Buonasera,
ho un caso un pò particolare.
Sono un tecnico sistemista italiano, ma residente all'estero, con azienda estera e presto servizi di assistenza remota, via computer, dalla Colombia a imprese italiane.
Assunto che :
- L'Art.25 DPR 600/73-Ritenuta sui redditi di lavoro autonomo e altri redditi al comma 2 indica che: “se i compensi e le altre somme (..) sono corrisposti a soggetti non residenti, da parte di sostituti d’imposta, deve essere operata una ritenuta a titolo d'imposta nella misura del 30%.”.
- L'esenzione è solo per "Compensi corrisposti per prestazioni svolte fuori dal territorio dello Stato".
- L'art. 23, comma 1, lettera d), del Tuir, dice che : "i redditi di lavoro autonomo, tra i quali rientrano anche quelli derivanti da attività artistiche dei non residenti, si considerano prodotti in Italia se le prestazioni da cui derivano sono realizzate nel territorio dello Stato".
- Il mio lavoro è realizzato fuori dal territorio italiano, con strumenti (computers) e servizi (internet) che si trovano fuori dallo stesso, anche se i risultati sono prodotti in Italia.

A questo punto la mia domanda è : sono soggetto alla ritenuta del 30% sull'imponibile nelle fatture prodotte ai miei clienti ?