Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26

Discussione: Adempimenti impresa individuale in liquidazione volontaria

  1. #1
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    57

    Predefinito Adempimenti impresa individuale in liquidazione volontaria

    Buongiorno a tutti,
    approfitto ancora una volta della cortesia e disponibilità dimostrata dai frequentatori di questo sito per esporre il seguente caso:
    un imprenditore individuale con impresa in contabilità ordinaria ha scelto di procedere ad una normale fase di liquidazione, per estinguere l'azienda di sua proprietà. A tal fine ha presentato il modello AA9/7 per via telematica comunicando l'inizio della liquidazione , cioè il 15/10/06.
    A questo punto,per assolvere correttamente gli obblighi fiscali previsti dalla legge, dovrebbe essere obbligato a presentare:
    1) una dichiarazione con modello Unico2006 per il periodo 1/1/06 fino al 14/10/06 contenente il il frontespizio,ed i soli quadri relativi al reddito d'impresa , per dichiarare il risultato relativo a tale periodo (redigendo quindi un bilancio al 14/10/06), da presentarsi entro il 31 maggio (?) 2007
    2) una dichiarazione Unico2007 per tutti gli altri redditi (ad esempio quadro ra-rb-rc ) ed i quadri relativi ai redditi d 'impresa per il periodo di inizio liquidazione , dal 15/10/06 al 31/12/06 da presentarsi entro i normali termini (luglio salvo proroghe)
    3) una dichiarazione IVA annuale per l'intero periodo dì imposta (1/1/06 - 31/12/06)

    Per i periodi successivi si applicano le regole previste per la liquidazione delle società di persone....(cioè se la liquidazione si protrae per più di 3 anni i periodi "provvisori" diventano definitivi etc etc..)

    Poichè è la prima volta che mi trovo di fronte ad un caso simile, cioè di impresa individuale che sceglie di effettuare la fase di liquidazione, potete confermarmi se quanto detto sopra è corretto? (Soprattutto riguardo ai modelli da presentare per rispettare gli obblighi di legge )
    Grazie e buon lavoro a tutti

  2. #2
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da francescociccio Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti,
    approfitto ancora una volta della cortesia e disponibilità dimostrata dai frequentatori di questo sito per esporre il seguente caso:
    un imprenditore individuale con impresa in contabilità ordinaria ha scelto di procedere ad una normale fase di liquidazione, per estinguere l'azienda di sua proprietà. A tal fine ha presentato il modello AA9/7 per via telematica comunicando l'inizio della liquidazione , cioè il 15/10/06.
    A questo punto,per assolvere correttamente gli obblighi fiscali previsti dalla legge, dovrebbe essere obbligato a presentare:
    1) una dichiarazione con modello Unico2006 per il periodo 1/1/06 fino al 14/10/06 contenente il il frontespizio,ed i soli quadri relativi al reddito d'impresa , per dichiarare il risultato relativo a tale periodo (redigendo quindi un bilancio al 14/10/06), da presentarsi entro il 31 maggio (?) 2007
    2) una dichiarazione Unico2007 per tutti gli altri redditi (ad esempio quadro ra-rb-rc ) ed i quadri relativi ai redditi d 'impresa per il periodo di inizio liquidazione , dal 15/10/06 al 31/12/06 da presentarsi entro i normali termini (luglio salvo proroghe)
    3) una dichiarazione IVA annuale per l'intero periodo dì imposta (1/1/06 - 31/12/06)

    Per i periodi successivi si applicano le regole previste per la liquidazione delle società di persone....(cioè se la liquidazione si protrae per più di 3 anni i periodi "provvisori" diventano definitivi etc etc..)

    Poichè è la prima volta che mi trovo di fronte ad un caso simile, cioè di impresa individuale che sceglie di effettuare la fase di liquidazione, potete confermarmi se quanto detto sopra è corretto? (Soprattutto riguardo ai modelli da presentare per rispettare gli obblighi di legge )
    Grazie e buon lavoro a tutti
    Ritrascrivo una precedente risposta del 2.3.2007:
    = per le liquidazioni cessate o iniziate prima del 30.9.2006 (sette mesi prima dell'1.5.2007) valgono i vecchi termini, quindi IVA e 770 entro la scadenza ordinaria, Unico e IRAP entro la fine del decimo mese successivo (ovviamente senza studi settore);
    = per le liquidazioni cessate o iniziate dopo il 30.9.2006 valgono i nuovi termini, quindi IVA e 770 entro la scadenza ordinaria, Unico e IRAP entro la fine del settimo mese successivo;
    = per quanto riguarda il modulo da utilizzare, utilizzerei quello nuovo se sono state già pubblicate le specifiche tecniche di trasmissione, altrimenti userei quello dell'anno precedente.
    Nel tuo caso, dato che la liquidazione è iniziata il 15.10.2006, mi comporterei come dici tu cioè:
    = dichiarazione IVA autonoma entro il 31.7.2007, dichiarazione 770 entro il 30.9.2007;
    = dichiarazione dei redditi (solo quadri RF + RM + IRAP) su moduli nuovi ormai pubblicati da tempo entro il 31.5.2007;
    = altra dichiarazione dei redditi (tutti gli altri redditi personali ad esclusione di quelli già dichiarati) entro il 31.7.2007.
    Rimangono alcuni problemi aperti:
    = il primo è quello del modulo da utilizzare se non fossero ancora pronti i moduli entratel di controllo. In questo caso utilizzerei senza tanti patemi d'animo quello vecchio visto che, fortunatamente, sopratutto a livello periferico i funzionari ADE sono persone comprensive dei problemi che investono i professionisti intermediari. Comunque in tanti anni non ho mai ricevuto sanzioni per utilizzo di modulo inesatto, per questa fattispecie;
    = il secondo è quello, in caso di presentazione ravvicinata di due dichiarazioni dei redditi separate, di come gestire la seconda dichiarazione. Non può essere integrativa in quanto si sovrapporrebbe alla prima, ma se non la faccio integrativa potrebbe essere respinta in quanto ritenuta un duplicato della prima. Speriamo che questo dubbio venga presto chiarito;
    = il terzo è quello della eventuale opzione del dichiarante per la tassazione ordinaria dei redditi indicati nella prima dichiarazione. Come può essere gestita ? Non ne ho la minima idea, ma credo sia opportuno non fare alcuna opzione.
    Ciao

  3. #3
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    57

    Predefinito

    grazie !!!

    Citazione Originariamente Scritto da Speedy Visualizza Messaggio
    Ritrascrivo una precedente risposta del 2.3.2007:
    = per le liquidazioni cessate o iniziate prima del 30.9.2006 (sette mesi prima dell'1.5.2007) valgono i vecchi termini, quindi IVA e 770 entro la scadenza ordinaria, Unico e IRAP entro la fine del decimo mese successivo (ovviamente senza studi settore);
    = per le liquidazioni cessate o iniziate dopo il 30.9.2006 valgono i nuovi termini, quindi IVA e 770 entro la scadenza ordinaria, Unico e IRAP entro la fine del settimo mese successivo;
    = per quanto riguarda il modulo da utilizzare, utilizzerei quello nuovo se sono state già pubblicate le specifiche tecniche di trasmissione, altrimenti userei quello dell'anno precedente.
    Nel tuo caso, dato che la liquidazione è iniziata il 15.10.2006, mi comporterei come dici tu cioè:
    = dichiarazione IVA autonoma entro il 31.7.2007, dichiarazione 770 entro il 30.9.2007;
    = dichiarazione dei redditi (solo quadri RF + RM + IRAP) su moduli nuovi ormai pubblicati da tempo entro il 31.5.2007;
    = altra dichiarazione dei redditi (tutti gli altri redditi personali ad esclusione di quelli già dichiarati) entro il 31.7.2007.
    Rimangono alcuni problemi aperti:
    = il primo è quello del modulo da utilizzare se non fossero ancora pronti i moduli entratel di controllo. In questo caso utilizzerei senza tanti patemi d'animo quello vecchio visto che, fortunatamente, sopratutto a livello periferico i funzionari ADE sono persone comprensive dei problemi che investono i professionisti intermediari. Comunque in tanti anni non ho mai ricevuto sanzioni per utilizzo di modulo inesatto, per questa fattispecie;
    = il secondo è quello, in caso di presentazione ravvicinata di due dichiarazioni dei redditi separate, di come gestire la seconda dichiarazione. Non può essere integrativa in quanto si sovrapporrebbe alla prima, ma se non la faccio integrativa potrebbe essere respinta in quanto ritenuta un duplicato della prima. Speriamo che questo dubbio venga presto chiarito;
    = il terzo è quello della eventuale opzione del dichiarante per la tassazione ordinaria dei redditi indicati nella prima dichiarazione. Come può essere gestita ? Non ne ho la minima idea, ma credo sia opportuno non fare alcuna opzione.
    Ciao

  4. #4
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    57

    Predefinito scritture contabili

    riguardo sempre la liquidazione volontaria dell'impresa individuale, poichè (mi sembra) il Codice Civile non prevede alcuna disposizione esplicita a tale riguardo, dopo aver effettuato la variazione telematica con la quale si comunica all'Agenzia delle Entrate l'inizio del periodo di liquidazione, fermo restando gli obblighi fiscali/dichiarativi descritti in modo chiaro sopra, è necessario anche dal punto di vista contabile suddividere l'esercizio in 2 parti? cioè fare una vera e propria chiusura di esercizio con bilancio alla data che precede l'inizio liquidazione? oppure dal punto di vista contabile, quindi civilistico, non si deve fare alcuna annotazione ed il bilancio sulla base del quale effettuare la I dichiarazione dei redditi (1/1/06 - x/10/06 ) è solo extracontabile? oppure tale bilancio di annota solo sul libro inventari, ....insomma come vi regolereste? Grazie in anticipo per la risposta...

  5. #5
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da francescociccio Visualizza Messaggio
    riguardo sempre la liquidazione volontaria dell'impresa individuale, poichè (mi sembra) il Codice Civile non prevede alcuna disposizione esplicita a tale riguardo, dopo aver effettuato la variazione telematica con la quale si comunica all'Agenzia delle Entrate l'inizio del periodo di liquidazione, fermo restando gli obblighi fiscali/dichiarativi descritti in modo chiaro sopra, è necessario anche dal punto di vista contabile suddividere l'esercizio in 2 parti? cioè fare una vera e propria chiusura di esercizio con bilancio alla data che precede l'inizio liquidazione? oppure dal punto di vista contabile, quindi civilistico, non si deve fare alcuna annotazione ed il bilancio sulla base del quale effettuare la I dichiarazione dei redditi (1/1/06 - x/10/06 ) è solo extracontabile? oppure tale bilancio di annota solo sul libro inventari, ....insomma come vi regolereste? Grazie in anticipo per la risposta...
    In casi simili mi sono comportato così (esempio: data liquidazione 31.10.2006) usando la contabilità meccanografica:
    = predispongo una situazione contabile al 31.10.2006 completa di ratei e risconti ed altre scritture rettificative (situazione patrimoniale e conto economico) e la trascrivo sul libro inventari
    = con data 1.11.2006 azzero i conti economici facendo un diversi a diversi ed usando come conto riepilogativo un conto denominato "utile dal .. al .."
    = azzero i ratei ed i risconti al 31.10.2006 facendo l'articolo inverso
    = proseguo con le scritture contabili fino al 31.12 e redigo un nuovo bilancio completo di ratei e risconti e scritture rettificative, che trascrivo nuovamente sul libro inventari
    = ovviamente il conto economico riporta i costi ed i ricavi relativi al periodo 1.11.2006 - 31.12.2006
    = stampando le schede economiche dell'intero anno, avrò evidenza dei due periodi di imposta attraverso le scritture rettificative del 31.10.
    Naturalmente la chiusura al 31.10 può essere effettuata anche extracontabilmente, ma poi diventa più difficile ricostruire separatamente i due periodi di imposta in caso di controllo fiscale.
    Ciao

  6. #6
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    57

    Predefinito

    G-R-A-Z-I-E-E-E-E!!!!!!!
    Farò esattamente così!

    Citazione Originariamente Scritto da Speedy Visualizza Messaggio
    In casi simili mi sono comportato così (esempio: data liquidazione 31.10.2006) usando la contabilità meccanografica:
    = predispongo una situazione contabile al 31.10.2006 completa di ratei e risconti ed altre scritture rettificative (situazione patrimoniale e conto economico) e la trascrivo sul libro inventari
    = con data 1.11.2006 azzero i conti economici facendo un diversi a diversi ed usando come conto riepilogativo un conto denominato "utile dal .. al .."
    = azzero i ratei ed i risconti al 31.10.2006 facendo l'articolo inverso
    = proseguo con le scritture contabili fino al 31.12 e redigo un nuovo bilancio completo di ratei e risconti e scritture rettificative, che trascrivo nuovamente sul libro inventari
    = ovviamente il conto economico riporta i costi ed i ricavi relativi al periodo 1.11.2006 - 31.12.2006
    = stampando le schede economiche dell'intero anno, avrò evidenza dei due periodi di imposta attraverso le scritture rettificative del 31.10.
    Naturalmente la chiusura al 31.10 può essere effettuata anche extracontabilmente, ma poi diventa più difficile ricostruire separatamente i due periodi di imposta in caso di controllo fiscale.
    Ciao

  7. #7
    gg71_it è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    281

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Speedy Visualizza Messaggio
    Ritrascrivo una precedente risposta del 2.3.2007:
    = per le liquidazioni cessate o iniziate prima del 30.9.2006 (sette mesi prima dell'1.5.2007) valgono i vecchi termini, quindi IVA e 770 entro la scadenza ordinaria, Unico e IRAP entro la fine del decimo mese successivo (ovviamente senza studi settore);
    = per le liquidazioni cessate o iniziate dopo il 30.9.2006 valgono i nuovi termini, quindi IVA e 770 entro la scadenza ordinaria, Unico e IRAP entro la fine del settimo mese successivo;
    = per quanto riguarda il modulo da utilizzare, utilizzerei quello nuovo se sono state già pubblicate le specifiche tecniche di trasmissione, altrimenti userei quello dell'anno precedente.
    Nel tuo caso, dato che la liquidazione è iniziata il 15.10.2006, mi comporterei come dici tu cioè:
    = dichiarazione IVA autonoma entro il 31.7.2007, dichiarazione 770 entro il 30.9.2007;
    = dichiarazione dei redditi (solo quadri RF + RM + IRAP) su moduli nuovi ormai pubblicati da tempo entro il 31.5.2007;
    = altra dichiarazione dei redditi (tutti gli altri redditi personali ad esclusione di quelli già dichiarati) entro il 31.7.2007.
    Rimangono alcuni problemi aperti:
    = il primo è quello del modulo da utilizzare se non fossero ancora pronti i moduli entratel di controllo. In questo caso utilizzerei senza tanti patemi d'animo quello vecchio visto che, fortunatamente, sopratutto a livello periferico i funzionari ADE sono persone comprensive dei problemi che investono i professionisti intermediari. Comunque in tanti anni non ho mai ricevuto sanzioni per utilizzo di modulo inesatto, per questa fattispecie;
    = il secondo è quello, in caso di presentazione ravvicinata di due dichiarazioni dei redditi separate, di come gestire la seconda dichiarazione. Non può essere integrativa in quanto si sovrapporrebbe alla prima, ma se non la faccio integrativa potrebbe essere respinta in quanto ritenuta un duplicato della prima. Speriamo che questo dubbio venga presto chiarito;
    = il terzo è quello della eventuale opzione del dichiarante per la tassazione ordinaria dei redditi indicati nella prima dichiarazione. Come può essere gestita ? Non ne ho la minima idea, ma credo sia opportuno non fare alcuna opzione.
    Ciao

    salve
    questa discussione mi è molto gradita
    anche io infatti mi trovo a gestire una situazione simile... l' unica differenza sta nel fatto che la liquidazione è stata decisa a seguito del decesso dell'imprenditore individuale (09/07/07)
    anche in questo caso è stata fatta comunicazione tramite mod. AA9/7
    ma a causa della mia ignoranza ho ancora dei dubbi sul da farsi (e non ho molto tempo)
    ho capito e sono d'accordo sul fatto che dovrò entro la fine di febbraio 2008 (non credo di potermi avvalere della proroga dei termini prevista dall'art. 65 dpr 600) presentare la dichiarazione dei redditi relativa al periodo 01/01/07 - 08/07/07 limitatamente ai quadri RF e IRAP ( e se del caso RM) ma non mi risulta chiaro se dovrò anche liquidare le imposte (compilando come erede anche il quadro RN) e versarle (entro il 16/01/08 o 16/02/08 con maggioraz. dello 0,40&#37

    avrei inoltre bisogno di un conforto su un'altra questione indirettamente connessa alla situazione sopra descritta:
    dovendo entro il 16 gennaio 2008 (con maggiorazione dello 0,40 o forse potrei ancora versare entro il 09/01/08 senza maggiorazione?, dato che forse i 6 mesi di proroga dovrei conteggiarli dal termine prorogato per i titolari di partita iva e i soci di società dal 16/06 al 09/7/07 ) versare (come erede) le imposte scaturenti da unico 2007 dell'imprenditore defunto di cui sopra, avrei deciso di NON versare l'acconto IRAP e IRPEF per il 2007 in virtu del contenuto dell'art. 1 della L. 97 del 23/3/1977 e della relativa CM 96 del 31/10/1977 (parte 2) in cui si dice che "... condizione essenziale per il versamento dell'acconto è che il soggetto d'imposta esista nel momento in cui l'acconto stesso è dovuto.
    Pertanto non ricorre l'obbligo di tale versamento ... in caso di morte del soggetto nel periodo di competenza e prima, ovviamente, della scadenza del termine previsto per il versamento stesso: in tale ipotesi gli eredi non sono tenuti al versamento di che trattasi
    " . Cosa ne pensate?
    Grazie e buon anno!
    Ultima modifica di gg71_it; 31-12-07 alle 09:17 AM

  8. #8
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gg71_it Visualizza Messaggio
    salve
    questa discussione mi è molto gradita
    anche io infatti mi trovo a gestire una situazione simile... l' unica differenza sta nel fatto che la liquidazione è stata decisa a seguito del decesso dell'imprenditore individuale (09/07/07)
    anche in questo caso è stata fatta comunicazione tramite mod. AA9/7
    ma a causa della mia ignoranza ho ancora dei dubbi sul da farsi (e non ho molto tempo)
    ho capito e sono d'accordo sul fatto che dovrò entro la fine di febbraio 2008 (non credo di potermi avvalere della proroga dei termini prevista dall'art. 65 dpr 600) presentare la dichiarazione dei redditi relativa al periodo 01/01/07 - 08/07/07 limitatamente ai quadri RF e IRAP ( e se del caso RM) ma non mi risulta chiaro se dovrò anche liquidare le imposte (compilando come erede anche il quadro RN) e versarle (entro il 16/01/08 o 16/02/08 con maggioraz. dello 0,40&#37

    avrei inoltre bisogno di un conforto su un'altra questione indirettamente connessa alla situazione sopra descritta:
    dovendo entro il 16 gennaio 2008 (con maggiorazione dello 0,40 o forse potrei ancora versare entro il 09/01/08 senza maggiorazione?, dato che forse i 6 mesi di proroga dovrei conteggiarli dal termine prorogato per i titolari di partita iva e i soci di società dal 16/06 al 09/7/07 ) versare (come erede) le imposte scaturenti da unico dell'imprenditore defunto di cui sopra, avrei deciso di NON versare l'acconto IRAP e IRPEF per il 2008 in virtu del contenuto dell'art. 1 della L. 97 del 23/3/1977 e della relativa CM 96 del 31/10/1977 (parte 2) in cui si dice che "... condizione essenziale per il versamento dell'acconto è che il soggetto d'imposta esista nel momento in cui l'acconto stesso è dovuto.
    Pertanto non ricorre l'obbligo di tale versamento ... in caso di morte del soggetto nel periodo di competenza e prima, ovviamente, della scadenza del termine previsto per il versamento stesso: in tale ipotesi gli eredi non sono tenuti al versamento di che trattasi
    " . Cosa ne pensate?
    Grazie e buon anno!
    Provo a dire la mia opinione:
    = il 9.7.2007 l'azienda è caduta in successione ed è stata messa in liquidazione (esiste una comunione ereditaria ?)
    = la dichiarazione unico PF per il periodo 1.1.2007-9.7.2007 va presentata entro la fine del settimo mese successivo, quindi entro il 29.2.2008 e vanno compilati soltanto i quadri RF e IRAP
    = l'IRAP può essere versata senza maggiorazioni entro il 9.1.2008 mentre l'IRPEF non va per ora versata
    = la dichiarazione unico PF per il periodo 10.7.2007-31.12.2007 va presentata, a nome del defunto, entro i termini normali e viene firmata dall'erede
    = l'IRPEF va versata per tutti i redditi del 2007, compreso il reddito di impresa ante decesso (per i redditi di impresa post decesso si può fare la tassazione separata, in quanto redditi di impresa in liquidazione)
    = l'IRAP va invece versata soltanto per il periodo post decesso (in quanto la parte ante decesso è stata già versata)
    = le persone decedute non versano gli acconti, quindi nessun acconto per il 2008

    Il procedimento è comunque piuttosto complesso (durata della liquidazione, tassazione provvisoria e definitiva al termine della liquidazione, ecc.).

    Sarà il caso di farsi assistere da un commercialista esperto.

    Buon anno anche a te.

  9. #9
    gg71_it è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    281

    Smile

    Citazione Originariamente Scritto da Speedy Visualizza Messaggio
    Provo a dire la mia opinione:
    = il 9.7.2007 l'azienda è caduta in successione ed è stata messa in liquidazione (esiste una comunione ereditaria ?)
    = la dichiarazione unico PF per il periodo 1.1.2007-9.7.2007 va presentata entro la fine del settimo mese successivo, quindi entro il 29.2.2008 e vanno compilati soltanto i quadri RF e IRAP
    = l'IRAP può essere versata senza maggiorazioni entro il 9.1.2008 mentre l'IRPEF non va per ora versata
    = la dichiarazione unico PF per il periodo 10.7.2007-31.12.2007 va presentata, a nome del defunto, entro i termini normali e viene firmata dall'erede
    = l'IRPEF va versata per tutti i redditi del 2007, compreso il reddito di impresa ante decesso (per i redditi di impresa post decesso si può fare la tassazione separata, in quanto redditi di impresa in liquidazione)
    = l'IRAP va invece versata soltanto per il periodo post decesso (in quanto la parte ante decesso è stata già versata)
    = le persone decedute non versano gli acconti, quindi nessun acconto per il 2008

    Il procedimento è comunque piuttosto complesso (durata della liquidazione, tassazione provvisoria e definitiva al termine della liquidazione, ecc.).

    Sarà il caso di farsi assistere da un commercialista esperto.

    Buon anno anche a te.
    Grazie per la celere risposta (per questo speedy? )
    1 – non esiste comunione ereditaria (c’è un solo erede)
    2 – la dichiarazione unico PF va presentata per il periodo 1.1.2007-9.7.2007 o per il periodo 01.01.2007 – 08.07.2007 ? (dal punto di vista sostanziale non cambia quasi niente perché come si può ben immaginare negli ultimi giorni di vita l’imprenditore non ha potuto effettuare operazioni attive)
    3 – ok ma perché sostieni che la data entro cui fare il versamento dell’IRAP per il periodo 2007 ante decesso (01.01.2007 – 08.07.2007 o 1.1.2007-9.7.2007?) sia il 09/01/08 e non il 16/01/08? Non devo fare riferimento all’art. 17 DPR 435/2001?
    4 – ok
    5 – ok
    6 – ok
    7 – ho sbagliato nel porre il quesito, che nel frattempo ho editato (chiedo scusa). L’anno a cui volevo fare riferimento per gli acconti era il 2007 e non il 2008… in altre parole devo versare come erede l’acconto per il 2007 (IRAP e IRPEF), per l’imprenditore deceduto il 09/07/2007?
    GRAZIE ancora
    Ultima modifica di gg71_it; 31-12-07 alle 09:56 AM

  10. #10
    alberto leggi è offline Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    51

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gg71_it Visualizza Messaggio
    Grazie per la celere risposta (per questo speedy? )
    1 – non esiste comunione ereditaria (c’è un solo erede)
    2 – la dichiarazione unico PF va presentata per il periodo 1.1.2007-9.7.2007 o per il periodo 01.01.2007 – 08.07.2007 ? (dal punto di vista sostanziale non cambia quasi niente perché come si può ben immaginare negli ultimi giorni di vita l’imprenditore non ha potuto effettuare operazioni attive)
    3 – ok ma perché sostieni che la data entro cui fare il versamento dell’IRAP per il periodo 2007 ante decesso (01.01.2007 – 08.07.2007 o 1.1.2007-9.7.2007?) sia il 09/01/08 e non il 16/01/08? Non devo fare riferimento all’art. 17 DPR 435/2001?
    4 – ok
    5 – ok
    6 – ok
    7 – ho sbagliato nel porre il quesito, che nel frattempo ho editato (chiedo scusa). L’anno a cui volevo fare riferimento per gli acconti era il 2007 e non il 2008… in altre parole devo versare come erede l’acconto per il 2007 (IRAP e IRPEF), per l’imprenditore deceduto il 09/07/2007?
    GRAZIE ancora

    2- Se il contribuente è deceduto il 9.7.2007 il giorno finale del primo periodo è il 9.7.2007 (perchè il giorno prima ?). Quindi il secondo periodo va dal 10.7.2007 al 31.12.2007.

    3- Per i contribuenti deceduti dopo il 28 febbraio 2007 i termini di versamento delle imposte sono prorogati di sei mesi. Quindi farei concidere il versamento con la data di presentazione della dichiarazione, ai sensi dell'articolo 17 comma 1 del dpr 435/2001 cioè il 29.2.2008 (la data del 9.1.2008 che avevo indicato è quindi errata) ma cautelativamententre può andare bene anche il 16.1.2008 cioè sei mesi di rinvio più un ulteriore mese con la maggiorazione 0,40%.

    4- Anche per gli acconti 2007 vale il rinvio di sei mesi. Pertanto il primo acconto 2007 andava versato il 18.12.2007 oppure può essere versato il 16.1.2008 con la maggiorazione dello 0,40%. L'acconto di novembre 2007 non va invece versato in quanto i defunti non versato acconti.

    Ciao

Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Autofattura per impresa individuale in liquidazione
    Di noodless nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 06-04-16, 07:50 AM
  2. Problema irap liquidazione impresa individuale
    Di fabrizio nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-07-10, 09:51 AM
  3. unico 2008 e liquidazione impresa individuale iniziata nel 2007
    Di gg71_it nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-07-08, 01:59 PM
  4. Liquidazione volontaria SRL
    Di puccinelli.a nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-04-08, 11:42 AM
  5. Impresa individuale in liquidazione
    Di eliiii nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-07-07, 02:52 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15