Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Importazioni piante

  1. #1
    andrea meriggioli è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    4

    Predefinito Importazioni piante

    Questo inverno dovrò eseguire la mia prima importazione di piante dal giappone utilizzando un intero container via nave !

    Il prezzo di trasporto è fisso e poi la nave una volta giunta qui dovrò pagare io uno spedizioniere per sdoganare tutta la merce e per portare il container dal porto di arrivo fino a qui da me.

    Ora la mia domanda consiste nel sapere bene le leggi di quarantena che devono avere le piante prima di essere reputate "sane" e quindi vendibili. Il discorso poi è differente tra conifere e latifoglie e vi sono pure alcune essenze che richiedono un comportamento a parte. Qualcuno di voi sa informazioni in merito??? dove posso informarmi??? vi ringrazio in anticipo,

    Andrea

  2. #2
    Contabile è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,899

    Predefinito

    Tratto da ARPAT (stralcio)

    In attuazione alla direttiva UE 2000/29 l'importazione e l'esportazione di vegetali e prodotti vegetali viene regolamentata al fine di impedire la diffusione di parassiti delle piante particolarmente pericolosi e diffusibili. A tal fine si distinguono casi di:

    * divieti e/o limitazioni all'importazione
    * prescrizioni per l' esportazione

    Per numerose specie vegetali inoltre l'importazione e/o l'esportazione da e per paesi non facenti parte della Comunità, è subordinata al rilascio di un certificato fitosanitario rilasciato dal Servizio Fitosanitario del paese di provenienza e sottoposti a visita fitosanitaria presso le dogane d'entrata autorizzate. A seguito dell'esito favorevole di tale visita viene rilasciato un certificato fitosanitario che costituisce il nulla osta all'importazione.
    Anche i vegetali e prodotti vegetali destinati in paesi non appartenenti alla Comunità Europea devono essere sottoposti a visita fitosanitaria: ai fini dell'esportazione devono infatti essere accompagnati da un certificato fitosanitario attestante l'immunità da parassiti pericolosi e diffusibili e la rispondenza del materiale alla normativa vigente del paese di destinazione.

    I certificati fitosanitari sopra indicati vengono rilasciati dal Servizio fitosanitario.
    La domanda deve essere presentata al Dipartimento territorialmente competente compilando in duplice copia il modulo A per l'esportazione e il modulo B per l'importazione.

    Trovi uklteriori informazioni su questo sito in area documenti.
    “Commercialista Telematico. Né SKY, né RAI. Abbonarsi conviene. ”.

    Lavora facile con qualità e risparmio. Lavora CONTABILE TELEMATICO

  3. #3
    andrea meriggioli è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    4

    Predefinito

    Grazie davvero di tutte le informazioni!
    Sapevo che le piante dal Giappone devono avere un certificato fitosanitario con sè rilasciato dal paese di origine per l'esportazione. Però non ho capito se poi qui in italia devono essere risottoposte a tale controllo alla dogana (e se a spese mie o no?) oppure se questa solo controlla la presenza del certificato o meno...?

    Poi ho provato a dare un'occhiata al sito che mi hai mandato ma nella sezione documenti non so davvero dove andare a leggere scusami ma non sono del settore e ci capisco davvero poco... come faccio a sapere per quanto tempo devo tenere le piante da me in "quarantena" per poterle poi vendere ecc?

    PS: Mi hanno pure detto che se alla dogana qui in italia trovano anche una sola pianta senza C.F. annesso, bruciano tutto il container e tutti i soldi che ho speso per questo!!! ciò nel caso che il tipo in giappone voglia solo vendere e da così via piante non idonee pur di far soldi (non sempre la dogana apre ogni container anzi...)???

    Grazie ancora!

  4. #4
    andrea meriggioli è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    4

    Predefinito

    Oggi mi hanno detto oltretutto che molte specie da questo anno sono vietate da importare come aceri, pini thumbergii, tutti i prunus, taxus e pure abeti!!!... i ginepri invece hanno derogato per tutto l'anno e bisogna vedere cosa diranno per il 2010 mentre i pini pentaphylla si possono importare ma richiedono una quarantena di 90 giorni!
    I ginipre invece quarante na fino al 15 di giugno perchè c'è un parassita che si propaga in questo periodo, il tutto controllato da visita mensile dall'addetto fitosanitario.

  5. #5
    andrea meriggioli è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    4

    Predefinito

    Oggi mi hanno detto che le regole fitosanitarie da seguire variano di regione in regione!... qualcuno di voi sa se è veritiera la notizia?

Discussioni Simili

  1. iva importazioni
    Di raffaellalilla nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-03-13, 08:43 AM
  2. Iva piante e fiori
    Di Uccio71 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 18-02-11, 01:28 PM
  3. fattura piante
    Di falcowa nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 02-02-08, 03:31 PM
  4. Acq.piante da giardino.
    Di nico317 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16-11-07, 04:55 PM
  5. Come Smaltire Fiori E Piante
    Di francy nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-09-07, 10:27 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15