Pubblicata la modifica dell'art.2215 bis che stabiliva, ai fini civilistici, una modalità di tenuta dei libri elettronici diversa da quella fiscale.
Ora il periodo per la validazione dei registri è 1 anno (prima era 3 mesi) e in ogni caso il codice rimanda alla disciplina fiscale che, ricordiamo, stabilisce :
1 - Cadenza quindicinale per la conservazione delle fatture elettroniche
2 - Cadenza annuale per tutti gli altri tipi di documenti.
3 - Per i documenti cartacei è obbligatoria la conservazione del cartaceo fino a che non si è completata la conservazione elettronica con la generazione dei supporti sostitutivi firmati dal Responsabile.
4 - Libro unico cadenza Mensile
Pur apprezzando la modifica (sono tra coloro che hanno insistito molto affinchè questa avvenisse) mi permettto di far notare che la nuova formulazione a mio parere NON E' ABBASTANZA garantista per la tenuta dei libri sociali (assemblee verbali revisori etc.) Per questi libri consiglio di utilizzare le regole del LIBRO UNICO dove ogni annotazione (nel nostro caso la singola annotazione sarà 1 verbale) è un documento informatico SOTTOSCRITTO DIGITALMENTE SECONDO LA PRASSI (Esempio firma segretario e presidnete) collegato al precedente.
alla fine dei 12 mesi, si farà la chiusura dell'archivio come previsto dall'art. 2215 bis.

So che è un argomento un pò specifico per questo ho sintetizzato molto sapendo che in questo periodo siete in altre faccende affacendati.
Buona estate e tanto sole a tutti :-)