Pagina 3 di 5 PrimaPrima 1 2 3 4 5 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 46

Discussione: Lapet

  1. #21
    pipelly è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,569

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da shailendra Visualizza Messaggio
    Vorrei dire la mia su questa annosa questione.
    Io sono un triburatista e non un commercialista. Sono uno di quelli iscritti agli elenchi tenuti dalla Cciaa, per cui potrei anche fare Commissione Tributaria, ma non me lo sognerei mai, perchè non l'ho mai imparato e non ne sono capace. Come non mi sognerei mai di tenere o di dare consulenza ad una spa, che non so neanche da che parte si comincia.
    Io ho lavorato per vari anni in uno studio, un centro elaborazione dati, e quando mi sono sentito pronto mi sono messo in proprio. Poi, con coscienza, mi sono sempre tenuto aggiornato e penso di fare bene il mio lavoro. Chiaramente, ho dei limiti, e ne sono cosciente, ma per quanto riguarda la mia clientela di riferimento (commercianti, artigiani, liberi professionisti, piccole srl) penso di essere perfettamente in grado di tenere la contabilità. E quando cado in qualche forma di sfiducia per qualche errore cretino che ho fatto, cerco di ricordarmi la situazione in cui si trovavano certe contabilità che ho ereditato da altre professionisti (tra cui alcuni famosi commercialisti, con parcelle triple della mia, ma che evidentemente alcune piccole contabilità non le guardavano neanche una volta in un anno, o che pure non sapevano proprio lavorare) e penso che c'è veramente in giro di tutto, ma questo non dipende dal titolo che uno ha.
    Ecco, secondo me bisogna distinguere gli ambiti lavorativi: per tenere la contabilità semplificata od ordinaria di piccole imprese, secondo me non serve essere laureati. Bisogna saperlo fare, e quindi in qualche modo uno deve impararlo: secondo me solo bisogna comunque essere ragionieri o conoscere la partita doppia, e poi lavorando in un altro studio; ma se uno è un genio, potrebbe anche riuscire da solo. L'importante è che poi si tenga aggiornato sulle novità, e questo non te lo garantisce nessun titolo, ma solo la tua coscienza e la tua etica. Se a un certo punto sentissi che non sono più in grado di fare bene il mio lavoro, lo mollerei immediatamente.
    Purtroppo penso che il cliente non sia in grado di giudicare il nostro lavoro, come io non sono in grado di giudicare il lavoro di un dentista, o di un meccanico. Giudica solo in base al prezzo della parcella e a come si sente trattato (se si sente seguito o no) ma non è in grado di capire se tu stai operando per fargli risparmiare più tasse, nel limite della legalità. La normativa fiscale è troppo complessa perchè un profano possa rendersi conto di cosa stiamo facendo.
    Grazie a tutti
    Io penso di saper guidare il camion meglio di tanti camionisti professionisti, perchè devo per forza prendere la patente se voglio guidare?
    Ci vogliono delle regole, allora se si vuole consentire a chiunque di esercitare la professione contabile ci vorrebbe piu' chiarezza, piu' informazione e soprattutto regole certe per tutelare tutti.
    Ultima modifica di pipelly; 17-04-09 alle 08:22 AM

  2. #22
    pipelly è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,569

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da studiovera Visualizza Messaggio
    Giusto bisogna proseguire nel discorso liberalizzazione, non vorrei fare un discorso politico prendetelo solo a titolo informativo, ma mi sembra che quel signore che aveva iniziato il discorso liberalizzazioni nel commercio e via via fino alle professioni e che stava lavorando anche per quelle più "dure" da superare, purtroppo non fa parte dell'attuale governo. Nulla da meravigliarsi se ci siamo arenati.
    Gli ordini possono rimanere se lavorano per i loro iscritti, potrebbero essere fondamentali se fanno la differenza, e non se invece sono il posto giusto per qualche furbetto che aspira a quella nomina o all'altra.
    Giusto, ma fino a quando non si prosegue e le cose restano così dobbiamo ammettere che l'ordine piu' penalizzato è quello dei Dottori Comemercialisti.

  3. #23
    shailendra è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Bergamo
    Messaggi
    3,416

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pipelly Visualizza Messaggio
    Io penso di saper guidare il camion meglio di tanti camionisti professionisti, perchè devo per forza prendere la patente se voglio guidare?
    Ci vogliono delle regole, allora se si vuole consentire a chiunque di esercitare la professione contabile ci vorrebbe piu' chiarezza, piu' informazione e soprattutto regole certe per tutelare tutti.
    Si può dire tutto e il contrario di tutto. Perchè per fare alcune professioni o alcuni mestieri ci vogliono dei requisiti e per altre no? Dove sta la linea di demarcazione tra la libertà di espressione di ognuno e il bisogno di garantire la collettività? Potremmo fare un trattato di filosofia al riguardo. Per quanto riguarda la nostra specifica situazione la mia idea è:
    - o si lascia libero il mercato, come è praticamente adesso.
    - o si fanno dei controlli seri, continuativi, e non legati a dei titoli specifici. Per esempio, potrebbe essere che bisogna aver lavorato almeno tre anni in uno studio dove si tiene la contabilità, che si superi un esame, e che poi almeno ogni 5 anni (vista la velocità di modifica della normativa fiscale) lo si sostenga nuovamente. Tutto questo non legato a un titolo di studio (io sono un ragionere e amo la partita doppia, ma anche un geometra la può imparare, probabilmente meglio di certi miei compagni di scuola che sono usciti senza capire la distinzione tra un conto patrimoniale e uno economico) o all'iscrizione a ordini di nessun tipo, perchè la normativa fiscale non la si impara a scuola ma sul sole 24 ore.
    Ma ha senso mettere in piedi un controllo di questo tipo?...

  4. #24
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    A leggere queste discussioni mi viene sempre una domanda: l'iscrizione all'ordine la vedete come un punto di arrivo o di partenza?

    Trovo avvilente pensare che uno studio per 5 anni, lavora gratis per 3, studia per superare un esame tutt'altro che semplice, per poi sentirsi arrivato in una casta di eletti, autoreferenziata, che si erge a portatrice della verità.

    Un'iscrizione ad un ordine per me deve essere l'inizio di una professione, il punto di partenza per iniziare un'attività. Se sei un Commercialista, non puoi temere la concorrenza di soggetti non qualificati. Se sono laureato so di essere migliore di altri che per un loro pregresso non hanno la mia qualifica. Una laurea non mi serve per dire che sono migliore di altri, quel pezzo di carta appeso al muro mi ha formato, non mi ha dato dei diritti. Non dice che sono migliore, mi ha messo nelle condizioni di esserlo. Poi sarà la strada a valutare chi vale e chi no.

    Io ho mezzi maggiori di altri, devo utilizzarli per eccellere, non sfruttarli per affossare gli altri. Non posso temere chi è peggiore di me, e se lo temo c'è da riflettere molto.
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  5. #25
    dan
    dan è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    240

    Predefinito

    scusate se insisto , ora vi espongo il mio caso . Ho terminato la pratica professionale e sono in attesa di abilitazione . Sto per rilevare lo studio commerciale in cui ho svolto la pratica , pratica al 100% visto che nell'ultimo anno e mezzo mi sono occupato di tutto. Ho un accordo scritto con il Commercialista uscente per l'invio delle dichiarazioni ( e quindi sarà lui a fatturarle) visto che fino ad oggi ritenevo illecito farlo io. Ora mi avete messo in crisi . Cosa ne pensate ? ciao

  6. #26
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dan Visualizza Messaggio
    scusate se insisto , ora vi espongo il mio caso . Ho terminato la pratica professionale e sono in attesa di abilitazione . Sto per rilevare lo studio commerciale in cui ho svolto la pratica , pratica al 100% visto che nell'ultimo anno e mezzo mi sono occupato di tutto. Ho un accordo scritto con il Commercialista uscente per l'invio delle dichiarazioni ( e quindi sarà lui a fatturarle) visto che fino ad oggi ritenevo illecito farlo io. Ora mi avete messo in crisi . Cosa ne pensate ? ciao
    Perchè illecito?
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  7. #27
    dani67 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Chivasso, Italy
    Messaggi
    722

    Predefinito

    Scusate, vorrei fare qualche piccola considerazione sull'argomento:
    mi sono avvicinata a questo lavoro nel 2000, dopo 12 anni di gestione al 100%dell'azienda di famiglia. Mi sono ritrovata a 33 anni senza occupazione e senz'altro titolo che un diploma di operatore turistico. Mi hanno assunta all'inizio come segretaria; il ragioniere ha poi capito che tutto sommato potevo fare di più e mi ha dato da gestire le contabilità semplificate e ordinarie dei suoi clienti. Ho imparato da sola!! Avevo studiato un po' di ragioneria a scuola, ma non ero molto pratica del pc, nè di programmi di contabilità. Eppure ce l'ho fatta e anche discretamente. Nel 2005 il rag mi fa una proposta: prenditi una laurea e l'abilitazione e io ti lascio lo studio. Detto, fatto: a 38 con famiglia e bambini mi sono rimessa a studiare e ora mi mancano 3 esami e la tesi alla laurea triennale. Nel frattempo ho continuato a lavorare, praticamente in autonomia. Non ho mai causato danni ai clienti, anzi a volte ne ho risolti alcuni causati da commercialisti "veri". Se sbaglio lo ammetto e ne pago le conseguenze. Devo dire però che all'inizio degli studi ero convinta che avrei imparato tutto ciò che si deve sapere per la professione; sono rimasta delusa, l'università non riesce a formarti a dovere; l'unico modo è la pratica, leggere tutti i giorni le pubblicazioni dedicate, confrontarsi con persone che fanno lo stesso lavoro, magari attraverso forum come questo. E comunque non riesco mai a sentirmi davvero all'altezza, e forse non lo sarò nemmeno una volta laureata, o dopo l'abilitazione. Forse però questo è il segreto: quando ci sentiamo arrivati smettiamo di studiare ed è la fine!!

  8. #28
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dani67 Visualizza Messaggio
    Scusate, vorrei fare qualche piccola considerazione sull'argomento:
    mi sono avvicinata a questo lavoro nel 2000, dopo 12 anni di gestione al 100%dell'azienda di famiglia. Mi sono ritrovata a 33 anni senza occupazione e senz'altro titolo che un diploma di operatore turistico. Mi hanno assunta all'inizio come segretaria; il ragioniere ha poi capito che tutto sommato potevo fare di più e mi ha dato da gestire le contabilità semplificate e ordinarie dei suoi clienti. Ho imparato da sola!! Avevo studiato un po' di ragioneria a scuola, ma non ero molto pratica del pc, nè di programmi di contabilità. Eppure ce l'ho fatta e anche discretamente. Nel 2005 il rag mi fa una proposta: prenditi una laurea e l'abilitazione e io ti lascio lo studio. Detto, fatto: a 38 con famiglia e bambini mi sono rimessa a studiare e ora mi mancano 3 esami e la tesi alla laurea triennale. Nel frattempo ho continuato a lavorare, praticamente in autonomia. Non ho mai causato danni ai clienti, anzi a volte ne ho risolti alcuni causati da commercialisti "veri". Se sbaglio lo ammetto e ne pago le conseguenze. Devo dire però che all'inizio degli studi ero convinta che avrei imparato tutto ciò che si deve sapere per la professione; sono rimasta delusa, l'università non riesce a formarti a dovere; l'unico modo è la pratica, leggere tutti i giorni le pubblicazioni dedicate, confrontarsi con persone che fanno lo stesso lavoro, magari attraverso forum come questo. E comunque non riesco mai a sentirmi davvero all'altezza, e forse non lo sarò nemmeno una volta laureata, o dopo l'abilitazione. Forse però questo è il segreto: quando ci sentiamo arrivati smettiamo di studiare ed è la fine!!
    Un dei migliori post che ho letto da quando sono qui. Complimenti

    .... e in bocca al lupo per laurea e lavoro
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  9. #29
    dan
    dan è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    240

    Predefinito

    davvero un bellisimo post di Dani67 , complimenti. Ciao Niccolò , intendo illecito poichè ritengo ( o sarebbe meglio dire ritenevo??) di non poter avere le credenziali presso l'ADE per l'inoltro delle dichiarazioni , nè di poterle firmare . Sono stato troppo ligio alle regole o non ho proprio capito le regole ? grazie a chi mi darà opinioni , sarei ancora in tempo di rivedere l'accordo e fare tutto autonomamente . ciao

  10. #30
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dan Visualizza Messaggio
    davvero un bellisimo post di Dani67 , complimenti. Ciao Niccolò , intendo illecito poichè ritengo ( o sarebbe meglio dire ritenevo??) di non poter avere le credenziali presso l'ADE per l'inoltro delle dichiarazioni , nè di poterle firmare . Sono stato troppo ligio alle regole o non ho proprio capito le regole ? grazie a chi mi darà opinioni , sarei ancora in tempo di rivedere l'accordo e fare tutto autonomamente . ciao
    Ciao Dan

    Per l'abilitazione il consiglio migliore sia sentire direttamente l'AdE, ma non mi risulta esista norma che ti vieti di inviare documenti fiscali tramite canali telematici. Probabilmente non potrai apporre il vincolo di conformità, ti consiglio di leggere la normativa a riguardo, ma per il mero invio non ci sono problemi.
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

Pagina 3 di 5 PrimaPrima 1 2 3 4 5 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15