Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: incompatibilità dottore commercialista

  1. #1
    denigiu è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    218

    Predefinito incompatibilità dottore commercialista

    Vorrei conoscere la vostra sull'eventuale incompatibilità dell'assunzione della carica di amministratore per un dottore commercialista.
    Ci sarebbero sentenze della Cassazione secondo cui non vi sarebbe incompatilità a condizione che al professionista non siano conferiti poteri gestionali ( non deve instaurare un rapporto di immedesimazione organica ) altrimenti si violerebbero i dettami dell'art.3 dell'ord.dei dottori commercialisti.
    Ma concretamente come si potrebbe amministratre senza gestire? Quali funzioni potrebbero essere ricoperte?
    Qualcuno ha già approfondito la questione?
    Saluti Giuseppe

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da denigiu Visualizza Messaggio
    Ma concretamente come si potrebbe amministratre senza gestire?
    Appunto .... impossibile !

    Sei assolutamente sicuro che esista questa inibizione a cui fai riferimento ?

  3. #3
    denigiu è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    218

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Appunto .... impossibile !

    Sei assolutamente sicuro che esista questa inibizione a cui fai riferimento ?
    Cassazione sentenze n.3064/2001 e 1162/2000.
    Tali informazioni le ho apprese leggendo un inserto di Italia Oggi n.13 del luglio 2005 a firma di Gilberto Gelosa.

  4. #4
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Si tratta di sentenze che non trovo, mi sarebbe piaciuto leggerle per commentarle.
    Ad ogni modo, resto perplesso, nonostante Gelosa.
    A me non risulta che l'ordinamento vieti tale carica. Anzi !

    ciao

    Citazione Originariamente Scritto da denigiu Visualizza Messaggio
    Cassazione sentenze n.3064/2001 e 1162/2000.
    Tali informazioni le ho apprese leggendo un inserto di Italia Oggi n.13 del luglio 2005 a firma di Gilberto Gelosa.

  5. #5
    Contabile è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,899

    Predefinito

    La sentenza 3064 dovrebbe essere questa della sez lavoro del 2 marzo 2001

    Con sentenza 22 aprile-7 marzo 1998 il Tribunale di Milano, decidendo sull'appello proposto dall'ing. F. G., ha confermato la sentenza del Pretore di quella città, giudice del lavoro, che aveva respinto la domanda del F. di condanna della Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti liberi professionisti ad erogargli la pensione di vecchiaia.
    Il Tribunale, rilevato che nel periodo controverso il F. aveva svolto attività quale amministratore delegato di una società, ha ritenuto che l'iscrizione alla Cassa non fosse requisito sufficiente per il diritto alla pensione di vecchiaia, in mancanza dell'altro requisito legislativamente richiesto dell'attività di libero professionale quale ingegnere o architetto.
    Ha proposto ricorso per cassazione il F., con due motivi.
    La Cassa intimata, ritualmente costituita con controricorso, ha resistito.
    Entrambe le parti hanno depositato memoria ex art. 378 c.p.c.
    MOTIVI DELLA DECISIONE
    Con il primo motivo il ricorrente censura la sentenza impugnata per violazione e falsa applicazione dell'art. 21 L. 6/1981.
    Rileva che il primo comma di tale articolo, nel disporre che l'iscrizione alla Cassa è obbligatoria per tutti gli ingegneri e gli architetti che esercitano la libera professione con carattere di continuità, non specifica il tipo di attività che deve essere esercitata; poiché non richiama la legge 24 giugno 1923 n. 1395, si deve ritenere che qualsiasi attività di libero professionale, ivi compresa quella di amministratore di società, sia inclusa nella previsione del 1° comma dell'art. 1, tanto più che il comma 5 dello stesso articolo esclude dall'iscrizione alla Cassa, ai sensi dell'articolo 2 della legge 11 novembre 1971, n. 1046, solo gli ingegneri e gli architetti iscritti a forme di previdenza obbligatorie in dipendenza di un rapporto di lavoro subordinato o comunque di altra attività esercitata.
    Il motivo è infondato.
    Vi sono tre argomenti ermeneutici, uno letterale, l'altro funzionale, il terzo sistematico, che militano nel senso affermato nella sentenza impugnata, contrario a quello preteso dal ricorrente.
    Sul piano letterale, si deve notare che il primo comma dell'art. 21 Legge 3 gennaio 1981, n. 6 (Norme in materia di previdenza per gli ingegneri e gli architetti) pone l'obbligo dell'iscrizione alla Cassa per tutti gli ingegneri e gli architetti che esercitano la libera professione con carattere di continuità, intendendo indicare, con l'articolo determinativo, esattamente la professione di ingegnere o di architetto, e non qualsiasi libera professione, per il che avrebbe usato l'articolo indeterminativo. Il comma 5 dello stesso articolo, poi, escludendo la possibilità di iscrizione alla Cassa per gli ingegneri e gli architetti iscritti a forme di previdenza obbligatorie in dipendenza di un rapporto di lavoro subordinato o comunque di altra attività esercitata, conferma la distinzione tra attività di ingegneri ed architetti e qualsiasi altra professione.
    Sul piano funzionale, l'intera Legge 3 gennaio 1981, n. 6, come recita il suo stesso titolo (Norme in materia di previdenza per gli ingegneri e gli architetti), ha per oggetto esclusivamente la previdenza di coloro che esercitano tali libere professioni.
    Sul piano sistematico, occorre ricordare che la Legge 3 gennaio 1981, n. 6 è coeva ad una serie di provvedimenti legislativi con cui il Parlamento ha inteso disciplinare in maniera convergente verso un modello comune la previdenza di ciascuna libera professione.
    Il problema proprio della presente causa si è già posto per tali distinte forme previdenziali, contenenti discipline analoghe, sulle quali questa Corte si è già espressa.
    Con riferimento all'art. 22 della Legge 29 gennaio 1986, n. 21 (Riforma della Cassa nazionale di previdenza e assistenza a favore dei dottori commercialisti), di identico tenore ("Sono obbligatoriamente iscritti alla Cassa i dottori commercialisti iscritti all'albo professionale che esercitano la libera professione con carattere di continuità"), questa Corte ha statuito che il requisito della libera professione non è collegato alla sola potenzialità dell'attività intellettuale, ma richiede l'effettività della pratica professionale (ovviamente corrispondente all'oggetto della cassa professionale) (Cass. 4 luglio 1991 n. 7389). La Corte ha precisato che l'attività di amministratore unico di società, stante il rapporto di immedesimazione organica con questa, va qualificata come attività imprenditoriale e non libero professionale (Cass. 12 luglio 1997 n. 7637, Cass. 21 novembre 1987 n. 8601).
    Con il secondo motivo il ricorrente censura la sentenza impugnata per violazione e falsa applicazione degli artt. 5 T.U.I.R. e 5 D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633.
    Rileva che l'art. 5 della legge istitutiva dell'IVA (D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633) definisce, al primo comma, l'esercizio di arti e professioni come l'esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo da parte di persone fisiche; che esclude poi, al secondo comma, dall'obbligo dell'IVA, tutti i redditi di lavoro autonomo rientranti nella collaborazione coordinata continuativa; che l'art. 49 del T.U.I.R. dichiara professionali i redditi da lavoro autonomo; conclude che esistono svariate attività professionali esenti da IVA.
    Applica tale ragionamento all'ing. F., il quale, quale amministratore delegato di società, svolge tale attività in modo autonomo, e quindi professionale, ai sensi dell'art. 5 Legge sull'IVA, e quindi titolare del diritto alla pensione di vecchiaia.
    Anche tale motivo è infondato, perché denuncia la violazione di norme tributarie, non applicate dal Tribunale, che non impingono sulla disciplina previdenziale in esame.
    Il ricorso va pertanto respinto.
    Nulla per le spese, a norma dell'art. 152 d.a. c.p.c.
    P.Q.M.
    Rigetta il ricorso. Nulla per le spese del presente giudizio di legittimità.
    “Commercialista Telematico. Né SKY, né RAI. Abbonarsi conviene. ”.

    Lavora facile con qualità e risparmio. Lavora CONTABILE TELEMATICO

  6. #6
    denigiu è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    218

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Si tratta di sentenze che non trovo, mi sarebbe piaciuto leggerle per commentarle.
    Ad ogni modo, resto perplesso, nonostante Gelosa.
    A me non risulta che l'ordinamento vieti tale carica. Anzi !

    ciao
    Anche io fino ad oggi non avevo dubbi al riguardo poi un collega mi fa leggere qull'articolo e.......

Discussioni Simili

  1. incompatibilità Dottore Commercialista
    Di marco.assi nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-09-12, 07:28 PM
  2. incompatibilità Dottore Commercialista
    Di marco.assi nel forum Le utilità del Commercialista telematico
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-09-12, 07:28 PM
  3. Dottore commercialista
    Di maxvale nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-03-12, 10:55 AM
  4. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 20-05-09, 05:45 PM
  5. Incompatibilità dottore commercialista
    Di arcangelo.c nel forum Studi di settore e I.S.A.
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-05-08, 10:32 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15