Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: DIpendente vs Partita iva

  1. #1
    Fibbio è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    14

    Predefinito DIpendente vs Partita iva

    Scrivo qua il mio secondo quesito, per avere un vostro parere.

    Sono dottore commercialista, ancora senza partita iva e dipendente di uno studio professionale.
    Mi domandavo, è meglio aprire partita iva e iscriversi alla cassa o continuare ad essere lavoratore dipendente quindi INPS?
    Ossia, qualcuno sa elencarmi benefici, pregi cose negative dell'uno o dell'altro affinchè possa prendere una decisione?
    Vi scrivo perchè fino ad ora sono stato solo dipendente, e quindi non sono mai entrato nel mondo della partita iva e soprattutto in un albo con cassa previdenza.
    Lo studio dove dovrei andare mi lascia aperte entrambe le possibilità.
    Avevo pensato anche di ricercare qualche cliente per avere un mio parco clienti in futuro e magari staccarmi

    Ma le due cose sono incompatibili insieme?

    Voi come la vedete?

    Vi ringrazio per le risposte e considerazioni datemi

    Fabio

    p.s. complimenti al sito, che visitavo da molto, se aprirò la partita iva mi abbono ma questo non deve pregiudicare la vostra risposta!
    Ultima modifica di Fibbio; 22-02-12 alle 08:11 AM

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Fibbio Visualizza Messaggio

    p.s. complimenti al sito, che visitavo da molto, se aprirò la partita iva mi abbono
    Perchè? Se non apri la partita iva non ti serve essere aggiornato?
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  3. #3
    studiocontabileab è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    PALERMO
    Messaggi
    941

    Predefinito

    per essere dipendente dello studio professionale non era sicuramente necessario fare tutti quei sacrifici di studio, esami e tanti soldini per le tasse. Potendo permetterselo la soluzione migliore è quella di aprire uno studio per i fatti tuoi, così non hai "padroni" a cui dover rendere conto e non dover restare tutta la vita un "collaboratore" che assurge spesso al significato di "segretario, centralinista, porta borse e chi ne ha piu' ne metta".....
    Se hai la possibilità fatti i tuoi clienti e Vola Via.....
    Dottore commercialista e revisore legale in Palermo

  4. #4
    Lolly74 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Gabicce Mare
    Messaggi
    836

    Predefinito

    Scusa tanto, ma non riesco a capire! Sei un dottore commercialista abilitato e sei dipendente di uno studio ( presumo dove hai fatto il praticantato).
    Se un giorno vuoi uno studio tuo, puoi iniziare ad aprire partita iva e collaborare con lo studio dove sei adesso per poi, una volta fatto il tuo portafoglio clienti puoi spiccare il volo.
    Dal punto di vista economico.... sarai tu a fare i tuoi conti

    In bocca al lupo
    Lorena

    Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima. (Einstein)

  5. #5
    studiocontabileab è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    PALERMO
    Messaggi
    941

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lolly74 Visualizza Messaggio
    Scusa tanto, ma non riesco a capire! Sei un dottore commercialista abilitato e sei dipendente di uno studio ( presumo dove hai fatto il praticantato).
    Se un giorno vuoi uno studio tuo, puoi iniziare ad aprire partita iva e collaborare con lo studio dove sei adesso per poi, una volta fatto il tuo portafoglio clienti puoi spiccare il volo.
    Dal punto di vista economico.... sarai tu a fare i tuoi conti

    In bocca al lupo
    Sempre che lo studio dove lavora chi permette di prendere clienti suoi, e poi non è facile prendere clienti in uno studio non tuoi, si rischia di perdere credibilità e professionalità portare un cliente presso lo studio dove si lavora, io ho perso due clienti proprio così e allora che fare...boicottare il prorio dominus e prendersi anche i suoi di clienti?.....
    Certo non è facile..
    Dottore commercialista e revisore legale in Palermo

  6. #6
    Lolly74 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Gabicce Mare
    Messaggi
    836

    Predefinito

    Io intendevo ... collaborazioni .... se apre partita iva, puo' appoggiarsi allo studio per cui lavora ora come dipendente ( sempre che glielo permettano) , ma il lavoro è tutto suo ... i clienti che si fa saranno suoi e soltanto suoi.
    All'inizio si appoggia allo studio ma poi spiccherà il volo!!
    Magari sono un'illusa ... ma credo che un po' di aiuto ai nuovi commercialisti che hanno fatto pratica ... lo si puo' dare ....
    Lorena

    Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima. (Einstein)

  7. #7
    Fibbio è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    14

    Predefinito Grazie..ma...

    Grazie delle risposte..

    per Danilo Sciuto: ovvio che devo essere aggiornato, ma se apro PI almeno scarico la spesa! :-)

    Per studio contabile: si il commercialista nasce libero professionista, e avrei risparmiato tempo e salute se avrei voluto fare il dipendente.

    Hai azzeccatissimo una cosa che mi è successa...ho perso un cliente MIO per essere qua dentro. Qui rispondo al telefono, apro la porta, porto il caffè e mi trattano pure poco bene. Quindi volevo staccarmi

    Per l'altra persona che ha scritto di cui non ricordo il nick, si hai ragione anche te, ma se apro PI non lo faccio in questo studio...

    Però credo che nessuno di voi mi abbia dato la risposta che cercavo :-(

    Potete darmi qualche altro piccolissimo spunto?

    Grazie cmq

    Fabio

  8. #8
    studiocontabileab è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    PALERMO
    Messaggi
    941

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Fibbio Visualizza Messaggio

    Potete darmi qualche altro piccolissimo spunto?
    Se ti interessano i costi se ti apri la partita iva e resti dove sei ti costa di piu' che essere dipendente perchè la contribuzione è solo a carico tua;
    Se ti apri la partita iva e ti apri anche lo studio alla contribuzione devi aggiungere le spese di studio tra cui affitto, computer e licenze programmi,
    ma la libertà ha sempre un prezzo da pagare....
    Dottore commercialista e revisore legale in Palermo

  9. #9
    Fibbio è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    14

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da studiocontabileab Visualizza Messaggio
    Se ti interessano i costi se ti apri la partita iva e resti dove sei ti costa di piu' che essere dipendente perchè la contribuzione è solo a carico tua;
    Se ti apri la partita iva e ti apri anche lo studio alla contribuzione devi aggiungere le spese di studio tra cui affitto, computer e licenze programmi,
    ma la libertà ha sempre un prezzo da pagare....
    Si la contribuzione è a carico mio, ma non prenderei più quello che mi da come dipendente ma molto di più.
    Scusate se faccio dei numeri così nel c aso mi correggete: compensi per 30.000. Irpef 5%=1.500; Cassa prev. 11%= 3.300; netto annuo= 25.200 di cui mensile 2.100. Insomma una bella differenza rispetto a quello che prendo ora e soprattuttoil capo lo accetterebbe in quanto andrà a risparmiare.
    Dico bene o sono un esaltato?

    Avevo anche messo un altro threed ma è stato cancellato... i requisiti per i nuovi minimi devono essere soddisfatti tutti simultaneamente o visto che sono dipendente da più di tre anni non posso? fermo restando che il mio contratto era quello di apprendista professionalizzante, mirato allo svolgere il tirocinio, fino ad agosto, poi da agosto a tempo indeterminato.
    Non vorrei scocciarvi ma non riesco a trovare risposta a questo quesito.

    Fabio

  10. #10
    Gontur è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    487

    Predefinito

    I requisiti per i nuovi minimi a mio parere ce li hai visto che un conto è essere un impiegato contabile un conto invece è svolgere la libera professione.
    Non è come essere un idraulico che lavora come dipendente presso la ditta X e poi aprire partita iva con codice attivitià dell'idraulico.

    Apri P.I. che magari qualche tuo cliente riesci a gestirtelo.
    Occhio che questo tipo di gestione può portare a situazioni un po' imbarazzanti. A me è capitato che un cliente dello Studio mandasse un amico da ME perchè voleva che gestissi IO la contabilità etc.. cose non proprio simpatiche

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. dipendente e partita iva
    Di LIMITED nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 09-02-11, 12:59 PM
  2. Partita Iva e dipendente
    Di Roberta78 nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-02-10, 06:05 PM
  3. Da dipendente a Partita Iva
    Di nato1952 nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-11-09, 09:36 AM
  4. Dipendente Con Partita Iva
    Di stellax nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 30-04-08, 12:10 PM
  5. dipendente e partita iva?
    Di Mauro_Gardoni nel forum Altri argomenti
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 28-03-08, 08:27 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15