Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: problema derivati

  1. #1
    Rob62 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    523

    Predefinito problema derivati

    Tempo addietro il banchiere De Farbuttis non era riuscito a far crescere gli utili in modo proporzionale alla crescita del suo girovita. Pensa che ti ripensa, scartata per principio una dieta, escogitò una meravigliosa soluzione.
    Si recò dal suo affezionato cliente, l'imprenditore Faccioìo, proponendogli uno strumento finanziario derivato che lo avrebbe miracolosamente messo al riparo dalle tempeste valutarie, dagli sconquassi finanziari, dal morbillo, dalla rosolia e dal malocchio della suocera.

    L'imprenditore Faccioìo si commosse per tanta generosa disponibilità e - in omaggio al principio nomen-omen - evitò di consultare il consulente, il quale - non essendo consultato - non poté avvisarlo che detto strumento gli avrebbe anche garantito di rimetterci una barca di soldi.

    Constatatolo direttamente più volte, l'imprenditore Faccioìo si recò alla Prefettura e si fece modificare il cognome in Faccialèi, dopodiché convocò il consulente e - a seguito del novellato nomen-omen - gli chiese di fare qualcosa.

    Il consulente chiese quindi un incontro con il banchiere De Farabuttis, che si terrà prossimamente.
    Il consulente sa che il banchiere de Farabuttis ed i colleghi sono stati "dall'alto" fermamente invitati a non impantanarsi in cause legali per danni; il banchiere De Farabuttis sa che l'imprenditore Faccioìo ha bisogno della banca; il consulente sa che la peggior pace è meglio della miglior guerra ma ritiene anche che quando ti vengono addosso con un carro armato è opportuno quanto meno calzare un elmetto.

    Intenderebbe quindi chiedere alla banca di aprire una linea di credito a tasso euribor con il quale chiudere il derivato, da rimborsare piano piano e di chiedere una limatura su tassi e spese, in modo da salvare la faccia a De Farabuttis ed evitare all'imprenditore Faccioìo di dover lavorare per pagare il meraviglioso strumento finanziario.

    Dato che pare che il banchiere De Farabuttis sia ultimamente rimasto a digiuno quindi si presume che sia particolarmente vorace, possono gli esimi colleghi del forum offrire qualche suggerimento al consulente sulla base delle loro esperienze in merito?

    Grazie

    Roberto

  2. #2
    kennedy08 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    847

    Predefinito

    Non ho esperienze dirette in merito ma ho letto qua e' la' come spesso si giunga a vere e proprie conciliazioni, il che fa pensare che una guerra e' pur sempre iniziata casomai con un veloce armistizio.
    Mi domando quante imprese (non privati) godessero poi di tutta questa liquidita' da investire nei derivati... forse tutti quelli che ne hanno visto un vero e proprio business a se'.


    Complimenti per il sistema di raccontare, mi ricorda molto topolino.
    topolino: il consulente
    de farabuttis: pietro gambadilegno
    faccioio: pippo
    Ultima modifica di kennedy08; 19-02-09 alle 07:39 AM
    Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle.
    Voltaire

  3. #3
    Rob62 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    523

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kennedy08 Visualizza Messaggio
    Mi domando quante imprese (non privati) godessero poi di tutta questa liquidita' da investire nei derivati... forse tutti quelli che ne hanno visto un vero e proprio business a se'.
    Ciao, grazie per il parere;

    purtroppo non si tratta di liquidità da investire; in pratica firmi un contratto sulla base del quale tu devi soldi alla banca o la banca li deve a te in base a certi parametri che si svuiluppano nel tempo; in teoria, una specie di assicurazione, a fronte di condizioni negative di mercato, cui ha abboccato chi lavora spesso con l'estero.

    So per certo che le banche hanno sempre incassato (tranne in un caso - divenuto noto a livello nazionale, ma perché la banca aveva inserito un dato sbagliato nel contratto ).

    Si tratta di situazioni talmente grottesche che in effetti vien naturale esporle un po' sopra le righe, perché sarebbe bastato avvisarmi e il cliente avrebbe risparmiato un battello di soldi. Però mi dà comunque fastidio veder imbrogliare così la gente

    Roberto

Discussioni Simili

  1. Derivati Speculativi: Aspetti fiscali
    Di Dab nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-12-12, 10:31 AM
  2. derivati di copertura cambi
    Di francescacristina nel forum Altri argomenti
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 26-05-11, 09:40 AM
  3. Derivati di copertura e N.I.
    Di ergo3 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-03-10, 02:39 PM
  4. Derivati
    Di dott.mamo nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-03-08, 08:29 AM
  5. derivati: irs copetura rischio tassi
    Di sgambalonga nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-07-07, 02:45 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15