Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Ingegnere, dipendente e libero professionista

  1. #1
    massymessina è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Siracusa
    Messaggi
    206

    Predefinito Ingegnere, dipendente e libero professionista

    Un ingegnere che oltre ad essere dipendente ha anche aperto partita IVA come libero professionista, rientrante nel regime dei "superminimi", come deve comportarsi ai fini contributivi?
    Su vari forum ho letto che ha obbligo di iscrizione alla gestione separata.
    Lui ha aperto la partita IVA dal 2010 ma ancora non ha effettuato alcuna iscrizione nè all'Inarcassa e nè alla gestione separata INPS. Cosa deve fare? Può continuare a non effettuare alcuna iscrizione usufruendo dei contributi previdenziali pagati dal suo sostituto d'imposta in qualità di dipendente?
    Lo stessa persona ha poi ampliato la partita iva come produttore agricolo nel 2011, vi sono altri adempimenti ai fini previdenziali?
    Grazie in anticipo

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    30,216

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da massymessina Visualizza Messaggio
    Può continuare a non effettuare alcuna iscrizione usufruendo dei contributi previdenziali pagati dal suo sostituto d'imposta in qualità di dipendente?
    Io dico di no.
    Ma che rapporto c'è tra il reddito da lavoro autonomo e quello da dipendente?
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  3. #3
    mapellone è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    526

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da massymessina Visualizza Messaggio
    Un ingegnere che oltre ad essere dipendente ha anche aperto partita IVA come libero professionista, rientrante nel regime dei "superminimi", come deve comportarsi ai fini contributivi?
    Su vari forum ho letto che ha obbligo di iscrizione alla gestione separata.
    Lui ha aperto la partita IVA dal 2010 ma ancora non ha effettuato alcuna iscrizione nè all'Inarcassa e nè alla gestione separata INPS. Cosa deve fare? Può continuare a non effettuare alcuna iscrizione usufruendo dei contributi previdenziali pagati dal suo sostituto d'imposta in qualità di dipendente?
    Lo stessa persona ha poi ampliato la partita iva come produttore agricolo nel 2011, vi sono altri adempimenti ai fini previdenziali?
    Grazie in anticipo
    I contributi (salvo il caso dell'aliquota ridotta per la gestione separata) si versano per l'attività abituale e prevalente. E' certo che se si tratta di lavoro dipendente a tempo pieno l'abitualità e la prevalenza sono facilmente dimostrabili. In questo caso nessun'altra scrizione sarebbe dovuta, tantomeno per l'attività agricola.

Discussioni Simili

  1. ingegnere libero professionista e associato in partecipazione
    Di paolodaru nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-02-13, 11:55 AM
  2. Ingegnere libero professionista con seconda attività
    Di alebassa nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-10-11, 11:30 AM
  3. tasse per ingegnere libero professionista
    Di betty nel forum UNICO dichiarazione dei redditi
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-03-09, 09:10 AM
  4. Da libero professionista a dipendente di impresa..
    Di Geomalex nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-07-08, 08:31 AM
  5. Lavoratore Dipendente e libero Professionista
    Di gabriele nel forum Altri argomenti
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-12-07, 04:10 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14