Dal sito istituzionale del Comune di Pontecagnano Faiano.

Il versamento in acconto dell’Imu sull’abitazione principale può essere pagato anche tenendo conto dell’aliquota comunale al 2 per mille. E’ un riscontro importante questo che giunge da Roma dopo apposita istanza del Comune di Pontecagnano Faiano. Un riscontro che, allo stesso tempo, rappresenta, non solo un chiarimento necessario, ma anche un fondamentale riconoscimento per l’impegno dell’amministrazione comunale a favore del territorio in merito all’Imposta municipale propria (ex Ici).

Numerose sono state le richieste pervenute dai cittadini in questi giorni, considerato che l’ente aveva fissato l’aliquota comunale Imu sulla prima casa al 2 per mille mentre lo Stato aveva precisato che in ogni caso il pagamento dell’acconto fosse al 4 per mille.

Il Comune, pertanto, su impulso del sindaco Ernesto Sica e dell’assessore alle Finanze Gennaro Frasca, ha chiesto subito un riscontro e chiarimenti al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed il risultato è stato ampiamente positivo: il versamento in acconto sull’abitazione principale, infatti, può essere pagato proprio sulla base dell’aliquota comunale pari al 2 per mille, avvalendosi già in fase di acconto della facoltà di usufruire delle agevolazioni previste dal Comune.

Peccato che:

1) la "notizia" non sia stata divulgata efficacemente. Avremmo evitato di "litigare" con i clienti.
2) quasi tutti i software non permettevano la riduzione di aliquota per il calcolo.

Non avrebbe il ministero potuto diffondere una nota dicendo che se il comune avesse già deliberato proprie aliquote sulla abitazione pricipale e queste fossero state più basse dell'aliquota base si poteva effettaure il calcolo con detta aliquota?

Italia Si Italia NO è la terra dei "cachi"............