Salve a tutti,
volevo porvi un quesito in merito alla pagamento mediante ritenuta d'acconto per lavori non continuativi. Da quello che leggo dovrebbe essere permesso non aprire la partita iva se il lavoro è saltuario (max 30 gg per anno) e se il compenso non supera i 5000 €.
Se tutto ciò e corretto mi chiedo: se vengono superati un di questi due limiti rischia anche chi paga o solo il lavoratore?

grazie