Pagina 2 di 3 PrimaPrima 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 25
Like Tree8Likes

Discussione: “giusto compenso” per un collaboratore Dott. Commercialista

  1. #11
    SMART SOLUTIONS è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    335

    Predefinito

    Voi insistete ad indignarvi per il vostro compenso precisando che non siete dipendenti.
    Ma continuate anche a ragionare in termini di fisso mensile.
    Voi siete professionisti ed è ora che cominciate a ragionare da professionisti.
    Quindi concordate una percentuale, es. 25%, sul fatturato dello studio al cliente.
    Ovviamente incasserete quando il cliente pagherà.

    Vi sentite professionisti? E' anche ora che cominciate ad assumervi i rischi del mancato incasso.
    Si fa presto a dire io sono professionista e pretendere lo stipendio dell'impiegata.

    (prima di dirmi qualche brutta parola per il mio intervento, considerate che io ho fatto la pratica gratis sostituendo il dottore in studio in tutto e per tutto, ho poi iniziato questa attività da sola, con i miei pochi clienti e tutto sono fuorchè tranquilla economicamente)

  2. #12
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SMART SOLUTIONS Visualizza Messaggio
    ...Ovviamente incasserete quando il cliente pagherà....
    Ovviamente, si fa per dire. Se cedi un lavoro in appalto, paghi il tuo fornitore quando vieni pagata dal tuo cliente? Se il titolare non è capace a riscuotere, non vedo perché debba risponderne il suo collaboratore.
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  3. #13
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,746

    Predefinito

    Beh, non si può dar torto completamente a SMART SOLUTIONS. Le osservazioni mi sembrano in buona parte condivisibili, quando si parla di professionisti, soggetti che per definizione non hanno la certezza del guadagno. Il professionista viene pagato "a risultato" non a tempo, sebbene parte della tariffa professionale si strutturata sul tempo, ma non d'impiego, ma di ottenimento del risultato o di svolgimento di una certa pratica, di assenza dallo studio, ecc.. ecc.. Purtroppo, accordi non chiari tra titolare e collaboratore (indipendente o dipendente) sono poi forieri di questi risultati, di insoddisfazione personale, fino al convincimento di essere stato semplicemente sfruttato. Quando una persona si sente insoddisfatta economicamente (a me è capitato molti anni fa) non ha altra scelta che decidere di mettersi in proprio, rischiando non solo di non prendere un centesimo, ma addirittura di fare debiti (come è capitato anche a me all'inizio della carriera).

    Unusquisque faber fortunae suae
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  4. #14
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Ciao Enrico, capisco il tuo intervento, ma vuoi mettere la soddisfazione di essere padroni del proprio destino, essere responsabili dei propri successi o insuccessi, potersi conquistare il rispetto dei clienti piuttosto che essere visto come il passacarte di qualcuno che spesso ne sa meno di te?
    Se un lavoratore non ha la disponibilità o la forza di mettersi in gioco (in questo caso parliamo di una persona che ha avuto l'accesso al mondo del lavoro solo 12 mesi fa), è giusto che abbia delle garanzie che compensino la frustrazione di chi non è libero di fare ciò che vuole, quando vuole e come vuole.
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  5. #15
    SMART SOLUTIONS è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    335

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Niccolò Visualizza Messaggio
    è giusto che abbia delle garanzie che compensino la frustrazione di chi non è libero di fare ciò che vuole, quando vuole e come vuole.
    Le garanzie sono: la disponibilità di una sala riunioni dove ricevere clienti propri senza doverne pagare l'affitto; la disponibilità di banche dati e abbonamenti di ogni tipo senza doverne pagare il canone; l'eventuale presenza di altri professionisti in rami diversi dal proprio a cui potersi appoggiare per pratiche complesse; la disponibilità di segretarie retribuite dallo studio; il confronto con un professionista in attività da parecchio più tempo...

    Per me sono tutti punti che arricchiscono moltissimo il bagaglio personale.

  6. #16
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SMART SOLUTIONS Visualizza Messaggio
    Le garanzie sono: la disponibilità di una sala riunioni dove ricevere clienti propri senza doverne pagare l'affitto; la disponibilità di banche dati e abbonamenti di ogni tipo senza doverne pagare il canone; l'eventuale presenza di altri professionisti in rami diversi dal proprio a cui potersi appoggiare per pratiche complesse; la disponibilità di segretarie retribuite dallo studio; il confronto con un professionista in attività da parecchio più tempo...

    Per me sono tutti punti che arricchiscono moltissimo il bagaglio personale.
    Senza diverso accordo, lo studio con cui collabori può vietarti di seguire in loco clienti esterni (personalmente li gestirei comunque altrove, nel caso cambiassi studio dovrei trasferire database e recapiti all'interno di un ambiente divenuto ostile). Il resto comprende elementi che sono a disposizione di ogni lavoratore dipendente.
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  7. #17
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,746

    Predefinito

    Le garanzie di correttezza comportamentale del dominus ?

    Non mi sentirei frustrato del fatto che il dominus non vuole riconoscermi la valutazione che io attribuisco alla mia prestazione.

    Non sono contento: Lascio e inizio a sfruttare le mia competenze per me stesso e non per gli altri.

    E' la regola di ogni lavoratore che decide di mettersi in proprio perché scontento del lavoro come dipendente.

    Non hai la forza o la voglia di metterti in proprio: non puoi pretendere che la stima del valore del tuo lavoro collimi con la stima che da il dominus, né puoi dire che è scorretto perché le due stime non collimano.

    Ovviamente se sei un dipendente bisogna rispettare gli AEC.

    In ogni caso le garanzie di legge ci sono, spetta a te lavoratore decidere se azionarle oppure no.

    Permettimi anche di dire che tanta gente che passa dagli studi o dalle aziende e che decanta competenze, alla prova dei fatti non sa un granché.

    Ma queste sono solo delle ipotesi che in alcuni casi ho potuto riscontrare nella mia esperienza professionale.
    Ultima modifica di Enrico Larocca; 05-03-14 alle 05:23 PM
    SMART SOLUTIONS likes this.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  8. #18
    SMART SOLUTIONS è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    335

    Predefinito

    Si ma qui parliamo di persone che hanno scelto di non essere dipendenti, quindi il paragone non si fa con i dipendenti ma con i professionisti non inseriti in uno studio. Non collaborando, non hai la sala riunioni gratis, non hai gli abbonamenti gratis, non hai le banche dati gratis..... Tutte risorse che bisogna pagare di tasca propria. Bisogna ragionare da professionisti, non da dipendenti, altrimenti (mi rivolgo a chi è ai primi passi da solo e aveva inizialmente posto il quesito) non ci stacca mai dalla gonna della mamma.

    Comunque non ho nessuna intenzione di farvi cambiare idea, chi vuol restare sulle proprie posizioni resti su quelle.
    Quello che voglio far notare è che, con le recenti riforme che hanno modificato la preparazione a questa professione, si è creata una generazione di professionisti trattati più da dipendenti che da colleghi.
    Il mio intervento lo chiudo qui perchè sta prendendo la forma di uno scontro tra posizioni antitetiche, che vorrei evitare.
    danilo sciuto likes this.

  9. #19
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    ...non puoi pretendere che la stima del valore del tuo lavoro collimi con la stima che da il dominus, né puoi dire che è scorretto perché le due stime non collimano....
    Non ero intervenuto per l'aspetto economico, è legato a troppe dinamiche per poterlo determinare su un forum. Non condividevo il trattamento riservato a un lavoratore inserito in un ambiente con una figura assimilabile a quella di un dipendente, salvo poi addebitargli i rischi e i costi tipici di un professionista.
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  10. #20
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    709

    Predefinito

    Premesso che, a mio avviso, è pienamente condivisibile il pensiero di SMART SOLUTIONS unitamente a quello del Dott. Larocca, credo che qualsiasi forum rappresenti un contesto decisamente restrittivo per valutare in concreto le tue reali esigenze.

    Non vorrei dilungarmi eccessivamente, ma data la giovanissima età, il mio consiglio è quello di temporeggiare ancora per un po' (almeno 3-4 anni) ed eventualmente tentare più in là la strada del "mettersi in proprio".

    Scommettere su se stessi, sulle proprie abilità e capacità, è sempre difficile e ardito, ma, una volta raggiunto il risultato, la soddisfazione è impagabile ed immensa.

    Ciò posto, tu hai affermato che già prendi 1.500 Euro lordi con "tasse e previdenza"... quindi, deduco che tu abbia già un contratto di lavoro quale dipendente di uno studio professionale oppure fatturi le prestazioni che hai elencato con un forfait mensile?

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 1 2 3 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Informazioni compenso commercialista SRLS
    Di olliver nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-02-13, 02:56 PM
  2. Revisore-Commercialista-collaboratore-senza partita iva-
    Di brambilla nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-09-12, 12:47 PM
  3. P. IVA dott. Commercialista
    Di maxvale nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-12-11, 12:03 PM
  4. dubbio su compenso del commercialista
    Di Lorenzo Scarpetti nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 03-07-10, 11:24 AM
  5. compenso Commercialista????
    Di iva nel forum Altri argomenti
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 10-01-08, 08:49 AM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15