Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: sopravvenienze per rinuncia dei crediti da parte dei soci

  1. #1
    gabriele79 è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    91

    Predefinito sopravvenienze per rinuncia dei crediti da parte dei soci

    La rinuncia da parte di un socio di un credito nei confronti della società sorto prima dell'acquisto della qualità di socio da parte del soggetto creditore, costituisce sopravvenienza imponibile?
    Ai fini dell'imponibilità è rilevante il fatto che il credito a cui si rinuncia sia sorto prima che il soggetto creditore divenisse socio?
    La Risoluzione 05.04.2001, n. 41/E del comitato consultivo forse contiene la risposta ma non mi è del tutto chiaro.

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,059

    Predefinito

    Che natura aveva il credito nato prima che il soggetto divenisse socio ? A che titolo era stato contratto??

    Citazione Originariamente Scritto da gabriele79 Visualizza Messaggio
    La rinuncia da parte di un socio di un credito nei confronti della società sorto prima dell'acquisto della qualità di socio da parte del soggetto creditore, costituisce sopravvenienza imponibile?
    Ai fini dell'imponibilità è rilevante il fatto che il credito a cui si rinuncia sia sorto prima che il soggetto creditore divenisse socio?
    La Risoluzione 05.04.2001, n. 41/E del comitato consultivo forse contiene la risposta ma non mi è del tutto chiaro.

  3. #3
    gabriele79 è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    91

    Predefinito

    sarei interessato sia nel caso il credito fosse sorto in seguito ad un finanziamento effettuato da un terzo in seguito divenuto socio, sia nel caso fosse un credito commerciale di un fornitore in seguito divenuto socio.
    grazie

  4. #4
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,059

    Predefinito

    1) L'ipotesi in cui sia un estraneo alla società a prestare soldi alla stessa mi viene del tutto nuova, ed ho dei problemi a riconoscerne la legittimità, per cui non la prenderei in considerazione.

    2) L'ipotesi in cui invece fosse un credito commerciale di un fornitore in seguito divenuto socio mi sembra esulare dalla fattispecie della "rinunzia del socio al credito"; in questo caso secondo me si tratta di insussistenza attiva tassabile.

    saluti


    Citazione Originariamente Scritto da gabriele79 Visualizza Messaggio
    sarei interessato sia nel caso il credito fosse sorto in seguito ad un finanziamento effettuato da un terzo in seguito divenuto socio, sia nel caso fosse un credito commerciale di un fornitore in seguito divenuto socio.
    grazie

  5. #5
    gabriele79 è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    91

    Predefinito

    da quanto riporto qui sotto mi pare di capire che anche la rinuncia di crediti, di soci, di natura commerciale venga considerata non tassabile anche se contabilmente risulta un componente positivo di conto economico. quindi è il solo fatto che il credito sia antecedente all'acquisto della qualità di socio a rendere la rinuncia imponibile?


    Il Sole 24 Ore - Guida alla Contabilità & Bilancio
    Edizione n. 4 del 7 marzo 2005

    Rinunce ai CREDITI dei soci

    Il comma 4 dell'art. 88, Tuir, considera non tassabili quali sopravvenienze attive i versamenti dei soci nonché la RINUNCIA da parte degli stessi ai CREDITI vantati verso la società.

    Sotto l'aspetto contabile, è da ritenere che, se la RINUNCIA riguarda un debito formatosi a fronte di un componente reddituale (costo od onere), essa dovrà esse rappresentata nel conto economico come provento straordinario , alla stregua di una analoga operazione effettuata da un fornitore terzo. Per quanto invece riguarda la RINUNCIA a CREDITI derivanti da precedenti finanziamenti , che ha natura di apporto (aumento del patrimonio o del capitale della partecipata, o copertura perdite), pare corretta la rilevazione diretta in una riserva del patrimonio netto, coerentemente con il trattamento contabile dei versamenti in conto capitale o a fondo perduto.

    Agenzia delle Entrate
    Risoluzione 22.05.2002, n. 152/E
    SOPRAVVENIENZE PER RINUNCIA DEI CREDITI DA PARTE DI SOCI


    La risoluzione rispondendo ad un'istanza di interpello formulata ai sensi della legge 413/1991 chiarisce che, la sopravvenienza attiva derivante dalla RINUNCIA al credito da parte del socio non deve concorrere al reddito, in quanto non trova causa nello spirito di liberalità o nella "remissione" di un debito da parte di un terzo, bensì nella volontà di patrimonializzare la partecipata.

  6. #6
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,059

    Predefinito

    Non è proprio così.
    La rinunzia ad un credito di natura commerciale costituisce sempre insussistenza attiva tassabile per la società, sia nel caso in cui si tratti di un socio, sia nel caso in cui si tratti di un terzo.

    In caso contrario, si tratterebbe di un caso di doppia deduzione.

    saluti

    Citazione Originariamente Scritto da gabriele79 Visualizza Messaggio
    da quanto riporto qui sotto mi pare di capire che anche la rinuncia di crediti, di soci, di natura commerciale venga considerata non tassabile anche se contabilmente risulta un componente positivo di conto economico. quindi è il solo fatto che il credito sia antecedente all'acquisto della qualità di socio a rendere la rinuncia imponibile?


    Il Sole 24 Ore - Guida alla Contabilità & Bilancio
    Edizione n. 4 del 7 marzo 2005

    Rinunce ai CREDITI dei soci

    Il comma 4 dell'art. 88, Tuir, considera non tassabili quali sopravvenienze attive i versamenti dei soci nonché la RINUNCIA da parte degli stessi ai CREDITI vantati verso la società.

    Sotto l'aspetto contabile, è da ritenere che, se la RINUNCIA riguarda un debito formatosi a fronte di un componente reddituale (costo od onere), essa dovrà esse rappresentata nel conto economico come provento straordinario , alla stregua di una analoga operazione effettuata da un fornitore terzo. Per quanto invece riguarda la RINUNCIA a CREDITI derivanti da precedenti finanziamenti , che ha natura di apporto (aumento del patrimonio o del capitale della partecipata, o copertura perdite), pare corretta la rilevazione diretta in una riserva del patrimonio netto, coerentemente con il trattamento contabile dei versamenti in conto capitale o a fondo perduto.

    Agenzia delle Entrate
    Risoluzione 22.05.2002, n. 152/E
    SOPRAVVENIENZE PER RINUNCIA DEI CREDITI DA PARTE DI SOCI


    La risoluzione rispondendo ad un'istanza di interpello formulata ai sensi della legge 413/1991 chiarisce che, la sopravvenienza attiva derivante dalla RINUNCIA al credito da parte del socio non deve concorrere al reddito, in quanto non trova causa nello spirito di liberalità o nella "remissione" di un debito da parte di un terzo, bensì nella volontà di patrimonializzare la partecipata.

  7. #7
    gabriele79 è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    91

    Predefinito

    ok grazie. effettivamente non avevo preso in considerazione il problema della doppia deduzione.

    ma per quanto riguarda il prestito da parte di estranei poi divenuti soci perchè è illegittimo? oltre al caso in cui sia un istituto di credito o ente simile a prestare, non è possibile che un soggetto per svariate ragioni e interessi anche non prettamente economici decida di prestare delle somme ad una società e una volta divenuto socio rinunci ad essi?

    Grazie e mi scuso per l'insistenza, ma mi è stato posto il quesito e non riesco a dare una risposta ben motivata.
    Ultima modifica di gabriele79; 05-10-07 alle 05:56 PM

  8. #8
    gabriele79 è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    91

    Predefinito

    ma per quanto riguarda il prestito da parte di estranei poi divenuti soci perchè è illegittimo? oltre al caso in cui sia un istituto di credito o ente simile a prestare, non è possibile che un soggetto per svariate ragioni e interessi anche non prettamente economici decida di prestare delle somme ad una società e una volta divenuto socio rinunci ad essi?

  9. #9
    gabriele79 è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    91

    Predefinito

    scusate, non è possibile riesaminare questa discussione alla luce del quesito "Domanda semplice semplice" e delle relative risposte?
    Si tratta di stabilire se la rinuncia ad un finanziamento effettuato da un terzo(a questo punto è appurato che è possibile che un terzo finanzi una società) poi divenuto socio costituisca sopravvenienza o meno
    grazie

  10. #10
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,059

    Predefinito

    A mio parere non cambia nulla.

    ciao

    Citazione Originariamente Scritto da gabriele79 Visualizza Messaggio
    scusate, non è possibile riesaminare questa discussione alla luce del quesito "Domanda semplice semplice" e delle relative risposte?
    Si tratta di stabilire se la rinuncia ad un finanziamento effettuato da un terzo(a questo punto è appurato che è possibile che un terzo finanzi una società) poi divenuto socio costituisca sopravvenienza o meno
    grazie

Discussioni Simili

  1. Perdite su crediti o sopravvenienze passive?
    Di borisaka nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-01-13, 06:43 PM
  2. rinuncia credito soci
    Di stsimar nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-07-11, 11:50 AM
  3. rinuncia finanz soci sas
    Di iarone nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-10-10, 12:22 PM
  4. cessione quota sas con rinuncia al credito da parte del socio
    Di angelop nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-07-07, 01:53 PM
  5. cessione quota sas con rinuncia al credito da parte del socio
    Di angelop nel forum Le utilità del Commercialista telematico
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-07-07, 01:53 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15