconsigliato di far circolare il mezzo nei gg festivi...o cmq per finalitÓ diverse.

  10. #20
    robil Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,261

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da crisy Visualizza Messaggio
    Proprio per evitare contestazioni nei casi in cui venisse utilizzato anche per fini personali,posto che i costi vengono dedotti interamente. E' in sostanza il datore che vuole concedere l'uso del mezzo, io in realtÓ ho sconsigliato di far circolare il mezzo nei gg festivi...o cmq per finalitÓ diverse.
    Rimane a discrezione del titolare la stima della % di deducibilitÓ Imposte sul reddito e detraibilitÓ IVA. Pi¨ che altro analizzerei con attenzione il contratto di assicurazione RC per evitare che vi siano clausole che limitino la copertura per determinati conducenti e/o usi.

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 1 2 3 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Autovetture detraibilitÓ
    Di sampras75 nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-10-11, 08:28 AM
  2. DeducibilitÓ autovetture art. 164
    Di marco.M nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 01-07-10, 11:52 AM
  3. DetraibilitÓ iva autovetture
    Di maxpatti79 nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-02-09, 05:18 PM
  4. DeducibilitÓ / detraibilitÓ Spese Autovetture Cellulari
    Di 3rs nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 12-02-09, 08:45 PM
  5. DeducibilitÓ leasing autovetture.
    Di AlessandroV. nel forum UNICO dichiarazione dei redditi
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 30-05-08, 10:09 AM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14