Un contribuente cede nel 2010 un immobile che aveva rivalutato fiscalmente (senza affrancamento della riserva) mediante la legge 185/2008. Appurato che nell'anno in cui Ŕ avvenuta la cessione dell'immobile il saldo attivo di rivalutazione viene a perdere fiscalmente la caratteristica di riserva in sospensione d'imposta, diventando libera e quindi pu˛ essere distribuita nello stesso anno senza che la stessa sia tassata in capo alla societÓ. Mi chiedo se a livello civilistico sono cmq costretto ad applicare il secondo e terzo comma dell'art. 2445 del codice civile per distribuirla in capo ai soci, anche se la circolare 11/E/2009 a pag 19 afferma " ad essa non si applica pi¨ la disciplina dell'articolo 13 della legge n. 342 del 2000"

Gradirei una vs opinione.

Grazie