Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree1Likes
  • 1 Post By MrDike

Discussione: Gestione separata INPS e operazioni POSEIDONE

  1. #1
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    709

    Predefinito Gestione separata INPS e operazioni POSEIDONE

    L'argomento è la gestione separata INPS e le operazioni Poseidone 1 e 2.

    Più precisamente, mi riferisco al caso dell'ingegnere, il quale, oltre a svolgere l'attività professionale, è anche dipendente.

    In tal caso, l'assoggettamento ad altra forma di previdenza obbligatoria (nella specie, fondo lavoratori dipendenti) comporta l'esclusione dall'iscrizione ad INARCASSA, verso la quale permane il solo obbligo di comunicazione annuale dei dati reddituali (reddito professionale e volume d'affari professionale) e di versamento del contributo integrativo sui corrispettivi percepiti per prestazioni professionali, rientranti nel volume di affari IVA.

    Al contempo, l'ingegnere dipendente "sarebbe" obbligato, per quanto attiene l'attività professionale, all'iscrizione alla gestione separata INPS, ai sensi dell'art. 2, comma 26, della Legge n. 335/1995.

    Tuttavia, molti ingegneri dipendenti hanno omesso di ottemperare alla predetta contribuzione previdenziale, ritenendosi non obbligati alla relativa iscrizione e, per l'effetto, ai relativi versamenti.

    In merito, il Legislatore, per risolvere i dubbi relativi all'individuazione dei soggetti tenuti all'iscrizione alla gestione separata, è intervenuto con norma di interpretazione autentica (art. 18, comma 12, del D.L. n. 98/2011, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 111/2011), secondo cui: "l'articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, si interpreta nel senso che i soggetti che esercitano per professione abituale, ancorchè non esclusiva, attività di lavoro autonomo tenuti all'iscrizione presso l'apposita gestione separata INPS sono esclusivamente i soggetti che svolgono attività il cui esercizio non sia subordinato all'iscrizione ad appositi albi professionali, ovvero attività non soggette al versamento contributivo agli enti di cui al comma 11, in base ai rispettivi statuti e ordinamenti, con esclusione dei soggetti di cui al comma 11. Resta ferma la disposizione di cui all'articolo 3, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103. Sono fatti salvi i versamenti già effettuati ai sensi del citato articolo 2, comma 26, della legge n. 335 del 1995".

    L'INPS, dal canto suo, con la circolare del 29 luglio 2011 n. 99, il messaggio del 12 gennaio 2012 n. 709 e, da ultimo, la circolare del 10 aprile 2015 n. 72, ha ribadito l'obbligo del versamento contributivo alla gestione separata nei confronti di tali soggetti.

    Vorrei sapere come vi state comportando con i Vs. clienti che rientrano in casi consimili, anche alla luce della recente giurisprudenza favorevole al contribuente.
    danadana likes this.

  2. #2
    Enrico Larocca è online Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,745

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MrDike Visualizza Messaggio
    L'argomento è la gestione separata INPS e le operazioni Poseidone 1 e 2.

    Più precisamente, mi riferisco al caso dell'ingegnere, il quale, oltre a svolgere l'attività professionale, è anche dipendente.

    In tal caso, l'assoggettamento ad altra forma di previdenza obbligatoria (nella specie, fondo lavoratori dipendenti) comporta l'esclusione dall'iscrizione ad INARCASSA, verso la quale permane il solo obbligo di comunicazione annuale dei dati reddituali (reddito professionale e volume d'affari professionale) e di versamento del contributo integrativo sui corrispettivi percepiti per prestazioni professionali, rientranti nel volume di affari IVA.

    Al contempo, l'ingegnere dipendente "sarebbe" obbligato, per quanto attiene l'attività professionale, all'iscrizione alla gestione separata INPS, ai sensi dell'art. 2, comma 26, della Legge n. 335/1995.

    Tuttavia, molti ingegneri dipendenti hanno omesso di ottemperare alla predetta contribuzione previdenziale, ritenendosi non obbligati alla relativa iscrizione e, per l'effetto, ai relativi versamenti.

    In merito, il Legislatore, per risolvere i dubbi relativi all'individuazione dei soggetti tenuti all'iscrizione alla gestione separata, è intervenuto con norma di interpretazione autentica (art. 18, comma 12, del D.L. n. 98/2011, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 111/2011), secondo cui: "l'articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, si interpreta nel senso che i soggetti che esercitano per professione abituale, ancorchè non esclusiva, attività di lavoro autonomo tenuti all'iscrizione presso l'apposita gestione separata INPS sono esclusivamente i soggetti che svolgono attività il cui esercizio non sia subordinato all'iscrizione ad appositi albi professionali, ovvero attività non soggette al versamento contributivo agli enti di cui al comma 11, in base ai rispettivi statuti e ordinamenti, con esclusione dei soggetti di cui al comma 11. Resta ferma la disposizione di cui all'articolo 3, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103. Sono fatti salvi i versamenti già effettuati ai sensi del citato articolo 2, comma 26, della legge n. 335 del 1995".

    L'INPS, dal canto suo, con la circolare del 29 luglio 2011 n. 99, il messaggio del 12 gennaio 2012 n. 709 e, da ultimo, la circolare del 10 aprile 2015 n. 72, ha ribadito l'obbligo del versamento contributivo alla gestione separata nei confronti di tali soggetti.

    Vorrei sapere come vi state comportando con i Vs. clienti che rientrano in casi consimili, anche alla luce della recente giurisprudenza favorevole al contribuente.
    Premesso che la L.n.335/1995 ha eliminato le aree di franchigia contributiva per cui se un soggetto è iscritto alla gestione previdenziale obbligatoria resta iscrivibile per gli altri redditi (cioè dipendente INPS e lavoratore autonomo senza cassa INPS). Per gli ingegneri solo lo svolgimento di un'attività di lavoro dipendente esonera l'iscritto dalla contribuzione soggettiva; negli altri casi non è possibile secondo il regolamento INARCASSA.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  3. #3
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    709

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Premesso che la L.n.335/1995 ha eliminato le aree di franchigia contributiva per cui se un soggetto è iscritto alla gestione previdenziale obbligatoria resta iscrivibile per gli altri redditi (cioè dipendente INPS e lavoratore autonomo senza cassa INPS). Per gli ingegneri solo lo svolgimento di un'attività di lavoro dipendente esonera l'iscritto dalla contribuzione soggettiva; negli altri casi non è possibile secondo il regolamento INARCASSA.
    L'INPS sostiene che, in assenza di contribuzione "soggettiva" alla cassa di appartenenza (INARCASSA), ma solo "integrativa", l'ingegnere dipendente debba iscriversi alla gestione separata e assoggettare il reddito da attività professionale a detta contribuzione previdenziale (principio secondo il quale ogni reddito debba essere assoggettato, in quanto tale, all'obbligazione di natura previdenziale).

    Per contro, i giudici di merito sostengono che la norma di interpretazione autentica non abbia compiuto alcuna distinzione tra modalità di contribuzione, men che meno tra "soggettiva" ed "integrativa", facendo esclusivo e reiterato riferimento al concetto di "attività", senza invece considerare, ai fini dell'iscrizione, il diverso concetto di "reddito". Più precisamente, l'utilizzo della locuzione "versamento contributivo", nell'ambito di una norma interpretativa destinata a dirimere le incertezze nell'applicazione della disciplina di riferimento, non può ritenersi casuale, bensì riconducibile alla volontà di ricomprendere tutti i vari tipi di contribuzione previsti dai vari statuti e ordinamenti delle casse.

    Questo è il punto. Cosa ne pensi?

  4. #4
    danadana è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    25

    Predefinito

    Buongiorno,

    riprendo la discussione per chiederle un parere in merito alle ultime modifiche intervenute sull'argomento in seguito alla recente sentenza della Cassazione (30345/2017) in cui, in sintesi, si è concluso che:
    - Architetti e Ingegneri che lavorano come dipendenti non possono iscriversi all'Inarcassa, ma devono comunque versare alla stessa il contributo integrativo;
    - tale contributo non determina la creazione di una posizione contributiva e quindi l'eventuale attività autonoma svolta dal professionista comporta l'iscrizione alla gestione separata INPS.

    Cosa ne pensa: sussite per lei tale obbligo?

    Sono dell'opinione che ovviamente tale obbligo contributivo esista, ma certo è che la Gestione Separata dell'INPS (24-25%) costituisce un onere decisamente più gravoso rispetto alla contribuzione richiesta da Inarcassa (14,5%).

    So che ultimamente Inarcassa sta procedendo a inoltrare direttamente all'INPS alcune richieste di DURC che gli arrivano dagli Enti segnalando che per gli adempimenti che le competono l'iscritto è in regola, ma chiedono appunto all'INPS di eseguire una loro verifica.

    Mi chiedevo quindi se a questo punto, per un ingegnere che svolge sia lavoro dipendente che autonomo, se non fosse più conveniente operare insieme ad altri attraverso una società di ingegneria.

    Cosa ne pensa a riguardo?

  5. #5
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    709

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danadana Visualizza Messaggio
    Buongiorno,

    riprendo la discussione per chiederle un parere in merito alle ultime modifiche intervenute sull'argomento in seguito alla recente sentenza della Cassazione (30345/2017) in cui, in sintesi, si è concluso che:
    - Architetti e Ingegneri che lavorano come dipendenti non possono iscriversi all'Inarcassa, ma devono comunque versare alla stessa il contributo integrativo;
    - tale contributo non determina la creazione di una posizione contributiva e quindi l'eventuale attività autonoma svolta dal professionista comporta l'iscrizione alla gestione separata INPS.

    Cosa ne pensa: sussite per lei tale obbligo?

    Sono dell'opinione che ovviamente tale obbligo contributivo esista, ma certo è che la Gestione Separata dell'INPS (24-25%) costituisce un onere decisamente più gravoso rispetto alla contribuzione richiesta da Inarcassa (14,5%).
    Non ho avuto ancora modo di analizzare il testo dell'anzidetta sentenza. Le farò sapere.

    Citazione Originariamente Scritto da danadana Visualizza Messaggio
    So che ultimamente Inarcassa sta procedendo a inoltrare direttamente all'INPS alcune richieste di DURC che gli arrivano dagli Enti segnalando che per gli adempimenti che le competono l'iscritto è in regola, ma chiedono appunto all'INPS di eseguire una loro verifica.

    Mi chiedevo quindi se a questo punto, per un ingegnere che svolge sia lavoro dipendente che autonomo, se non fosse più conveniente operare insieme ad altri attraverso una società di ingegneria.

    Cosa ne pensa a riguardo?
    Sarebbe del tutto superfluo, dacchè l'iscrizione ad Inarcassa è incompatibile con altre forme di previdenza obbligatoria (F.P.L.D.).

Discussioni Simili

  1. gestione separata e gestione ordinaria inps
    Di marius_77 nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-04-15, 11:42 AM
  2. Domandone Inps gestione commercianti e gestione separata.
    Di pierov nel forum Altri argomenti
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 23-03-15, 01:27 PM
  3. Gestione Inps Commercianti e Gestione Separata.
    Di infoconsulenza nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-07-11, 07:04 PM
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-04-11, 09:35 AM
  5. Gestione separata INPS
    Di Barbara949 nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 02-10-09, 05:48 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15