Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: aziende di trasporto

  1. #1
    iarone è offline Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    210

    Predefinito aziende di trasporto

    Saluti a tutti e rinnovati auguri di buone feste a tutto il Forum.

    Sottopongo un quesito (posto da un conoscente) che spero trovi risposta tra le Vostre conoscenze.

    Ecco le sue testuali parole:

    "Come credo sappiate la normativa inerente le aziende di trasporto ha abolito l'uso delle schede carburante da compilarsi al momento del rifornimento e ha - per le sole imprese esercitanti trasporto in conto terzi - imposto l'obbligo della fattura per i carburanti acquistati.

    Fattura emessa dal distributore (non dalla casa petrolifera) riportante i datio del mezzo, la targa e iul chilometraggio.

    Ora accade spessissimo che i miei autisti rientrino con scontrini e pezzi di carta più o meno raffazzonati, e con la motivazione che il benzinaio si rifiuta di fare la fattura.

    Le motivazioni sono le più disparate : alcuni chiedono "obbligatoriamente" il possesso di un timbro riportante i dati fiscali e (a mio avviso in modo del tutto arbitrario) sostengono "non sia possibile" fare la fattura scritta a penna.

    Altri adducono come motivazione il fatto che di notte non si facciano fatture (...!) o che non si possano fare per importi inferiori a tot euro, o altre motivazioni tra le più fantasiose ed assurde.

    Capitando a me quando qualcuno ha tentato di evitare di fare fattura ho immediatamente minacciato di chiamare i Carabinieri : a fronte di tale presa di posizione (peraltro non credo che i CC uscirebbero per unmotivo del genere) benzinai più o meno stranieri, tra sbuffi, imprecazioni e chiari inviti a non tornare più in quella stazione hanno preso in mano blocchetto e calcolatrice e mi hanno dato l'agnognato documento.

    I miei autisti, consapevoli del fatto che viaggiano con cassa contanti dell'azineda non sono altrettanto motivati e lasciano correre, ma per me i pieni sono pillole da 100/150 Euro cadauno, e francamente non ho nessuna intenzione di non portare in deduzione cifre che a fine anno fanno migliaia di euro solo per l'incapacità di fare uno scorporo tra imponibile e IVA o più semplice pigrizia di qualche benzinaio straniero abbandonato al suo turno di notte.

    Qualcuno è in grado di dirmi su quali basi legislative posso obbligare il gestore ad emettere fattura contestuale al pagamento (come le norme prevedevano) e cosa posso fare concretamente quando costoro si rifiutassero di emetterla?

    I carburanti sono sotto accise, quindi non credo si possa concretizzare un tentativo di evasione fiscale da parte del gestore, tuttavia per me sono parecchi soldi di IVA che vado a perdere perchè nella mia posizione la deduzione ai fini IVA e per i redditi di impresa è tassativamente valida solo in presenza di fattura e non di ricevuta fiscale, scontrino etc.

    Potrei veramente chiamare la Forza Pubblica, magari in autostrada di notte, o rischio solo di alzare un polverone per poi non vedere riconosciuti quelli che dovrebbero essere i miei diritti?

    Grazie per le Vostre eventuali e preziose risposte".

  2. #2
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito carburante autotrasportatori

    Premesso che il gestore dell'impianto è obbligato ad emettere la fattura se richiesta dall'acquirente, il problema che segnali è attuale e purtroppo irrisolto.
    Da parte mia, tenuto conto che è ammessa la fatturazione differita sulla base di bolle di consegna o documenti analoghi emessi dal gestore dell'impianto, consiglierei all'autotrasportatore di munire i propri autisti di un documento di consegna già predisposto in doppia copia, da completare con il timbro del venditore, la quantità erogata, l'importo pagato e la data, mentre prestamperei sul documento i dati dell'acquirente e la dizione "SEGUE FATTURA". Una copia la lascio al gestore dell'impianto ed una copia la riporto indietro. Il gestore dell'impianto avrà la possibilità alla fine del mese di redigere la fattura ed inviarla all'acquirente. Se la fattura non arriva entro quattro mesi, non resta che procedere entro i successivi trenta giorni all'emissione di autofattura in duplice copia, da presentare all'ADE competente, versando contestualmente l'IVA con il codice 9399, con esonero da sanzioni per l'aquirente che ha regolarizzato.

Discussioni Simili

  1. TFR in aziende con più di 50 dipendenti
    Di roxanne nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 19-10-12, 10:25 AM
  2. liquidità per le aziende DL 185/08
    Di danilo sciuto nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-12-09, 05:06 PM
  3. Valutazione aziende
    Di vanni.vento@libero.it nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-08-09, 10:03 AM
  4. Documento di Trasporto senza trasporto
    Di Raiden nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-11-08, 11:00 AM
  5. Valutazione aziende
    Di bicio707 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 12-10-08, 05:50 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15