Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Immobili dei professionisti e detrazione IVA

  1. #1
    nic
    nic è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    436

    Predefinito Immobili dei professionisti e detrazione IVA

    Vorrei sottoporre il seguente quesito: un professionista che ha acquistato un bene immobile (categoria catastale C1) in cui svolge la propria attività professionale in via esclusiva può detrarre l'IVA sull'acquisto? Ci sono diverse risoluzione dell'ADE contrastanti in cui, in talune, si afferma che solo se il bene è accatastato A10 l'IVA è detraibile.

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Non mi risulta che in una categoria catastale C1 si possa svolgere l'attività professionale .....

    La categoria comprende : Negozi e botteghe, compresi i ristoranti, le trattorie, i bar, ed i locali occupati da barbieri, modiste, orologiai etc.

    Quindi il professionista non c'entra.
    Concordo - una volta tanto - con l'ADE.

    ciao

    Citazione Originariamente Scritto da nic Visualizza Messaggio
    Vorrei sottoporre il seguente quesito: un professionista che ha acquistato un bene immobile (categoria catastale C1) in cui svolge la propria attività professionale in via esclusiva può detrarre l'IVA sull'acquisto? Ci sono diverse risoluzione dell'ADE contrastanti in cui, in talune, si afferma che solo se il bene è accatastato A10 l'IVA è detraibile.

  3. #3
    nic
    nic è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    436

    Predefinito

    Rileggendo il quesito mi sono accorto di aver commesso un'imprecisione non da poco: le risoluzioni ministeriali nr.396/88 e 330/89 sono in contrasto l'una con l'altra riguardo alla deducibilità del costo degli immobili considerati come strumentali dai professionisti, che non siano accatastati A10; in particolare, la ris. nr.396/88 afferma che solo gli A10 sono deducibili, mentre la nr. 330/89 afferma che il costo di tali immobili è deducibile qualunque sia la categoria catastale:ai fini della deducibilità è necessario che la destinazione a studio sia prevista nella concessione edilizia, anche in sanatoria. Dal momento che per queste fattispecie ( che le assicuro in provincia sono frequenti: architetti, ingegneri che svolgono la loro attività in locali frontestrada accatastati C1), nulla ho trovato in merito ai fini IVA, pertanto volevo avere qualche parere perchè la questione non mi sembra tanto chiara nè ai fini IIDD nè ai fini IVA. Mi sembra che la questione formulata così sia più chiara. Grazie.

  4. #4
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Sicuramente lo è, adesso !

    Io condivido la tesi rigoristica dell'ADE.

    Se "sulla carta" io compro una bottega, non posso dire - sempre sulla carta - che la compro per usarla per il mio studio di professionista: o cambio la destinazione, oppure potrei andare incontro pure a sanzioni di natura edilizia.

    La norma parla di inerenza: l'acquisto di una bottega è inerente la professione intellettuale ? Direi di no.

    E' ovvio che si può dire anche il contrario (lo dice anche l'Ade, come cita lei stesso), ma il rischio c'è, e poi vallo a fare un ricorso in questa materia ......

    in bocca al lupo

    Citazione Originariamente Scritto da nic Visualizza Messaggio
    Rileggendo il quesito mi sono accorto di aver commesso un'imprecisione non da poco: le risoluzioni ministeriali nr.396/88 e 330/89 sono in contrasto l'una con l'altra riguardo alla deducibilità del costo degli immobili considerati come strumentali dai professionisti, che non siano accatastati A10; in particolare, la ris. nr.396/88 afferma che solo gli A10 sono deducibili, mentre la nr. 330/89 afferma che il costo di tali immobili è deducibile qualunque sia la categoria catastale:ai fini della deducibilità è necessario che la destinazione a studio sia prevista nella concessione edilizia, anche in sanatoria. Dal momento che per queste fattispecie ( che le assicuro in provincia sono frequenti: architetti, ingegneri che svolgono la loro attività in locali frontestrada accatastati C1), nulla ho trovato in merito ai fini IVA, pertanto volevo avere qualche parere perchè la questione non mi sembra tanto chiara nè ai fini IIDD nè ai fini IVA. Mi sembra che la questione formulata così sia più chiara. Grazie.

Discussioni Simili

  1. Immobili e professionisti: ammortamenti indeducibili
    Di dott.mamo nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-12-09, 09:06 AM
  2. Detrazione Iva acquisto immobili
    Di dottb nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-02-08, 10:58 AM
  3. iva - rettifica detrazione iva beni immobili
    Di gramol nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-02-08, 01:50 PM
  4. detrazione per gli inquilini di immobili
    Di BarbaraB nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-05-07, 04:23 PM
  5. detrazione per gli inquilini di immobili
    Di BarbaraB nel forum Le utilità del Commercialista telematico
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-05-07, 04:23 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15