Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Prestazione occasionale verso committente irlandese

  1. #1
    CarlaCarla è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    5

    Predefinito Prestazione occasionale verso committente irlandese

    Salve,
    ho un quesito su cui non trovo risposta.
    Un soggetto senza partita iva svolge prestazione autonoma occasionale (traduzione nel caso specifico) verso società irlandese che non paga tasse in Italia.
    La società però dice di non avere partita iva (probabilmente perché non supera la soglia di fatturato per cui in Irlanda è richiesta l'apertura di partita iva).
    Il dubbio è se nel caso di ricevuta di prestazione occasionale può essere un problema il fatto di non indicare nel documento la partita iva del soggetto committente. Penso che questo caso sia assimilabile ad una prestazione occasionale tra privati, dato che il soggetto committente pur essendo un'azienda è privo di partita iva.
    Secondo voi è corretto? può rappresentare un problema il fatto di non indicare partita iva nella ricevuta di prestazione occasionale? è necessario indicare qualcosa in proposito nella ricevuta oppure chiedere al committente di rilasciare una dichiarazione riguardo al fatto che è privo di partita iva?
    Magari mi sto mettendo troppi problemi per una semplice prestazione occasionale, ma mi farebbe piacere avere un vostro riscontro.
    Grazie

  2. #2
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    708

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da CarlaCarla Visualizza Messaggio
    Salve,
    ho un quesito su cui non trovo risposta.
    Un soggetto senza partita iva svolge prestazione autonoma occasionale (traduzione nel caso specifico) verso società irlandese che non paga tasse in Italia.
    La società però dice di non avere partita iva (probabilmente perché non supera la soglia di fatturato per cui in Irlanda è richiesta l'apertura di partita iva).
    Il dubbio è se nel caso di ricevuta di prestazione occasionale può essere un problema il fatto di non indicare nel documento la partita iva del soggetto committente. Penso che questo caso sia assimilabile ad una prestazione occasionale tra privati, dato che il soggetto committente pur essendo un'azienda è privo di partita iva.
    Secondo voi è corretto? può rappresentare un problema il fatto di non indicare partita iva nella ricevuta di prestazione occasionale? è necessario indicare qualcosa in proposito nella ricevuta oppure chiedere al committente di rilasciare una dichiarazione riguardo al fatto che è privo di partita iva?
    Magari mi sto mettendo troppi problemi per una semplice prestazione occasionale, ma mi farebbe piacere avere un vostro riscontro.
    Grazie
    Ho un caso simile, ma tra privato italiano e privato UE. Il trattamento è identico a quello tra due soggetti privati italiani.

  3. #3
    Rita1981 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2017
    Messaggi
    1

    Predefinito

    Buonasera,scusate se non mi collego alla discussione ma volevo chiedere una cosa imporatante : se è possibile scegliere un commercialista che non sia nella stessa città della sede legale dell'azienda. Mi spiego. Siamo due soci. Il mio socio , già da prima dell'apertura dell'attività, aveva il nostro attuale commercialista. Io però non mi trovo. Posso sceglierne uno che sia in un'altra città? Esempio: ho l'attività al nord e il mio commercialista è al sud. Si potrebbe fare? Altrimenti non saprei come fare ad affidarmi ad un bravo e fidato commercialista qui dato che non ne conosco. Grazie per l'attenzione.

  4. #4
    beniamino75 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2017
    Messaggi
    4

    Predefinito

    Non esistono limitazioni di questo tipo, l'unico problema potrebbe essere di natura logistica... mi spiego: per l'ordinaria amministrazione ormai con la telematica non dovrebbero esserci problemi di sorta (al massimo periodicamente fai un pacco e gli mandi i documenti) ed ormai i contatti tra il professionista e gli uffici vari (AAEE, INPS, CCIAA) sono tutti telematici; il problema potrebbe nascere se in caso di problemi (ispezioni, accertamenti, ecc.) fosse necessaria la presenza fisica del professionista, allorché ovviamente questi si vedrebbe costretto ad addebitarti le spese per la trasferta. Io ho clienti lontani e fortunatamente ancora non è stato il caso, ma non ti nascondo che mi pongo il problema....

Discussioni Simili

  1. fattura verso la capogruppo ATI per lavori a committente EXTRA UE
    Di luxdant nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-06-17, 07:44 PM
  2. Fattura a committente extra-ue, prestazione Italia.
    Di Grimel nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-03-13, 05:10 PM
  3. Prestazione occasionale verso privato
    Di Dukes nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-05-12, 11:11 AM
  4. Prestazione occasionale per Committente Estero - Gestione Separata ?
    Di workunited nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 21-12-11, 11:13 AM
  5. Prestazione occasionale verso genitore
    Di Niccolò nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 15-07-10, 06:24 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15