Pagina 2 di 3 PrimaPrima 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 21

Discussione: Contributi inps artigiano e dipendente

  1. #11
    ricnic è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    415

    Predefinito

    ciao ragazzi,

    non mischiamo le attività.

    La ditta artigiana, per essere tale, deve avere determinati requisiti ( come lavorarci personalmente )e se ha questi requisiti è iscritta all'Albo delle Imprese Artigiane. Se è iscritta all'Albo delle imprese artigiane, allora è d'obbligo per i soci che prestano la propria opera pagare l'INPS. Molti artigiani, nella realtà non hanno i requisiti e allora non sono artigiani ma industria. Esempio: l'elettricista, l'idraulico ecc sono artigiani anche se magari non vogliono. La sofwtare house può essere artigiana, ma può anche essere commerciale, dipende dalla prevalenza dello sviluppo software, rispetto alla vendita delle macchina ( hardware ) a cui spesso ricorrono per campare. Ma la software house stessa, se ha questo oggetto tra gli ultimi e dichiara che primariamente vende prodotti, è commerciale, ma se prima di venderli dichiara che prevalentemente fa consulenza, allora è di servizi....Si arriva anche ad essere industria, se non si lavora nella propria azienda. Ad esempio una srl uni personale può essere artigiana, ma se è pluripersonale no. Il mondo è vario.
    Quindi per l'INPS occorre verificare ogni singolo caso, riga per riga con l'attività dichiarata alla CCIA.

    Ovvio che l'artigiano, in quanto tale, non può assumere se stesso. Che fa, si comanda da solo ? E il lavoro subordinato dove sta ? Subordinato a chi ?
    Quindi possiamo dire che in una società di persone, se artigiana, solo i non soci o coloro soci ma non d'opera, possono essere assunti. Penso a marito e moglie di una snc o a quelli di una sas, dove l'accomandante può essere assunto,proprio perchè non è socio d'opera ma di capitale.

    Concordo nel problema di come prendere dei soldi da una ditta di persone.
    Di solito si usa l'acconto sugli utili. sperando di non sforare. Bisogna anche vedere che tipo di contabilità di adotta. Se venisse stabilito che l'amministratore ha diritto ad un compenso per la sua attività, questo compenso a sua volta darà l'obbligo di iscriversi ANCHE alla gestione separata dell'INPS, ma qui senza minimale. Il contributo si paga nel momento in cui si versa il compenso. Niente compenso, niente contributo.
    Per la sas che fa locazione, non svolge di per sè un'attività che richiede il lavoro del socio, in quanto il reddito si produce da sè con l'affitto. Quindi se è dimostrabile che l'attività prevalente è un'altra, ben venga.
    Diverso è per l'artigiano. Se la sua attività prevalente non è quella di artigiano, allora non può qualificarsi come artigiano. Sarà qualcos'altro.

  2. #12
    anciampi è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    milan
    Messaggi
    109

    Predefinito difatti le ditte non le apre piu' nessuno

    difatti ora come ora chi deve aprire una piccola ditta individuale, o con 2 soci ci pensa e poi probabilmente rinuncia.

    Grazie bersani

    Saluti

  3. #13
    anciampi è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    milan
    Messaggi
    109

    Predefinito reincarnazione

    ah dimenticavo una cosa, per questi poveri ed intrapendenti residui donchisciotte come diceva giustamente oggi un comico intelligente
    si prevede che il prossimo provvedimento sulle pensioni(si spera per loro di no) se applicato nelle clausole prevedera' l'eta' paensionabile non piu' nella terza eta' ma sara' necessaria la reincarnazione.

    Buona setttimana

  4. #14
    Studium è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    818

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FRANCESCO1 Visualizza Messaggio
    2) così ho fatto. Il funzionario (diverso dal precedente con cui avevo parlato) mi ha detto che i soci lavoratori artigiani della srl non devono percepire busta paga (quindi non devono pagare i contributi in qualità di dipendenti) ma devono versare alla gestione artigiani.
    Mi è capitato che, dopo l'iscrizione all'Albo artigiani e il conseguente passaggio del flusso da CCIAA a INPS, sia stata fatta l'iscrizione alla gestione artigiani per entrambe i soci - al 50% - di una s.r.l. artigiana. Al tempo stesso, quando ho richiesto informazioni in merito, mi è stato detto che se le percentuali di partecipazione fossero diverse l'obbligo assoluto ricadrebbe solo sul socio di maggioranza. Tradotto: aprendo una s.r.l. artigiana tra due soci, ponendo percentuali di partecipazione almeno del 49% e 51%, ci sarà l'iscrizione automatica del socio di maggioranza alla gestione artigiani, mentre il socio di minoranza potrà essere trattato come meglio si crede, anche come dipendente (purché non sia Amministratore, chiaramente). Questo è quanto ho ricavato da diversi colloqui.

    Ciao

  5. #15
    Patty76 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Monterotondo (Rm)
    Messaggi
    4,528

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Studium Visualizza Messaggio
    Mi è capitato che, dopo l'iscrizione all'Albo artigiani e il conseguente passaggio del flusso da CCIAA a INPS, sia stata fatta l'iscrizione alla gestione artigiani per entrambe i soci - al 50% - di una s.r.l. artigiana. Al tempo stesso, quando ho richiesto informazioni in merito, mi è stato detto che se le percentuali di partecipazione fossero diverse l'obbligo assoluto ricadrebbe solo sul socio di maggioranza. Tradotto: aprendo una s.r.l. artigiana tra due soci, ponendo percentuali di partecipazione almeno del 49% e 51%, ci sarà l'iscrizione automatica del socio di maggioranza alla gestione artigiani, mentre il socio di minoranza potrà essere trattato come meglio si crede, anche come dipendente (purché non sia Amministratore, chiaramente). Questo è quanto ho ricavato da diversi colloqui.

    Ciao
    Confermo. Affinchè una società sia qualificabile come artigiana è necessario che la maggioranza dei soci rivesta la qualifica artigiana, cioè lavori materialmente nella società. Con una distribuzione di quote al 50% è automatica l'iscrizione per entrambi i soci. Una volta iscritti come soci lavoratori, i soci della società possono lavorare tranquillamente nella società (senza problemi per eventuali ispezioni) e a loro non può essere fatta busta paga per lavoro dipendente, ma solamente in qualità (eventuale) di amministratori...oppure aspettare fine anno per la distribuzione degli utili...
    Servizio 730 anche compilazione conto terzi. Solo invio: servizio gratuito. Mandare messaggi privati

  6. #16
    damasco è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    208

    Predefinito

    Salve a seguito di quanto letto allora posto una domanda su una questione che mi sta mandando in malora

    un soggetto socio di una srl assunto come lavoratore dipendente decide di licenziarsi ed aprire partita iva e fatturare la srl per i lavori che svolge in quanto decide di guadagnare d+
    gli altri soci sono rimasti inquadrati come lavoratori dipendenti

    di conseguenza questa persona deve essere inquadrata con la sua ditta come artigiano e pagare i contributi

    la mia domanda è questa
    che cosa succede alla srl se il socio diventa artigiano?
    il socio che apre ditta individuale come artigiano può essere contemporaneamente socio di una srl non artigiana?

    vi prego rispondetemi ho postato altre domande del genere ma nessuno mi risponde

  7. #17
    robil è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,270

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da damasco Visualizza Messaggio
    Salve a seguito di quanto letto allora posto una domanda su una questione che mi sta mandando in malora

    un soggetto socio di una srl assunto come lavoratore dipendente decide di licenziarsi ed aprire partita iva e fatturare la srl per i lavori che svolge in quanto decide di guadagnare d+
    gli altri soci sono rimasti inquadrati come lavoratori dipendenti

    di conseguenza questa persona deve essere inquadrata con la sua ditta come artigiano e pagare i contributi

    la mia domanda è questa
    che cosa succede alla srl se il socio diventa artigiano?
    il socio che apre ditta individuale come artigiano può essere contemporaneamente socio di una srl non artigiana?

    vi prego rispondetemi ho postato altre domande del genere ma nessuno mi risponde
    Si un artigiano titolare di ditta individuale può a sua volta detenere quote di partecipazione in srl. Si badi tuttavia che nella srl non può rivestire la qualifica di socio artigiano ossia nella srl non può svolgere attività lavorativa a tempo pieno (nemmeno in qualità di dipendente) posto che per definizione può essere artigiano solo se svolge la propria attività in maniera prevalente. Se è un artigiano nella ditta individuale non potrà svolgere altre attività prevalenti (ma solo temporalmente limitate, es. 1 ora al giorno). Non si esclude tuttavia il possesso di quote di capitale in srl o spa (fossero anche piu di una).

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  8. #18
    alias61 è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    289

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FRANCESCO1 Visualizza Messaggio
    Ciao,
    ho aggiornamenti in merito:
    1) alla mia domanda scritta l'Inps ha risposto che dovevo rivolgermi alla sede per parlare personalmente con il finzionario che si occupa di artigiani e commercianti.
    2) così ho fatto. Il funzionario (diverso dal precedente con cui avevo parlato) mi ha detto che i soci lavoratori artigiani della srl non devono percepire busta paga (quindi non devono pagare i contributi in qualità di dipendenti) ma devono versare alla gestione artigiani. I compesi percepiti mensilmente devono essere imputati in contabilità come anticipazioni sull'utile della società (si tratta solo di una movimentazione finanziaria). I soci lavoratori non artigiani, invece, percepiranno busta paga e verseranno i contributi come dipendenti. Penso che questa sia la soluzione corretta.
    Ciao a tutti.
    mi chiedo : se la società è artigiana ci sarà stato qualche socio (anzi la maggioranza) iscritto all'Inps artigiani? per forza di cose la risposta è si

    se così è il socio di cui parli ben può svolgere attività di dipendente in quanto non è socio artigiano

    per quanto riguarda il consiglio "contabile" che ti hanno dato all'Inps mettici pure una pietra sopra in quanto siamo in una srl e gli utili vanno distribuiti solo a posteriori e con verbale soci che deliberi la distribuzione; quindi nessun acconto utile o simile

  9. #19
    damasco è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    208

    Predefinito

    Salve a tutti scusatemi si mi intrufolo in questa discussione ma occorre una risposta precisa che solo voi mi potete dare..
    un socio di una srl inquadrato come socio lavoratore dipendente ha diritto a percepire gli A.N.F. ?
    Mordere ma non Demordere

  10. #20
    damasco è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    208

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da robil Visualizza Messaggio
    si un artigiano titolare di ditta individuale può a sua volta detenere quote di partecipazione in srl. Si badi tuttavia che nella srl non può rivestire la qualifica di socio artigiano ossia nella srl non può svolgere attività lavorativa a tempo pieno (nemmeno in qualità di dipendente) posto che per definizione può essere artigiano solo se svolge la propria attività in maniera prevalente. Se è un artigiano nella ditta individuale non potrà svolgere altre attività prevalenti (ma solo temporalmente limitate, es. 1 ora al giorno). Non si esclude tuttavia il possesso di quote di capitale in srl o spa (fossero anche piu di una).
    grazie posticipati
    Mordere ma non Demordere

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 1 2 3 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. contributi INPS Artigiano+Commerciante
    Di wildbull nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-10-12, 05:28 PM
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-11-11, 05:28 PM
  3. Artigiano infortunato - sono cmq dovuti i contributi inps?
    Di mirco c nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-11-10, 09:34 AM
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-07-09, 11:34 AM
  5. contributi inps artigiano
    Di ermes nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-02-09, 07:01 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15