Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Nuova attività: possibili problemi

  1. #1
    spider è offline Member
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    238

    Predefinito Nuova attività: possibili problemi

    Agente di commercio cambia attività e vuole aprire un'attività di commercio come ditta individuale.

    La partita iva come agente non potrà chiuderla prima del 31/03/2011 per motivi di contratto e di Enasarco.

    Mi confermate che non deve aspettare tale data per poter aprire la nuova partita iva per la nuova attività, giusto?
    Può inviare adesso la SCIA in Comune ed entro 30 giorni aprire la partita iva con Comunica, trovandosi pertanto per un mese circa con le due attività aperte in contemporanea.

    Essendo una nuova attività avrà poi diritto alle agevolazioni in tassazione per le nuove attività produttive.

    La comunicazione all'Inps verrà fatta con Comunica, ci penseranno poi loro (Inps) a vedere cme gestire la sua posizione (è Inps commerciante già adesso essendo agente di commercio, per cui dovrebbe cambiare poco niente).

    C'è poi un problema: in questo negozio venderà arredamento; occasionalmente però vuole poter fornire delle consulenze di progettazione.
    In pratica si reca da lui un privato che gli chiede di ristrutturare una casa, lui fa il progetto, poi gli vende i mobili e fa fare dei lavori da imbianchini, elettricisti, etc.
    Come configurare tutto ciò?

    Credo sia necessario aprire un secondo codice attività con contabilità separata per gestire la progettazione, giusto?
    E per i lavori degli artigiani come fa a sostenere lui i costi e poi a riaddebitarli al cliente con un codice attività di commercio ed uno di progettazione? E' possibile?

    Se ciò avvenisse sporadicamente e per meno di 5.000 euro, potrebbe farlo come attività occasionale, giusto?

    Grazie.

  2. #2
    RAPTINO Guest

    Predefinito

    stai facendo un pò di confusione......
    Ho poco tempo, poi ti rispondo in maniera esauriente,però:
    1) non deve chiudere la p.iva, cambia solo cond. attività e fa le dovute comunicazioni previste per il commercio
    2) se chiudi la p.iva perchè pensi che la nuova p.iva possa usufruire del regime agevolato,sbagli .....non potrà usufruirne
    3) inps, stessa gestione, non cambierebbe nulla

  3. #3
    spider è offline Member
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    238

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da RAPTINO Visualizza Messaggio
    stai facendo un pò di confusione......
    Ho poco tempo, poi ti rispondo in maniera esauriente,però:
    1) non deve chiudere la p.iva, cambia solo cond. attività e fa le dovute comunicazioni previste per il commercio
    2) se chiudi la p.iva perchè pensi che la nuova p.iva possa usufruire del regime agevolato,sbagli .....non potrà usufruirne
    3) inps, stessa gestione, non cambierebbe nulla
    Grazie per la risposta, di un paio di errori mi ero appena accorto; in particolare ho visto che non potrà in ogni caso aderire al regime delle nuove iniziative produttive in quanto svolgeva già in precedenza un'altra attività (invece a memoria mi ricordavo solo il vincolo che non deve essere una prosecuzione di precedente attività, nemmeno svolta come dipendente).
    Quindi regime ordinario di tassazione, ok.

    Per quanto riguarda la chiusura della partita iva, può non chiuderla o non deve proprio chiuderla?
    Se non potesse proprio, allora gli si attiva il nuovo codice attività e si fa richiesta di variazione indirizzo e ragione sociale e basta, giusto?

    Mi puoi per cortesia confermare quanto sopra quando hai tempo?
    Ed anche per il discorso di progettazione e lavoro di artigiani da riaddebitare al cliente, grazie mille.

  4. #4
    iltributarista è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    661

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da spider Visualizza Messaggio
    Grazie per la risposta, di un paio di errori mi ero appena accorto; in particolare ho visto che non potrà in ogni caso aderire al regime delle nuove iniziative produttive in quanto svolgeva già in precedenza un'altra attività (invece a memoria mi ricordavo solo il vincolo che non deve essere una prosecuzione di precedente attività, nemmeno svolta come dipendente).
    Quindi regime ordinario di tassazione, ok.

    Per quanto riguarda la chiusura della partita iva, può non chiuderla o non deve proprio chiuderla?
    Se non potesse proprio, allora gli si attiva il nuovo codice attività e si fa richiesta di variazione indirizzo e ragione sociale e basta, giusto?

    Mi puoi per cortesia confermare quanto sopra quando hai tempo?
    Ed anche per il discorso di progettazione e lavoro di artigiani da riaddebitare al cliente, grazie mille.
    1) hai ancora la possibilità di aderire al regime dei minimi
    2) non devi chiudere la p.iva: devi comunicare solo il nuovo codice ateco ed i nuovi, eventuali, dati riferiti al domicilio fiscale
    "Le tasse si pagano quando qualcuno ce le chiede, ed è più probabile che lo faccia su quello che si vede." (Raffaello Lupi)

Discussioni Simili

  1. Nuova attività
    Di crisy nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-04-13, 05:11 PM
  2. Nuova attività
    Di Danix nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-10-12, 08:51 AM
  3. nuova attività
    Di fsdn2003 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-05-11, 12:42 PM
  4. Problemi SCIA con affitto e inizio attività
    Di Niccolò nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18-04-11, 11:38 AM
  5. Nuova attivita'
    Di MOLLY nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-12-07, 11:33 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15