Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Problemi impresa familiare.

  1. #1
    Aria è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    24

    Predefinito Problemi impresa familiare.

    Come prima cosa ci tenevo a fare i complimenti a tutti i fruitori del forum ed in modo particolare ai moderatori dello stesso, sempre pronti a fornire utilissime informazioni.

    Ed ecco a voi il caso "pratico" che mi sta dando moltissime noie non trovando fonti utili nè sulla rete (forse è colpa mia) nè sui testi a disposizione.

    IL CASO:

    Alla morte dell'imprenditore lascia la moglie e due figli. L'attività commerciale viene continuata dalla moglie in nome proprio, essendo i figli ancora minorenni.
    Successivamente un fliglio diventa partecipe con il suo riconoscimento nell'impresa familiare.
    Dopo vari anni la madre cede al figlio partecipe l'intera azienda.
    Successivamente il secondo figlio rivendica i propri diritti sull'azienda, sia come utili sia come avviamento per la cessione al fratello.
    Dopo vari gradi di giudizio (con l'ultimo la Corte di Appello riteneva legittime le rivendicazioni mosse) le parti raggiungono un accordo transattivo con il quale il fratello, ora titolare, riconosce all'altro un certo importo a scomputo della sua quota di comproprietà dell'azienda rivendicata.

    DOMANDA/E:

    Che natura ha, dal punto di vista fiscale, il compenso riconosciuto al fratello convenuto?
    Può essere considerato alla stregua di un avviamento?
    L'atto di transazione è soggetto a registrazione e quindi soggetto ad imposta di registro? Se si, in che misura?

    P.S. Mi scuso per la lunghezza del post ma non trovo altra soluzione.

  2. #2
    Contabile è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,899

    Predefinito

    Troppo generiche le informazioni e senza poter approfondire sulla base della documentazione non è facile esprimere un parere che possa limare ogni dubbio.
    “Commercialista Telematico. Né SKY, né RAI. Abbonarsi conviene. ”.

    Lavora facile con qualità e risparmio. Lavora CONTABILE TELEMATICO

  3. #3
    kennedy08 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    847

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Aria Visualizza Messaggio
    Come prima cosa ci tenevo a fare i complimenti a tutti i fruitori del forum ed in modo particolare ai moderatori dello stesso, sempre pronti a fornire utilissime informazioni.

    Ed ecco a voi il caso "pratico" che mi sta dando moltissime noie non trovando fonti utili nè sulla rete (forse è colpa mia) nè sui testi a disposizione.

    IL CASO:

    Alla morte dell'imprenditore lascia la moglie e due figli. L'attività commerciale viene continuata dalla moglie in nome proprio, essendo i figli ancora minorenni.
    Successivamente un fliglio diventa partecipe con il suo riconoscimento nell'impresa familiare.
    Dopo vari anni la madre cede al figlio partecipe l'intera azienda.
    Successivamente il secondo figlio rivendica i propri diritti sull'azienda, sia come utili sia come avviamento per la cessione al fratello.
    Dopo vari gradi di giudizio (con l'ultimo la Corte di Appello riteneva legittime le rivendicazioni mosse) le parti raggiungono un accordo transattivo con il quale il fratello, ora titolare, riconosce all'altro un certo importo a scomputo della sua quota di comproprietà dell'azienda rivendicata.

    DOMANDA/E:

    Che natura ha, dal punto di vista fiscale, il compenso riconosciuto al fratello convenuto?
    Può essere considerato alla stregua di un avviamento?
    L'atto di transazione è soggetto a registrazione e quindi soggetto ad imposta di registro? Se si, in che misura?

    P.S. Mi scuso per la lunghezza del post ma non trovo altra soluzione.

    Lo sai che e' proprio un problema questa storia?
    Facciamoci delle domande.
    Il fratello e' stato escluso dalla iniziale sua quota di comproprieta' nell'azienda giusto?
    Come ha condotto la mamma l'azienda successivamente alla morte del coniuge?
    Come ditta individuale?
    Non so se quanto riconosciuto al fratello sia un reddito ... piuttosto un risarcimento.
    Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle.
    Voltaire

  4. #4
    Aria è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    24

    Predefinito

    E si, è davvero un bel problemino.
    Il fratello è stato escluso "tacitamente" in quanto assolutamente non interessato alle varie vicissitudini familiari.
    La madre ha continuato sotto forma di ditta individuale.

    Mha, strana situazione.

Discussioni Simili

  1. "trasformazione" da impresa familiare a impresa individuale
    Di SanVigo nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-06-11, 10:45 AM
  2. Impresa familiare
    Di Patty76 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 30-06-09, 03:45 PM
  3. Problemi Con Impresa Familiare
    Di gio7384 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-03-09, 07:29 PM
  4. Impresa familiare
    Di lucamarabese nel forum Altri argomenti
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-02-09, 10:26 AM
  5. 5% collaboratore familiare impresa familiare
    Di n.menk nel forum Studi di settore
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-09-08, 02:02 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15