Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Royalties per software

  1. #1
    FAGLO Ŕ offline Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    128

    Predefinito Royalties per software

    Un mio clienti deve applicare le ritenute sulle royalties derivanti da sfruttamento commerciale di un software. Quale Ŕ il codice tributo? Il software Ŕ concesso da una societÓ statunitense.

    In base alla Convenzione Italia-USA, art.12, la ritenuta convenzionale applicabile, su responsabilitÓ del sostituto, Ŕ pari al 5%? Ma sul 100 % del compenso o sul 75% dello stesso?
    Questa seconda domanda perchŔ la ritenuta ordinaria (DPR 600/73) Ŕ pari al 30% sul 75% del compenso visto che si tratta di concessione in uso da parte dell'autore
    L'art.12 della Convenzione parla di 5% sul compenso lordo.

  2. #2
    fabio1763 Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    14

    Predefinito Ŕ una ritenuta di lavoro autonomo

    Posto anche questa risoluzione esplicativa sul comportamento da parte del sostituto residente. Tengasi poi presente della risoluzione 86/E 2006 se non ricordo male che riguarda nello specifico la problematica dei rapporti usa-italia sui canoni.

    Oggetto:
    Convenzione per evitare le doppie imposizioni sui redditi tra
    l'Italia e Malta - Articoli 12 e 5 del Trattato - Diritti di
    utilizzazione televisiva di un'opera - Richiesta di certificazione
    fiscale concernente l'esistenza o meno di stabile organizzazione in
    Italia di societa' residente in Malta.

    Sintesi:
    Si forniscono chiarimenti in merito alla non obbligatorieta' da parte del
    sostituto d'imposta all'applicazione diretta delle disposizioni agevolative
    contenute nelle convenzioni, stipulate dall'Italia, per evitare le doppie
    imposizioni sul reddito.

    Testo:
    Alla Direzione Regionale delle
    Entrate per la Toscana
    --------------------------
    Con istanza del 29 marzo 1999, l'avvocato.... con studio in Firenze,
    quale legale rappresentante della societa' di Malta ".... Films Production
    International Limited", dopo aver esposto le motivazioni che hanno causato, a
    suo avviso, una illegittima ritenuta alla fonte su diritti di utilizzazione
    televisiva di opera, corrisposti da un ente italiano alla sua assistita, ha
    chiesto alla scrivente di voler accertare, anche a mezzo degli Organi di
    Polizia Tributaria, se la predetta societa' estera possieda o meno in Italia
    una stabile organizzazione ai sensi dell'art. 5 della vigente Convenzione
    fiscale tra l'Italia e Malta, nonche' di avere comunicazione scritta dello
    accertamento effettuato.
    A tal fine viene evidenziato che la richiesta trae origine
    dall'esecuzione di un contratto stipulato in data 21 giugno 1995, con la
    quale la "..... Films Production" ha concesso alla RAI - Radio Televisione
    Italiana S.p.A." - i diritti di utilizzazione televisiva dell'opera "Santa
    Barbara" per un corrispettivo di $ USA 12,444,000, da corrispondersi in
    quattro rate.
    Per quanto concerne le prime tre rate, viene fatto presente che la
    societa' ha prodotto alla RAI la certificazione rilasciata dalle Autorita'
    fiscali di Malta, attestante le condizioni necessarie per beneficiare
    delle disposizioni pattizie di cui all'art. 12, 1 paragrafo della
    richiamata Convenzione fiscale; cio' ha consentito alla medesima di percepire
    i diritti senza subire in Italia la ritenuta alla fonte.
    In ordine al pagamento dell'ultima rata, la RAI ha invece operato la
    ritenuta alla fonte sull'importo corrisposto, giudicando non idonea la
    certificazione presentata per l'applicazione diretta dei benefici
    convenzionali.
    In detta ultima certificazione, infatti, l'Ufficio fiscale di Malta
    pur attestando la sede legale e la tassazione in Malta di "..... Films
    Production", ha apposto sul documento stesso con la quale dichiara di non
    essere in grado di verificare autonomamente l'esistenza o meno in Italia di
    una stabile organizzazione della societa'.
    Ritiene il professionista che la RAI abbia illegittimamente operato
    la ritenuta sul compenso erogato, soprattutto con riguardo alla circostanza
    che l'esistenza o meno in Italia di una stabile organizzazione della societa'
    estera non possa che essere accertata dall'Autorita' fiscale del nostro Paese
    e richiama, in proposito, la risoluzione n. 12/795 del 12.10.79 della
    soppressa Direzione Generale delle Imposte Dirette nonche' due decisioni
    della Commissione Tributaria Centrale.
    Fa infine presente che tale accertamento e' indispensabile per
    ottenere dalla RAI la restituzione dell'imposta trattenuta alla propria
    cliente.
    Al riguardo, esaminata la problematica esposta, si ritiene di poter
    condividere solo una delle diverse questioni sollevate dal predetto avvocato
    e, piu' precisamente, quella relativa all'accertamento dell'esistenza o meno
    della stabile organizzazione in Italia della societa' estera.
    E' fuori di dubbio, infatti, che detto appuramento non possa che
    essere effettuato dagli Uffici dell'Amministrazione finanziaria italiana ma
    cio' avviene soltanto in una fase successiva al pagamento del compenso e, piu'
    opportunamente, in sede di controllo della certificazione allegata al
    rimborso da richiedere, a cura del contribuente o del sostituto d'imposta,
    all'ufficio fiscale territorialmente competente.
    Ed infatti anche la richiamata risoluzione e le due decisioni della
    Commissione Centrale Imposte citate, si riferiscono a fattispecie esaminate in
    sede di controllo e non in occasione di applicazione diretta del regime
    convenzionale da parte del sostituto d'imposta.
    E' appena il caso di far presente, sulla questione, che la RAI non
    appartiene all'Amministrazione fiscale e pertanto non ha titolo ne'
    all'accertamento delle condizioni richieste dalle norme convenzionali ne'
    alla effettuazione dei rimborsi relativi alle disposizioni stesse. Detta
    societa', inoltre, contrariamente a quanto sostenuto dal professionista non
    ha illegittimamente operato la ritenuta d'imposta ma ha soltanto provveduto ad
    applicare il metodo ordinario previsto dalla Convenzione in parola che
    unitamente alla possibilita' di applicare la ritenuta prevista dalla
    legislazione interna disciplina all'art. 27, il ricorso alla procedura del
    rimborso.
    Infatti l'applicazione diretta delle disposizioni agevolative
    contenute nelle Convenzioni per evitare le doppie imposizioni sui redditi e'
    stata a suo tempo consentita in alternativa alla procedura di rimborso, dalla
    soppressa Direzione Generale delle imposte dirette in varie circolari di
    alcune delle quali si allega copia (circolare n. 115 del 12 aprile 1978;
    circolare n. 2 del 4.2.80; circolare n. 7 del 25.3.81). Tale procedura prevede
    che i sostituti d'imposta italiano possono, sotto la propria responsabilita',
    applicare direttamente l'esenzione o le minori aliquote convenzionali, previa
    presentazione da parte dei beneficiari del reddito, di documentazione atta a
    dimostrare l'effettivo possesso dei requisiti previsti negli accordi di cui
    sopra.
    Tale prassi amministrativa, anche se ormai consolidata, avendo
    carattere facoltativo, non comporta un obbligo di adeguamento per il sostituto
    di imposta, che potra' quindi sempre applicare il regime interno di ritenuta
    nel caso in cui ritemga di non doversi assumere delle responsabilita' circa la
    idoneita' della documentazione presentata.
    Per quanto concerne il caso in discorso, pertanto, la societa' potra'
    avvalersi delle disposizioni di cui all'art. 27 della vigente Convenzione
    fiscale che disciplina i rimborsi. Detto articolo, fra l'altro, prevede che le
    istanze di rimborso devono essere prodotte entro i termini stabiliti dalla
    legislazione dello Statocontraente tenuto ad effettuare il rimborso stesso
    nonche' la documentazione ufficiale da produrre.
    Nella fattispecie in parola la domanda di rimborso dovra' essere
    presentata dalla societa' interessata (o dal sostituto d'imposta) al Centro di
    Servizio delle Imposte Dirette e Indirette di Roma ai sensi dell'art. 38 del
    D.P.R. 29 settembre 1973 n. 602.
    Cio' premesso, non si ritiene di dover aderire, in questa fase, alla
    richiesta di accertamento avanzata dal professionista, atteso che lo stesso
    dovra' necessariamente essere effettuato, dall'Ufficio competente al rimborso,
    in sede di controllo della documentazione allegata alla istanza e cio' ai fini
    della spettanza del rimborso stesso.
    Nel trasmettere copia della richiesta vanzata dalla parte, si prega di
    portare quanto sopra a conoscenza dell'avvocato ...., legale rappresentante
    della ".... Films Production International Limited".


    L'applicazione della ritenuta convenzionale, come disciplinata dalla convenzione dell'85, Ŕ quindi una facoltÓ.Nel dubbio Ŕ possibile applicare la disciplina di diritto interno, ex art 25 dpr 600/73

  3. #3
    fabio1763 Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    14

    Predefinito una facoltÓ

    che richiede di essere documentatata dall'istanza di applicazione della ritenuta scontata convenzionalmente da parte del soggetto estero, e la certificazione dell'Internal Revenue Service che sia ivi soggetto passivo e non abbia stabile organizzazione da noi

Discussioni Simili

  1. Dichiarazione e Royalties
    Di massimom nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-06-13, 10:27 PM
  2. Iva su Royalties pasti veicolati
    Di daylight nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-02-12, 02:28 PM
  3. Intrastat per royalties
    Di missturtle nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-05-10, 11:22 PM
  4. Intrastat per royalties
    Di missturtle nel forum Manovre fiscali, legge stabilitÓ e Finanziarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-05-10, 11:22 PM
  5. ritenute d'acconto su royalties
    Di maryp nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-10-07, 09:42 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15