Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Scontrino fiscale parlante

  1. #1
    LucZan è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    300

    Predefinito Scontrino fiscale parlante

    Negozio di ferramenta al dettaglio emette, al posto della fattura, scontrino fiscale parlante con la dicitura "ferramenta" e l'importo totale (senza evidenziazione dell'IVA). Lo stesso è integrato con il codice fiscale dell'impresa acquirente.

    Dal punto di vista fiscale, chiedo conferma se:

    Il documento è idoneo ai fini della deducibilità delle imposte sui redditi, pur non essendo indicata chiaramente la natura e quantità dei beni acquistati ?

    In caso affermativo, riguardo l'iva si perde il diritto alla detrazione diventando essa stessa una parte del costo totale, deducibile ai fini delle imposte dirette ?

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,005

    Predefinito

    Rispondo con ordine:

    1) Il documento NON è idoneo ai fini della deducibilità delle imposte sui redditi, per la quale è necessaria la fattura;

    2) L'iva è altrettanto indetraibile.

    saluti

    Citazione Originariamente Scritto da LucZan Visualizza Messaggio
    Negozio di ferramenta al dettaglio emette, al posto della fattura, scontrino fiscale parlante con la dicitura "ferramenta" e l'importo totale (senza evidenziazione dell'IVA). Lo stesso è integrato con il codice fiscale dell'impresa acquirente.

    Dal punto di vista fiscale, chiedo conferma se:

    Il documento è idoneo ai fini della deducibilità delle imposte sui redditi, pur non essendo indicata chiaramente la natura e quantità dei beni acquistati ?

    In caso affermativo, riguardo l'iva si perde il diritto alla detrazione diventando essa stessa una parte del costo totale, deducibile ai fini delle imposte dirette ?

  3. #3
    Tetsuo è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    75

    Predefinito Non sono d'accordo

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Rispondo con ordine:

    1) Il documento NON è idoneo ai fini della deducibilità delle imposte sui redditi, per la quale è necessaria la fattura;

    2) L'iva è altrettanto indetraibile.

    saluti
    Caro collega,

    in questo caso non sono d'accordo.
    Il documento descritto è contestabile ai fini fiscali solo in quanto non specifica i beni o le prestazioni.
    Uno scontrino parlante con l'indicazione dei beni è documento fiscalmente valido e consente la detrazione dell'iva.

    Allego articolo dell'epoca ( un po lungo spero non sia un problema):


    Nuove norme sullo scontrino fiscale: le opportunità

    Il 21 Febbraio 1997 è entrato in vigore il Decreto 696/96 che introduce numerose novità nelle norme che regolano la certificazione delle vendite nei negozi al dettaglio, anche a seguito della eliminazione delle bolle di accompagnamento.
    Molti esperti di problemi fiscali, pur riconoscendo effettive semplificazioni, lamentano il fatto che lo scontrino "parlante", una delle novità di cui parleremo, è impossibile da emettere con gli attuali registratori di cassa. Probabilmente trascurano il fatto che un normale registratore di cassa collegato a un personal computer è in grado già oggi di fare cose inizialmente non previste, perchè può contare su una notevole dose di flessibilità e intelligenza. Senza contare che un PC con programmi adeguati può emettere ricevute fiscali, fatture immediate e documenti di trasporto (DDT), documenti che ora possono sostituire lo scontrino fiscale.
    Nel decreto 696/96 sono state infatti introdotte due varianti di documenti già in uso: lo scontrino "parlante" o documentale e il DDT "integrato con i corrispettivi". Il primo deve riportare, oltre ai soliti dati, il codice fiscale del cliente e la descrizione del prodotto o del servizio (esempio: va bene MODEM EST., non va bene DIPART.1). Il secondo, oltre alle generalità del cliente e alla descrizione e quantità dei prodotti o servizi, deve riportare prezzo, importo ed il totale generale.
    Ma andiamo con ordine e introduciamo le nuove norme, tenendo conto che, il nostro punto di vista è quello della gestione del negozio e non una analisi tecnica della legge.
    Lo scontrino può essere sostituito da documenti di trasporto integrati con i corrispettivi, da ricevute fiscali e da fatture immediate, ora senza alcun obbligo di opzione preventiva. Per i negozi si apre la possibilità, in verità piuttosto teorica e non priva di svantaggi, di eliminare completamente gli ultimi documenti fiscali: ricevute e specialmente scontrini fiscali. A differenza di questi ultimi, in presenza di un errore, le fatture immediate o i DDT integrati con i corrispettivi hanno il vantaggio di poter essere corretti e ristampati senza lasciare traccia, in quanto non esiste più la numerazione obbligatoria dei singoli moduli da parte delle tipografie autorizzate. Emettere fatture immediate o riepilogative è ora più attraente anche perchè non è necessario utilizzare costosi moduli fiscali in carta chimica a doppia copia (Fattura e DDT devono ancora accompagnare la merce).
    I programmi più evoluti permettono di personalizzare facilmente il tracciato di stampa dei documenti e di inserire elementi grafici, marchi o altre immagini. Con normali stampanti a getto o laser, forniscono risultati professionali, senza spendere milioni in moduli continui e permettono di adeguarsi facilmente a nuove esigenze o normative.
    Oltre alle aziende, anche i clienti con una attività in proprio saranno contenti di ricevere una fattura al posto dello scontrino perchè potranno scaricare certi acquisti dai loro redditi. Con i migliori gestionali per i negozi la velocità di queste operazioni rimane accettabile perchè prevedono l’uso di lettori ottici, sia collegati in emulazione di tastiera, che portatili (questi ultimi insostituibili nelle operazioni di inventario di magazzino).
    Lo scontrino può sostituire ricevute fiscali e fatture ai fini della documentazione delle spese, ed inoltre essere riepilogato in un'unica fattura a fine mese, a patto che sia "parlante" e cioè che le descrizioni dei prodotti e servizi siano dettagliate e sia riportato il codice fiscale del cliente.
    Gli scontrini sono più veloci e costano molto meno delle ricevute fiscali pre-numerate su carta chimica in doppia copia e delle fatture immediate, queste ultime su carta semplice, ma con l'onere della registrazione in contabilità.
    I nuovi scontrini parlanti consentono una modalità di fatturazione riepilogativa più diretta, economica e pratica delle precedenti (non occorre alcun documento di accompagnamento), caratteristica molto interessante specialmente per clienti professionali che possono recuperare l'IVA su acquisti inerenti la loro attività. Inoltre, nel caso di clienti interessati solo a poter dedurre la spesa, consentono di evitare la fatturazione stessa e l'aggravio della registrazione in contabilità.
    Per i registratori di cassa il risultato è di pareggio, perchè gli esoneri introdotti dal Dpr 696/96 riguardano categorie davvero marginali e solo gli esercizi più piccoli possono essere interessati ad utilizzare le ricevute fiscali al posto dei più veloci ed economici scontrini. Non è poi pensabile che un negoziante emetta solo fatture perchè, oltre ad essere poco credibile, richiedono più tempo nell'emissione e nella registrazione in contabilità. Qualche cliente, inoltre, potrebbe non gradire di dover dare nome, cognome e indirizzo per l’acquisto di qualche CD ROM.
    Per i gestionali collegati alle casse è vittoria piena. Se si gestiscono migliaia di prodotti e numerosi clienti, è praticamente impossibile produrre scontrini "parlanti" senza un PC a monte. A parte le descrizioni dettagliate di prodotti e servizi, digitare alla cassa sotto dettatura e senza errori il codice fiscale del cliente, è davvero un'impresa in quanto i caratteri alfabetici, quando disponibili, richiedono acrobazie con la tastiera. Per i clienti abituali la perdita di tempo è addirittura intollerabile, mentre invece con un software specifico è possibile riconoscerli con un breve codice manuale o con la lettura di un codice a barre da una Fidelity Card, a cui potrebbero essere legati anche altri vantaggi.
    Per quanto riguarda le fatture immediate e i DDT integrati con i corrispettivi, un negozio di medie dimensioni non può pensare di compilarli a mano, sia per motivi di rapidità che di immagine.
    La fattura riepilogativa di più scontrini, comoda per il cliente e per il commerciante poichè riduce al minimo le registrazioni contabili, è difficile da realizzare manualmente quando sono in gioco diversi acquisti nell'arco del mese e diversi clienti. Inoltre emettere ogni volta lo scontrino, anche per importi limitati, facilita l'incasso immediato senza altri aggravi, e la fatturazione riepilogativa è completamente automatica.
    Abbiamo esaminato alcune nuove opportunità che il decreto 696/96 e un sistema gestionale per negozi consentono di cogliere. Va ricordato che il controllo costante della propria attività, l'individuazione dei punti deboli del proprio assortimento e il miglioramento dello stesso, la riduzione del capitale investito in merce, la velocità e l'immagine di efficienza offerta alla clientela, tanto per fare solo alcuni esempi, sono fattori ancora più importanti per decidere l’investimento in un software specializzato. Se poi la cassa che utilizzate è già predisposta al collegamento, l'investimento si riduce ulteriormente.
    L'unico alibi che Vi resta per rimandare l'automazione del negozio è il tempo necessario per inserire i dati a computer la prima volta (in seguito sono necessari solo dei piccoli aggiornamenti), ma è possibile fare questo lavoro un po' alla volta nelle ore di minore affluenza. Per abbreviare i tempi di partenza si può ricorrere all'aiuto di figli, parenti o studenti. Quando comincerete ad usare il computer, scommetto che Vi pentirete di non averlo fatto prima.

  4. #4
    LucZan è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    300

    Predefinito

    In effetti il dubbio mi è sorto in quanto, a questo punto, mi domando a cosa serve uno scontrino fiscale integrato con il codice fiscale del cliente (codice fiscale e non partita iva) emesso da un ferramenta (e non ad esempio da una farmacia: in questo caso al fine di documentare, quali oneri deducibili, le spese mediche nell'Unico).
    Altri casi recenti: il costo di ricarica cellulare normalmente documentato da fattura di acquisto, da qualche mese viene documentato da uno scontrino fiscale parlante integrato con il codice fiscale del cliente impresa, con la descrizione: "ricarica cellulare".

  5. #5
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,005

    Predefinito

    Per citare l'articolo bastava il link

    Ricordo questo articolo; nel caso illustrato dall'utente non si tratta di scontrino parlante, però, mancando di descrizione analitica dei beni o servizi acquistati, no ?

    ciao

    Citazione Originariamente Scritto da Tetsuo Visualizza Messaggio
    Caro collega,

    in questo caso non sono d'accordo.
    Il documento descritto è contestabile ai fini fiscali solo in quanto non specifica i beni o le prestazioni.
    Uno scontrino parlante con l'indicazione dei beni è documento fiscalmente valido e consente la detrazione dell'iva.

    Allego articolo dell'epoca ( un po lungo spero non sia un problema):


    Nuove norme sullo scontrino fiscale: le opportunità

    Il 21 Febbraio 1997 è entrato in vigore il Decreto 696/96 che introduce numerose novità nelle norme che regolano la certificazione delle vendite nei negozi al dettaglio, anche a seguito della eliminazione delle bolle di accompagnamento.
    Molti esperti di problemi fiscali, pur riconoscendo effettive semplificazioni, lamentano il fatto che lo scontrino "parlante", una delle novità di cui parleremo, è impossibile da emettere con gli attuali registratori di cassa. Probabilmente trascurano il fatto che un normale registratore di cassa collegato a un personal computer è in grado già oggi di fare cose inizialmente non previste, perchè può contare su una notevole dose di flessibilità e intelligenza. Senza contare che un PC con programmi adeguati può emettere ricevute fiscali, fatture immediate e documenti di trasporto (DDT), documenti che ora possono sostituire lo scontrino fiscale.
    Nel decreto 696/96 sono state infatti introdotte due varianti di documenti già in uso: lo scontrino "parlante" o documentale e il DDT "integrato con i corrispettivi". Il primo deve riportare, oltre ai soliti dati, il codice fiscale del cliente e la descrizione del prodotto o del servizio (esempio: va bene MODEM EST., non va bene DIPART.1). Il secondo, oltre alle generalità del cliente e alla descrizione e quantità dei prodotti o servizi, deve riportare prezzo, importo ed il totale generale.
    Ma andiamo con ordine e introduciamo le nuove norme, tenendo conto che, il nostro punto di vista è quello della gestione del negozio e non una analisi tecnica della legge.
    Lo scontrino può essere sostituito da documenti di trasporto integrati con i corrispettivi, da ricevute fiscali e da fatture immediate, ora senza alcun obbligo di opzione preventiva. Per i negozi si apre la possibilità, in verità piuttosto teorica e non priva di svantaggi, di eliminare completamente gli ultimi documenti fiscali: ricevute e specialmente scontrini fiscali. A differenza di questi ultimi, in presenza di un errore, le fatture immediate o i DDT integrati con i corrispettivi hanno il vantaggio di poter essere corretti e ristampati senza lasciare traccia, in quanto non esiste più la numerazione obbligatoria dei singoli moduli da parte delle tipografie autorizzate. Emettere fatture immediate o riepilogative è ora più attraente anche perchè non è necessario utilizzare costosi moduli fiscali in carta chimica a doppia copia (Fattura e DDT devono ancora accompagnare la merce).
    I programmi più evoluti permettono di personalizzare facilmente il tracciato di stampa dei documenti e di inserire elementi grafici, marchi o altre immagini. Con normali stampanti a getto o laser, forniscono risultati professionali, senza spendere milioni in moduli continui e permettono di adeguarsi facilmente a nuove esigenze o normative.
    Oltre alle aziende, anche i clienti con una attività in proprio saranno contenti di ricevere una fattura al posto dello scontrino perchè potranno scaricare certi acquisti dai loro redditi. Con i migliori gestionali per i negozi la velocità di queste operazioni rimane accettabile perchè prevedono l’uso di lettori ottici, sia collegati in emulazione di tastiera, che portatili (questi ultimi insostituibili nelle operazioni di inventario di magazzino).
    Lo scontrino può sostituire ricevute fiscali e fatture ai fini della documentazione delle spese, ed inoltre essere riepilogato in un'unica fattura a fine mese, a patto che sia "parlante" e cioè che le descrizioni dei prodotti e servizi siano dettagliate e sia riportato il codice fiscale del cliente.
    Gli scontrini sono più veloci e costano molto meno delle ricevute fiscali pre-numerate su carta chimica in doppia copia e delle fatture immediate, queste ultime su carta semplice, ma con l'onere della registrazione in contabilità.
    I nuovi scontrini parlanti consentono una modalità di fatturazione riepilogativa più diretta, economica e pratica delle precedenti (non occorre alcun documento di accompagnamento), caratteristica molto interessante specialmente per clienti professionali che possono recuperare l'IVA su acquisti inerenti la loro attività. Inoltre, nel caso di clienti interessati solo a poter dedurre la spesa, consentono di evitare la fatturazione stessa e l'aggravio della registrazione in contabilità.
    Per i registratori di cassa il risultato è di pareggio, perchè gli esoneri introdotti dal Dpr 696/96 riguardano categorie davvero marginali e solo gli esercizi più piccoli possono essere interessati ad utilizzare le ricevute fiscali al posto dei più veloci ed economici scontrini. Non è poi pensabile che un negoziante emetta solo fatture perchè, oltre ad essere poco credibile, richiedono più tempo nell'emissione e nella registrazione in contabilità. Qualche cliente, inoltre, potrebbe non gradire di dover dare nome, cognome e indirizzo per l’acquisto di qualche CD ROM.
    Per i gestionali collegati alle casse è vittoria piena. Se si gestiscono migliaia di prodotti e numerosi clienti, è praticamente impossibile produrre scontrini "parlanti" senza un PC a monte. A parte le descrizioni dettagliate di prodotti e servizi, digitare alla cassa sotto dettatura e senza errori il codice fiscale del cliente, è davvero un'impresa in quanto i caratteri alfabetici, quando disponibili, richiedono acrobazie con la tastiera. Per i clienti abituali la perdita di tempo è addirittura intollerabile, mentre invece con un software specifico è possibile riconoscerli con un breve codice manuale o con la lettura di un codice a barre da una Fidelity Card, a cui potrebbero essere legati anche altri vantaggi.
    Per quanto riguarda le fatture immediate e i DDT integrati con i corrispettivi, un negozio di medie dimensioni non può pensare di compilarli a mano, sia per motivi di rapidità che di immagine.
    La fattura riepilogativa di più scontrini, comoda per il cliente e per il commerciante poichè riduce al minimo le registrazioni contabili, è difficile da realizzare manualmente quando sono in gioco diversi acquisti nell'arco del mese e diversi clienti. Inoltre emettere ogni volta lo scontrino, anche per importi limitati, facilita l'incasso immediato senza altri aggravi, e la fatturazione riepilogativa è completamente automatica.
    Abbiamo esaminato alcune nuove opportunità che il decreto 696/96 e un sistema gestionale per negozi consentono di cogliere. Va ricordato che il controllo costante della propria attività, l'individuazione dei punti deboli del proprio assortimento e il miglioramento dello stesso, la riduzione del capitale investito in merce, la velocità e l'immagine di efficienza offerta alla clientela, tanto per fare solo alcuni esempi, sono fattori ancora più importanti per decidere l’investimento in un software specializzato. Se poi la cassa che utilizzate è già predisposta al collegamento, l'investimento si riduce ulteriormente.
    L'unico alibi che Vi resta per rimandare l'automazione del negozio è il tempo necessario per inserire i dati a computer la prima volta (in seguito sono necessari solo dei piccoli aggiornamenti), ma è possibile fare questo lavoro un po' alla volta nelle ore di minore affluenza. Per abbreviare i tempi di partenza si può ricorrere all'aiuto di figli, parenti o studenti. Quando comincerete ad usare il computer, scommetto che Vi pentirete di non averlo fatto prima.

  6. #6
    Tetsuo è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    75

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Per citare l'articolo bastava il link

    Ricordo questo articolo; nel caso illustrato dall'utente non si tratta di scontrino parlante, però, mancando di descrizione analitica dei beni o servizi acquistati, no ?

    ciao
    Scusate non sono particolarmente "avanti" a livello informatico.... (che vergogna)....

    Comunque concordo lo scontrino per essere parlante deve avere la descrizione.
    Forse ho interpretato male il tuo post.... pensavo si riferisse allo scontrino parlante in generale...


    Ciao

  7. #7
    manubrun è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    7

    Predefinito

    obbligo di emissione di scontrino parlante da parte della farmacia.
    DOMANDA: Nel caso si rompa il reg.di cassa e per qualche ora o giorno non posso emettere scontrini parlanti, sono giustificata corro qualche rischio????
    grazie

  8. #8
    La Jinger è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    9

    Predefinito

    Una società di capitali paga delle bevande per un buffet che gli vengono "fatturate" dal ristorante/bar mediante scontrino parlante,
    qual'è il trattamento contabile ed iva in questi casi?

    grazie

  9. #9
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,005

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da La Jinger Visualizza Messaggio
    Una società di capitali paga delle bevande per un buffet che gli vengono "fatturate" dal ristorante/bar mediante scontrino parlante,
    qual'è il trattamento contabile ed iva in questi casi?

    grazie
    Iva detraibile se separatamente indicata.

    Costo deducibile.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  10. #10
    La Jinger è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Iva detraibile se separatamente indicata.

    Costo deducibile.
    No, l'iva è da scorporare, in questo caso non è detraibile?

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Scontrino fiscale o non?
    Di maxvale nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-02-12, 08:27 AM
  2. Ricevuta fiscale e scontrino fiscale
    Di martino954 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-08-11, 08:58 PM
  3. detrazione spese mediche con scontrino parlante
    Di NUPE nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-05-09, 03:23 PM
  4. Scontrino parlante e fattura riepilogativa
    Di marco76 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-03-09, 10:32 AM
  5. Scontrino parlante
    Di francy nel forum Altri argomenti
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-01-08, 07:22 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15