Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Riassunzione presso la CTP

  1. #1
    massymessina è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Siracusa
    Messaggi
    207

    Predefinito Riassunzione presso la CTP

    Il mio problema è questo:

    un contribuente ha impugnato una cartella di pagamento relativa a contributi consortili davanti al giudice di pace.
    Il giudice, dichiarando il proprio difetto di giurisdizione, ha applicato la traslatio iudicii disponendo che la causa venisse riassunta presso la commissione tributaria entro 90 giorni.

    A questo punto, si deve fare una semplice istanza di riassunzione o un nuovo ricorso in riassunzione che contenga il testo del ricorso proposto presso il giudice di pace?

    E poi, il fascicolo processuale depositato presso la cancelleria del giudice di pace chi lo porterà in commissione tributaria?

    Massimiliano

  2. #2
    fabioalessandro è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Milano/Pavia/Napoli
    Messaggi
    1,542

    Predefinito

    bella domanda sono proprio curioso di leggere le risposte
    io non ne ho idea
    però io opterei per un nuovo ricorso con allegato il vecchio
    credo che dovresti anche allegare la entenza del giudice di pace
    ma in commissione non hai chiamato per informarti?

  3. #3
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    31,125

    Predefinito

    Io mi farei indirizzare dalla segreteria della commissione che ha emesso tale ordinanza.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  4. #4
    massymessina è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Siracusa
    Messaggi
    207

    Predefinito

    L'art. 59 della Legge n. 69/2009 statuisce:

    (Decisione delle questioni di giurisdizione)
    1. Il giudice che, in materia civile, amministrativa, contabile, tributaria o di giudici speciali, dichiara il proprio difetto di giurisdizione indica altresì, se esistente, il giudice nazionale che ritiene munito di giurisdizione. La pronuncia sulla giurisdizione resa dalle sezioni unite della Corte di cassazione è vincolante per ogni giudice e per le parti anche in altro processo.
    2. Se, entro il termine perentorio di tre mesi dal passaggio in giudicato della pronuncia di cui al comma 1, la domanda è riproposta al giudice ivi indicato, nel successivo processo le parti restano vincolate a tale indicazione e sono fatti salvi gli effetti sostanziali e processuali che la domanda avrebbe prodotto se il giudice di cui è stata dichiarata la giurisdizione fosse stato adito fin dall'instaurazione del primo giudizio, ferme restando le preclusioni e le decadenze intervenute. Ai fini del presente comma la domanda si ripropone con le modalità e secondo le forme previste per il giudizio davanti al giudice adito in relazione al rito applicabile.
    3. Se sulla questione di giurisdizione non si sono già pronunciate, nel processo, le sezioni unite della Corte di cassazione, il giudice davanti al quale la causa è riassunta può sollevare d'ufficio, con ordinanza, tale questione davanti alle medesime sezioni unite della Corte di cassazione, fino alla prima udienza fissata per la trattazione del merito. Restano ferme le disposizioni sul regolamento preventivo di giurisdizione.
    4. L'inosservanza dei termini fissati ai sensi del presente articolo per la riassunzione o per la prosecuzione del giudizio comporta l'estinzione del processo, che è dichiarata anche d'ufficio alla prima udienza, e impedisce la conservazione degli effetti sostanziali e processuali della domanda.
    5. In ogni caso di riproposizione della domanda davanti al giudice di cui al comma 1, le prove raccolte nel processo davanti al giudice privo di giurisdizione possono essere valutate come argomenti di prova.



    Pertanto, ai sensi del comma 2 la domanda si ripropone con le modalità e secondo le forme previste per il giudizio davanti al giudice adito in relazione al rito applicabile, cioè con tutte le modalità previste per la proposizione del ricorso.

    Ma secondo voi non possono essere aggiunti nuovi motivi di ricorso? Io credo di no, ma mi piacerebbe avere il vostro parere.

    Per quanto riguarda il fascicolo processuale in CTP sostengono che non vi sia alcuno scambio di atti tra Organi Giurisdizionali differenti.

  5. #5
    fabioalessandro è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Milano/Pavia/Napoli
    Messaggi
    1,542

    Predefinito

    io direi di no a sto punto

Discussioni Simili

  1. Riassunzione dipendente con 407/90.
    Di antonellos nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-05-12, 01:42 PM
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 19-03-12, 11:02 AM
  3. riassunzione dipendente
    Di GIUSE09 nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-07-11, 09:13 AM
  4. licenziamento e riassunzione
    Di roxyg86 nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 14-10-10, 11:37 AM
  5. riassunzione
    Di soleluna2588 nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16-12-09, 11:50 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14