Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: Requisiti costituzione associazione tra professionisti

  1. #1
    studiob239 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    15

    Predefinito Requisiti costituzione associazione tra professionisti

    Salve a tutti,

    Possono costituire uno studio tecnico associandosi:
    - un geometra iscritto al proprio collegio,
    - un perito industriale iscritto anch'egli al proprio collegio,
    - un praticante geometra ???

    Grazie

  2. #2
    mazzanti è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    San Giuseppe (FE)
    Messaggi
    534

    Predefinito Requisiti costituzione associazione tra professionisti

    Citazione Originariamente Scritto da studiob239 Visualizza Messaggio
    Salve a tutti,

    Possono costituire uno studio tecnico associandosi:
    - un geometra iscritto al proprio collegio,
    - un perito industriale iscritto anch'egli al proprio collegio,
    - un praticante geometra ???

    Grazie
    Uno studio associato sotto forma di "associazione multiprofessionale" non può essere costituito tra professionisti non iscritti ad un Ordine o ad un Albo, se l'iscrizione è condizione di esercizio della relativa professione. Potrebbe costituire una società di servizi ai relativi professionisti ma non una società che eserciti la professione. In sostanza, lascerei il rapporto diretto con i clienti ai due professionisti iscritti, mentre la società mette a loro disposizione le attrezzature ed i servizi, svolgendo direttamente solo quelle prestazioni non riservate a professionisti iscritti.
    [B]Roberto Mazzanti[/B]
    Commercialista
    http://studiomazzanti.blogspot.it/

  3. #3
    studiob239 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mazzanti Visualizza Messaggio
    Uno studio associato sotto forma di "associazione multiprofessionale" non può essere costituito tra professionisti non iscritti ad un Ordine o ad un Albo, se l'iscrizione è condizione di esercizio della relativa professione. Potrebbe costituire una società di servizi ai relativi professionisti ma non una società che eserciti la professione. In sostanza, lascerei il rapporto diretto con i clienti ai due professionisti iscritti, mentre la società mette a loro disposizione le attrezzature ed i servizi, svolgendo direttamente solo quelle prestazioni non riservate a professionisti iscritti.
    Grazie mille

    i due professionisti iscritti, invece, potrebbero associarsi anche se appartengono a collegi differenti?

    Grazie ancora
    Ultima modifica di studiob239; 13-09-11 alle 12:31 PM

  4. #4
    mazzanti è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    San Giuseppe (FE)
    Messaggi
    534

    Predefinito Requisiti costituzione associazione tra professionisti

    Citazione Originariamente Scritto da studiob239 Visualizza Messaggio
    Grazie mille

    i due professionisti iscritti, invece, potrebbero associarsi anche se appartengono a collegi differenti?

    Grazie ancora
    Si. Io faccio parte di uno studio associato tra un Revisore, una Consulente del Lavoro e me, Commercialista. Lo statuto non richiede particolari accorgimenti, e va notificato agli Ordini-Albi di competenza a cura di ciascun associato.
    [B]Roberto Mazzanti[/B]
    Commercialista
    http://studiomazzanti.blogspot.it/

  5. #5
    studiob239 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mazzanti Visualizza Messaggio
    Si. Io faccio parte di uno studio associato tra un Revisore, una Consulente del Lavoro e me, Commercialista. Lo statuto non richiede particolari accorgimenti, e va notificato agli Ordini-Albi di competenza a cura di ciascun associato.
    Nel caso di costituzione di una società di servizi, come lei mi suggeriva, il corrispettivo incassato dal professionista abilitato per le prestazioni che gli competono resta in capo allo stesso e non in capo alla società...occorrerebbe inserire nello statuto della società una qualche clausola che gli obblighi di ripartirlo tra i soci??? Sempre che sia possibile questa opzione.

    Grazie ancora per la disponibilità

  6. #6
    mazzanti è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    San Giuseppe (FE)
    Messaggi
    534

    Predefinito Requisiti costituzione associazione tra professionisti

    Citazione Originariamente Scritto da studiob239 Visualizza Messaggio
    Nel caso di costituzione di una società di servizi, come lei mi suggeriva, il corrispettivo incassato dal professionista abilitato per le prestazioni che gli competono resta in capo allo stesso e non in capo alla società...occorrerebbe inserire nello statuto della società una qualche clausola che gli obblighi di ripartirlo tra i soci??? Sempre che sia possibile questa opzione.

    Grazie ancora per la disponibilità
    Sarebbe preferibile un Regolamento interno alla società in cui si stabiliscono le quote di riaddebito società -soci. Per esempio, si potrebbe deliberare che ogni 100 euro incassate dal socio, 60 andranno ai servizi resi dalla struttura e quindi alla società. Perciò il professionista fattura 100 e riceve una fattura di 60 dalla società. Occorrerà calcolare il costo della struttura e la sua incidenza sul fatturato dei professionisti. I regolamenti poi potranno essere modificati periodicamente, senza necessità di intervenire sullo Statuto.
    [B]Roberto Mazzanti[/B]
    Commercialista
    http://studiomazzanti.blogspot.it/

  7. #7
    studiob239 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mazzanti Visualizza Messaggio
    Sarebbe preferibile un Regolamento interno alla società in cui si stabiliscono le quote di riaddebito società -soci. Per esempio, si potrebbe deliberare che ogni 100 euro incassate dal socio, 60 andranno ai servizi resi dalla struttura e quindi alla società. Perciò il professionista fattura 100 e riceve una fattura di 60 dalla società. Occorrerà calcolare il costo della struttura e la sua incidenza sul fatturato dei professionisti. I regolamenti poi potranno essere modificati periodicamente, senza necessità di intervenire sullo Statuto.
    Grazie mille provvederò in questa direzione

  8. #8
    studiob239 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mazzanti Visualizza Messaggio
    Sarebbe preferibile un Regolamento interno alla società in cui si stabiliscono le quote di riaddebito società -soci. Per esempio, si potrebbe deliberare che ogni 100 euro incassate dal socio, 60 andranno ai servizi resi dalla struttura e quindi alla società. Perciò il professionista fattura 100 e riceve una fattura di 60 dalla società. Occorrerà calcolare il costo della struttura e la sua incidenza sul fatturato dei professionisti. I regolamenti poi potranno essere modificati periodicamente, senza necessità di intervenire sullo Statuto.
    Non vorrei disturbarla ancora, ma ho parlato con gli interessati e mi hanno detto che vorrebbero optare per la costituzione di uno studio associato senza ovviamente la presenza, tra gli associati, del praticante.
    Per la costituzione dello stesso occorre preparare:

    - atto costitutivo
    - Statuto
    - ed eventuale regolamento

    e procedere poi alla registrazione dei documenti giusto???
    l'autentica del notaio non è necessaria???

    Grazie

  9. #9
    mazzanti è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    San Giuseppe (FE)
    Messaggi
    534

    Predefinito

    Lo statuto comprende in se' l'atto costitutivo; è sufficente solo il primo e non anche il secondo. Nessuna autenticazione notarile. Consiglio la scrittura privata registrata. Anche se non c'è obbligo nemmeno di quella - sarebbe sufficente la costituzione "verbale". Ma siccome un atto va notificato agli Ordini professionali di appartenenza da ciascun associato sarebbe preferibile avere un atto con data certa. Anche per motivi fiscali.
    [B]Roberto Mazzanti[/B]
    Commercialista
    http://studiomazzanti.blogspot.it/

  10. #10
    studiob239 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mazzanti Visualizza Messaggio
    Lo statuto comprende in se' l'atto costitutivo; è sufficente solo il primo e non anche il secondo. Nessuna autenticazione notarile. Consiglio la scrittura privata registrata. Anche se non c'è obbligo nemmeno di quella - sarebbe sufficente la costituzione "verbale". Ma siccome un atto va notificato agli Ordini professionali di appartenenza da ciascun associato sarebbe preferibile avere un atto con data certa. Anche per motivi fiscali.
    Grazie ancora per la disponibilità

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. parcella Notaio SPESE DI COSTITUZIONE o Compensi a professionisti?
    Di carlorosati nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-06-13, 05:11 PM
  2. Requisiti associazione in partecipazione
    Di ConsulTM nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-04-13, 06:05 PM
  3. Costituzione associazione
    Di Vanessa80 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-03-10, 11:44 AM
  4. Costituzione s.a.s. tra professionisti e non
    Di TheGuardian nel forum Altri argomenti
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 26-06-09, 08:11 AM
  5. Costituzione associazione
    Di giorgia22 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 26-05-07, 07:11 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15