Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: inps nel regime dei minimi

  1. #1
    rickymi è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    13

    Predefinito inps nel regime dei minimi

    ciao a tutti, ho un dubbio atroce (capirai, fosse uno solo...) :-)

    Ma la gestione separata obbligatoria (lo è vero?) dell'inps relativa alla partita iva in regime dei minimi è la stessa che si usa, ad esempio, nei contratti a progetto? Se sì, non serve una nuova iscrizione giusto?

    E poi c'è un aspetto che scopro ora. So che si paga il 24 e qualcosa per cento, non mi è chiaro però su COSA. Cioè, se ho un totale annuo di ricavi di 20.000 euro (compresa la rivalsa del 4% giusto?), e a questi tolgo 3.000 euro di costi, arrivo a 16.000; Su questi 16.000 calcolo l'inps? E ogni quanto la devo versare?

    Inoltre, aspetto importante. Ho letto di un acconto che va versato per l'anno successivo, è vero? Vale anche per il regime dei minimi? Questa è una mazzata....


    grazie a tutti!

  2. #2
    Rob62 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    525

    Predefinito

    Ciao, in sintesi la gestione separata INPS è un calderone in cui finiscono professionisti, contrattisti e quant'altri non sono dipendenti e non hanno cassa propria (come professionisti con albo), o sono soggetti alla gestione INPS di artigiani e commercianti.
    Quindi non tutti i minimi.

    Se si è soggetti alla gestione separata, paghi i contributi sul reddito netto come hai indicato nell'esempio, tramite la dichiarazione dei redditi.

    Si deve sì pagare l'acconto, ma la mazzata è solo apparente, in quanto il primo anno si pagano i contributi successivamente alla maturazione del reddito (quindi quelli del 2009 nel giugno 2010); per questo è opportuno considerare che parte degli incassi 2009 siano solo un "deposito" del cliente per conto dell'INPS, cui si dovranno versare l'anno successivo assieme alle imposte.

    Nel 2010 si deve pagare un acconto dell'80% rispetto a quanto maturato l'anno precedente, in due rate (come le imposte); esso riguarda i redditi che si stanno realizzando nello stesso 2010, quindi ecco che sembra di pagare "doppio", ma non è così; basta avere l'accortezza di non considerare spendibili gli incassi 2009 pari ai contributi (cioè - se proprio non si resiste - a metterli su un libretto, meglio su un conto web che rende ecc). Avvisa quindi il cliente in tal senso (non lo farà di certo è protesterà per la mazzata, ma almeno non potrà lamentarsi con te )

    Roberto

  3. #3
    rickymi è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    13

    Predefinito

    grazie Rob, cmq l'informazione è per me, sono io l'imbranato

    ma l'inps è deducibile? ma dall'anno seguente giusto? avendo nell'anno X pagato inps come contratto a progetto, questo posso poi metterlo come detrazione nell'anno X+1 ?

    Comunque non mi è chiaro ancora l'acconto per l'anno successivo... cioè l'acconto lo pago dal secondo anno o il primo anno di apertura di partiva iva? e se poi la chiudo!?

    grazie mille!

  4. #4
    Rob62 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    525

    Predefinito

    Ciao, la gestione dei contratti a progetto la conosco poco o nulla dal punto di vista dichiarativo, ma mi sembrava fosse identica a quella dei dipendenti, quindi con il CUD che riporta valori di reddito imponibile già netti dei contributi; per non dire stupidaggini mi astengo.

    Per il regime dei minimi la detrazione dei contributi viaggia per cassa, quindi quando li paghi.

    Se nel 2009 apri partita IVA ed entri nel regime dei minimi, dovrai calcolare i contributi nel 2010 e pagarli in toto, nonché versare le due rate di acconto per lo stesso 2010. Quindi scarichi tutto nel 2010.

    In altro post si discuteva se era possibile "anticipare" i contributi per evitare problemi con i cambi di aliquote per scaglione, ma qui l'aliquota è unica per cui l'unico problema potrebbe derivare dal fatto che il primo anno (2009) il reddito risulterà più alto (perché non hai i contributi da scaricare) e quindi l'acconto INPS sarà in teoria più alto; però nessuno poi ti impone di pagare l'intero 80%, puoi pagare l'acconto INPS di novembre in base alle previsioni di reddito netto.

    Se chiudi la partita IVA l'anno prossimo potrai calcolare i contributi dovuti fino alla chiusura e ridurre l'acconto. Ma comunque anche se paghi qualcosa in più del dovuto, pensa che avrai comunque fra trecentoquarantadue anni la pensione più alta di qualche centesimo

    Roberto

  5. #5
    rickymi è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    13

    Predefinito

    Grazie Rob, sei molto gentile, ma continuo ad avere tanta confusione....

    Se io domani apro partita Iva, quest'anno di Inps che pago? Leggendo qui e là ci sono tre scuole di pensiero:

    - non pago nulla, pago tutto dall'anno prossimo
    - pago "solo" l'inps delle fatture di quest'anno
    - pago quella di quest'anno più acconti vari dell'anno prossimo (suicidio per me)

    Boh?! Il problema è che a me la partita iva probabilmente servirebbe solo quest'anno, se l'anno prossimo già non mi serve più che devo fare?!

  6. #6
    Rob62 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    525

    Predefinito

    Ciao, per me è la prima, salvo che anche l?INPS abbia emanato una normativa particolare sugli acconti dei minimi di cui ammetto di non essere a conoscenza.

    la tre non esiste proprio perché si pagano acconti per i redditi che si presume siano già maturati (a novembre si presume che tu abbia già maturato quasi tutto, ma naturalmente puoi versare meno se sei certo di essere in un anno di magra), non per quelli dell'anno sucessivo.

    Piuttosto mi sembra poco pratico aprire la partita IVA solo per un anno , perché a quel punto ti conviene cercare di fare un contratto a progetto o un contratto a tempo determinato come dipendente.

    Pensaci bene, se non credi di diventare autonomo stabile per almeno qualche anno, vedi di insistere un po' per soluzioni alternative .

    Cordialmente

    Roberto

  7. #7
    rickymi è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    13

    Predefinito

    grazie rob

    non è sicuro l'uso solo per un anno della Partita Iva, anzi spero proprio di no, pero' non lo posso escludere del tutto...

    Comunque forse inizio a capire qualcosa (forse eh!). Se apro partita iva oggi, l'inps la pago comunque nel 2010, e l'anno prossimo pagherò anche l'inps come acconto per il 2011 (relativa al reddito del 2010). Forse eh...

Discussioni Simili

  1. contributi inps regime dei minimi
    Di studio-10 nel forum F24 e invii telematici
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-06-11, 02:28 PM
  2. contributi INPS e regime dei minimi
    Di giuseppet nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-07-10, 11:26 AM
  3. contributi inps - regime minimi
    Di ale.rix nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-10-09, 08:57 AM
  4. Regime dei Minimi e Inps
    Di alessio72 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-05-09, 03:28 PM
  5. Contributi inps e regime dei minimi
    Di Pachiderma nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-02-08, 05:50 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15