Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
Like Tree2Likes

Discussione: Inps doppia imposizione nelle srl

  1. #1
    Four è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    96

    Predefinito Inps doppia imposizione nelle srl

    Chiedo alcune conferme:
    nelle srl commerciali e artigiane i soci amministratori pagano la propria gestione con tanto di iscrizione personale inps sulla quota di reddito delle srl che nell'RN dell'unico Pf non si vedra' ma si vede nel quadro Ivs.
    Nel caso in cui i soci abbiano percepito dei compensi amministratori avranno versato la gestione separata inps.
    Ovviamente il nostro caro ed incompetente ente di previdenza nazionale ha decretato che la doppia contribuzione è consentita e la cassazione è andata dietro.
    Mi confermate il ragionamento?

    Ora mi chiedo, chi è che conosce e mi sa spiegare quel limbo che è la "piccola industria", e cioè quella situazione in cui l'inps non richiede al socio srl la contribuzione fissa?

    Nel caso in cui uno abbia altre attività e sia anche amministratore di una srl nella piccola industria il reddito pro quota della piccola industria va ad aumentare le altre eventuali gestioni?
    Io credo di no, ma è un argomento un po' fumoso e chiedo aiuto.


    Grazie a tutti.
    Enrico Larocca likes this.

  2. #2
    Girolamo70 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    11

    Predefinito

    il reddito di cui stai scrivendo, forse si riferisce alle societa in regime di trasparenza, altrimenti il reddito viene distribuito e tassato se lo decide l'assemblea dei soci, con l'amministratore. per quanto riguarda l'inps, se un socio lavora all'interno della srl, si iscrive alla gestione art. o comm. anche per versare dei contributi piu bassi, rispetto a quelli che verserebbe come dipendente.
    eventualmente se fosse anche amministratore e versa inps gestione separata, non si sovrappone con il versamento della gestione art.com. per il semplice motivo che sono compatibili, in quanto la gestione sep. da diritto ad una rendita vitalizia in base al capitale versato, mentre la gest. art.com. da diritto ad una pensione contributiva vera e propria.

  3. #3
    Four è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    96

    Predefinito

    Grazie della risposta.
    No non mi riferivo alle srl in regime piccola trasparenza ex art.116.
    A quanto ne so io, è tutto come dici tu ma il socio lavoratore (amministratore) di una srl comm/artigiana versa si' i 4 fissi, ma anche i saldi sulla quota di reddito da quadro N (non TN trasparenza) dell'unico della società srl (occiamente se superiore ai 14.000).
    Se per caso ha anche dei cedolini come amministratore versa in due gestioni (comm/art. + gest.separata)..

    Quello che mi chiedevo io: le srl manifatturiere (cd piccola industria) che non sono ne' srl commercianti ne' srl artigiane, sulla parte pro quota il socio lavoratore non paga inps. Ma se il socio ha gia' una posizione inps art.o comm. il reddito pro quota della srl manifatturiera/piccola industria va a fargli cumulo?

  4. #4
    bepizomon è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Treviglio (BG)
    Messaggi
    1,354

    Predefinito

    secondo me no, perché i redditi della srl manifatturiera/piccola industria non sono redditi soggetti a contribuzione inps commercianti/artigiani.

  5. #5
    Four è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    96

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bepizomon Visualizza Messaggio
    secondo me no, perché i redditi della srl manifatturiera/piccola industria non sono redditi soggetti a contribuzione inps commercianti/artigiani.

    Saresti cosi' gentile da darmi qualche riferimento? Grazie mille comunque!

  6. #6
    bepizomon è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Treviglio (BG)
    Messaggi
    1,354

    Predefinito

    Riferimenti non ne ho.
    Però ho una risposta dell'esperto risponde del 2004, che segue le istruzioni della Circolare numero 102 del 12-6-2003.htm che fanno riferimento generico al reddito di impresa.
    Però personalmente non concordo con la risposta, il reddito di impresa della srl industriale non è un reddito che genera imponibile contributivo se il socio è lavoratore nell'industria, quindi perché dovrebbe generare imponibile se il socio è iscritto per altre vie?




    L'Esperto Risponde Edizione del 11 ottobre 2004 pagina 833

    Autore: Pietro Gremigni

    ADEMPIMENTI DELL'ARTIGIANO CHE E' ANCHE socio srl

    ----------------------------------------------------------------------------
    ----

    La sede locale Inps sostiene che: un titolare di posizione Inps (artigiano,
    commerciante) che è anche socio di una srl (esercente non importa quale
    genere di attività) deve pagare i contributi tenendo conto anche del reddito
    figurativo dichiarato dalla società stessa (o, eventualmente, della perdita)
    per la quota proporzionale rapportata alla propria partecipazione.

    Più precisamente, la srl partecipata può anche svolgere attività industriale
    o non avere inquadramento Inps, come le immobiliari con solo amministratori,
    e il socio può non risultare effettivamente "partecipante" all'attività
    svolta; in ogni caso, secondo l'Inps, si deve tener conto della quota di
    reddito o di perdita d'impresa figurativamente proveniente dalla srl. E'
    corretto?



    [190396]

    Remo Landi - BUTI

    -----

    Il titolare di una posizione artigiana o commerciante iscritto nella
    gestione previdenziale Inps è obbligato a pagare la contribuzione per la
    quota eccedente il minimale prendendo come base imponibile la totalità dei
    redditi di impresa conseguiti, e quindi anche quelli relativi ad attività
    non assicurabili come nel caso della srl indicata dal lettore.

  7. #7
    Four è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    96

    Predefinito

    Grazie mille della celerità.
    Certo l'esperto risponde mi mette qualche dubbio.

    Mah, con questo groviglio normativo non ho ancora capito se sia l'ignoranza o l'audacia a fare la fortuna del consulente...

  8. #8
    bepizomon è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Treviglio (BG)
    Messaggi
    1,354

    Predefinito

    le competenze richieste a un commercialista sono ampissime, a un consulente del lavoro o un avvocato specializzato invece nessuno andrebbe a chiedere cose non di sua competenza, invece un dott.commercialista deve sapere tutto, dalla ristrutturazione 36% alle fusioni di capitali, dallo scudo fiscale allo scontrino di farmacia, passando per iva, inps, inail, enpals, tuir, etc... è un mondo difficile. un po' di ignoranza ci sta sempre.
    cmq l'ignoranza è pure dall'altra parte della barricata. se vuoi toglierti il dubbio manda il quesito a due sedi inps, avrai due risposte diverse.
    danilo sciuto likes this.

  9. #9
    studiovera è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,065

    Predefinito

    Io mi leggerei bene la circolare 102 del 12 giugno 2003 dell'INPS.

    Poi rifletterei:
    E se il ns contribuente fosse iscritto alla gestione dipendenti e contemporaneamente socio amministratore di srl nel limbo?
    In questo caso sarebbe sicuramente escluso il reddito da questa prodotto dalla contribuzione vero?

    Quindi ....costruiamo audacemente la ns tesi.

    Un'ignorante.
    ps d'altronde che l'argomento sia piuttosto fumoso lo dimostra lo stesso ente diramando l'ennesima circolare sull'argomento solo l'altro giorno, la 78 se non ricordo male....
    Ultima modifica di studiovera; 17-05-13 alle 04:59 AM

  10. #10
    Four è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    96

    Predefinito

    Ci tengo solo a precisare che la mia frase su l'ignoranza/audacia era per criticare chi (lo stato) ci mette costantemente nella condizione di dover interpretare una infinita di norma prima che le stesse siano spiegate. Non volevo certo denigrare noi consulenti sempre in trincea.
    Ognuno difende la propria categoria e ho anche sentito funzionari dell'agenzia delle entrate lamentarsi degli orari e del lavoro (che non devono crearsi come tutti gli altri poveri cristi), ma onestamente la nostra categoria/lavoro negli ultimi anni è peggiorato vistosamente. Piu', molto di piu' che in altri campi..

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Doppia imposizione
    Di vsilvestro nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-04-16, 12:03 AM
  2. Cedolare doppia imposizione
    Di Testins nel forum F24 e invii telematici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 31-05-11, 10:44 AM
  3. Doppia imposizione, come difendersi?
    Di ROBERTO1960 nel forum Contenzioso tributario
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-04-09, 01:15 PM
  4. Doppia imposizione San Marino
    Di saxdem nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-09-08, 07:33 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15