Nel 2009 un socio di una sas ha ceduto le quote, non essendosi ricostituita la compagine sociale entro sei mesi la sas si è trasformata in ditta individuale con le dovute comunicazioni al comune alla Cciaa compilando la pratica con comunica ai fini Inps e agenzia entrate, alla Cciaa sono state inviate due pratiche una di cessazione delle sas e l'altra d'inizio attività della ditta individuale. Ora a distanza di tre anni scopro che alla CCIAA la sas risulta cessata il 20/05/2010, nella medesima data risulta iniziata l'attività della ditta individuale con lo stesso numero di partita Iva che aveva la sas, invece all'agenzia delle entrate il numero di partita Iva risulta alla sas e la ditta individuale non esiste.
Durante tutti questi anni sono state fatte le fatture con quel numero di partita iva e sono state inviate le dichiarazioni dei redditi, irap e iva della ditta individuale. Oggi all'agenzia delle entrate mi dicono che devo fare l'inizio attività della ditta individuale mettendo nel quadro "E" la partita iva della ditta cessata il tutto con data 20/05/2010. In tal caso mi attribuiscono un nuovo numero di partita iva. Ma lo spesometro per il 2012 non posso inviarlo come ditta individuale e la vecchia partita Iva perchè l'agenzia delle entrate non lo accetta, devo inviarlo a nome della sas con la vecchia partita Iva? All'agenzia delle entrate non sanno indicarmi una soluzione.