Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17

Discussione: Mai iscritto inps

  1. #1
    dani67 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Chivasso, Italy
    Messaggi
    722

    Predefinito Mai iscritto inps

    Nuova gatta da pelare (me le trovo tutte io): pensionato di 82 anni che dal 1993 svolge attività di consulenza, emettendo fatture con r.a., senza essersi mai iscritto all'inps. Oggi l'inps si è accorto di lui, facendo controlli incrociati dei mod. 770/07 e gli chiede di regolarizzare la posizione. Per come la vedo io andrebbe iscritto in G.S e pagherebbe il 17% del reddito.
    Quanto indietro può andare l'istituto nel fargli pagare i contributi omessi?
    I contributi che eventualmente pagherebbe d'ora in poi andrebbero, e in che misura, ad aumentare la sua pensione?
    grazie.

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,090

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dani67 Visualizza Messaggio
    Nuova gatta da pelare (me le trovo tutte io): pensionato di 82 anni che dal 1993 svolge attività di consulenza, emettendo fatture con r.a., senza essersi mai iscritto all'inps. Oggi l'inps si è accorto di lui, facendo controlli incrociati dei mod. 770/07 e gli chiede di regolarizzare la posizione. Per come la vedo io andrebbe iscritto in G.S e pagherebbe il 17% del reddito.
    Quanto indietro può andare l'istituto nel fargli pagare i contributi omessi?
    I contributi che eventualmente pagherebbe d'ora in poi andrebbero, e in che misura, ad aumentare la sua pensione?
    grazie.
    Ammazza, dopo 16 anni se ne sono accorti .... eh, c'è poco da fare: all'Inps non sfugge niente !!!!

    Io ricordo che ai contributi inps si applica la prescrizione decennale; ma aspetta che ti dica qualcosa qualcuno più preciso e preparato di me.

    ciao
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  3. #3
    iam
    iam è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    3,846

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Ammazza, dopo 16 anni se ne sono accorti .... eh, c'è poco da fare: all'Inps non sfugge niente !!!!

    Io ricordo che ai contributi inps si applica la prescrizione decennale; ma aspetta che ti dica qualcosa qualcuno più preciso e preparato di me.

    ciao
    non sono certamente io quello più preciso e preparato di Danilo, ma ritengo che si applichi la prescrizione quinquiennale
    Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza

  4. #4
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,090

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da iam Visualizza Messaggio
    non sono certamente io quello più preciso e preparato di Danilo, ma ritengo che si applichi la prescrizione quinquiennale
    Questa che mi dai è veramente una buona notizia !!

    (Ovviamente mi riferisco alla prescrizione, non al fatto che non sei più preciso e preparato di me, perchè questa è una notizia falsa )


    Quindi l'Inps gli può chiedere i contributi solo dal 2004 ?
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  5. #5
    iam
    iam è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    3,846

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio

    Quindi l'Inps gli può chiedere i contributi solo dal 2004 ?
    mi trascini su un terreno particolarmente minato (quello della decorrenza della prescrizione).
    Però diciamo che si va consolidando il principio della decorrenza dalla data di scadenza del versamento dei contributi.... quindi al momento per la gestione separata dovrebbero essere fuori anche i primi 5 mesi del 2004

    (Attenzione alla famigerata diatriba sulla decorrenza dei termini prescrizionali sui contributi per la gestione artigiani/commercianti, li la situazione potrebbe essere un pò differente)
    Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza

  6. #6
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,090

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da iam Visualizza Messaggio
    mi trascini su un terreno particolarmente minato (quello della decorrenza della prescrizione).
    Lo so; ma io volevo solo conoscere il tuo parere.



    Citazione Originariamente Scritto da iam Visualizza Messaggio
    Però diciamo che si va consolidando il principio della decorrenza dalla data di scadenza del versamento dei contributi.... quindi al momento per la gestione separata dovrebbero essere fuori anche i primi 5 mesi del 2004




    Citazione Originariamente Scritto da iam Visualizza Messaggio

    (Attenzione alla famigerata diatriba sulla decorrenza dei termini prescrizionali sui contributi per la gestione artigiani/commercianti, li la situazione potrebbe essere un pò differente
    Mi interessa sopratutto quella sui professionisti "scassati".
    Ma quando avrai voglia e tempo, mi piacerebbe sapere qualcosa anche su questa diatriba IVS.

    ciao e grazie !!
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  7. #7
    M@pperò è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    FACEBOOK
    Messaggi
    195

    Predefinito

    Prescrizione crediti contributivi INPS: aggiornamento.

    a cura di Avv. Donato B. Quagliarella

    Di cosa si tratta

    Torniamo sul tema della prescrizione dei crediti INPS (Cfr.: nel sito: La prescrizione dei crediti contributivi) in quanto sono state pronunciate due sentenze della Cassazione a Sezioni unite civili (sentenza 4 marzo 2008, n. 5784 e 7 marzo 2008, n. 6173) che sono intervenute a fornire una importante interpretazione sulla durata della prescrizione dei crediti contributivi; il tema è stato assegnato alle Sezioni Unite in relazione al contrasto di giurisprudenza che si era registrato sull'interpretazione dei commi 9 e 10 della L. n. 335/1995, con specifico riferimento alla questione della conservazione della prescrizione decennale per i contributi maturati in epoca antecedente alla legge del 1995, per effetto della denuncia o dell'accertamento ispettivo successivo a tale data per crediti maturati in antecedenza.
    La prima sentenza afferma che gli atti interruttivi della prescrizione di contributi, compiuti dall’INPS nel periodo dalla data del 17 agosto 1995 (entrata in vigore della legge) al 31 dicembre 1995 consentono che il medesimo termine decennale permanga anche per il futuro (effetto annuncio).
    La seconda dice che il termine di cinque anni, introdotto dalla riforma, riguarda anche le contribuzioni anteriori al 1 gennaio 1996, ma per effetto dell’art. 253 disp. att. cod. civ., decorre dal 1 gennaio 1996 ed è da quel momento che decorre il termine di cinque anni o anche inferiore se lo è il periodo di prescrizione restante.
    L’interpretazione offerta dalla Cassazione realizza un chiaro vantaggio per il creditore:

    * la prescrizione non è portata in modo generalizzato e con effetto retroattivo a cinque anni a decorrere dal 1 gennaio 1996,
    * riconosce agli atti interruttivi compiuti nel periodo intermedio (effetto annuncio) la conservazione della prescrizione a dieci anni.

    Per la prima sentenza, in quanto durante la vigenza del termine di prescrizione decennale ed entro il 31 dicembre 1995 sia stato compiuto un atto interruttivo, questo comporta la decorrenza di una prescrizione di uguale durata.
    Per la seconda sentenza era parso che la portata fosse di introdurre il nuovo più breve termine solo per i crediti che fossero maturati dopo la legge, solo che il comma 10° dell’art. 3 espressamente afferma: “..si applicano anche alle contribuzioni relative a periodi precedenti la data di entrata in vigore della presente legge”. Per quelli sorti prima della legge l’interpretazione, facendo ricorso all’estensione generalizzata del principio dell’art. 252 disp. att. cod. civ., si è affermato che la decorrenza fosse a partire dal 1° gennaio 1996. Non può non rilevarsi invece che la regola per il periodo transitorio è data proprio dalla legge e quindi va ad escludere il ricorso al principio di cui all’art. 252 disp. att. cod. civ., essendo esistito un congruo termine per compiere atti interruttivi (dal 17 agosto al 31 dicembre 1995).
    Per arrivare a chiaramente individuare quali siano le situazioni ancora attuali che derivano dall’allungamento dei termini, offerto dalle interpretazioni illustrate, si può schematizzare:

    * crediti in corso prima della legge: resta il termine decennale sino alla scadenza del periodo e non diventa di cinque anni; può quindi residuare dopo l’entrata in vigore della legge un periodo più corto dei cinque anni se il momento di decorrenza è inferiore ad un periodo di dieci anni;
    * crediti in corso per i quali nel periodo dal 17 agosto al 31 dicembre 1995 siano stati compiuti atti interruttivi: restano al regime di prescrizione di dieci anni;
    * crediti in corso per i quali nulla sia stato fatto prima e intervenga un atto interruttivo successivo al 1 gennaio 1996: hanno la prescrizione di cinque anni da quella data.

    Confidiamo di avere offerto una interpretazione corretta agli ancora numerosi casi che sono pendenti avanti i giudici.
    Ci preme rimarcare una situazione, che è ricorrente, relativa ai casi di fallimento del debitore; in questi si sostiene che, quando l’INPS abbia compiuto quello che sarebbe un atto ritenuto interruttivo, facendo l’insinuazione al passivo, il fatto che la procedura fallimentare sospenda i termini, comporta che i termini abbiano a decorrere nuovamente dalla chiusura del fallimento e siano quelli del precedente regime.
    Se questa tesi poggia sui principi di diritto fallimentare relativi alla sospensione delle iniziative dei creditori contro il debitore fallito, non va invece dimenticato che, al fine della prescrizione, ugualmente l’INPS rimaneva onerato ed era tenuto a compiere un atto espressamente previsto al fine dell’interruzione della prescrizione nel periodo dal 17 agosto al 31 dicembre 1995 e, laddove non compiuto, non si può dire che continui a decorrere il medesimo originario termine decennale dal momento che dal 1 gennaio 1996 la durata del periodo è passata a cinque anni.
    Se applicassimo gli effetti di diritto fallimentare al termine prescrizionale, otterremmo un effetto che non sta ai principi introdotti dal legislatore. Infatti, usciti dalla procedura in data successiva al 1 gennaio 1996, quando il termine generalizzato sarebbe divenuto di cinque anni, per l’effetto interruttivo della vicenda fallimentare avremmo un generalizzato termine nuovo per la prescrizione di almeno dieci anni comunque e per tutti questi crediti.
    Se per ipotesi parlassimo di un credito di nove anni anteriore alla dichiarazione di fallimento (credito del 1986) che fosse intervenuto nel maggio 1995, dalla chiusura del fallimento (per ipotesi intervenuta nel 2005) avremmo una scadenza della prescrizione nel 2015 senza che il fallito, tornato in bonis abbia mai ricevuto nulla dal creditore che intenda coltivare il proprio credito.
    Situazioni come quella esposta esistono e non è di fantasia il caso illustrato; per questo pensiamo che la Cassazione n. 5784, quando afferma che va “..tenuto conto dell’intento del legislatore di realizzare un ‘effetto annuncio’ idoneo ad evitare la prescrizione dei vecchi crediti” abbia previsto un onere a carico dell’INPS in difetto del l’osservanza del quale il termine di prescrizione passi comunque a cinque anni, come da sistema prescrizionale riformato.
    Si potrebbe rilevare l’assurdità che un atto siffatto abbia dovuto raggiungere il curatore in un momento nel quale il creditore è solo in attesa degli sviluppi fallimentari in ordine al suo credito, ma così assurdo non è in quanto sarebbe stato atto volto a manifestare quella volontà sul termine prescrizionale, che è cosa diversa da una attività volta al recupero del credito, attività imposta da un regime speciale, quale appunto la prescrizione in materia previdenziale, che principalmente ha quale destinatario l’INPS.


    (redatto in data 22 novembre 2008)

  8. #8
    dani67 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Chivasso, Italy
    Messaggi
    722

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da M@pperò Visualizza Messaggio
    * crediti in corso per i quali nulla sia stato fatto prima e intervenga un atto interruttivo successivo al 1 gennaio 1996: hanno la prescrizione di cinque anni da quella data.
    Se interpreto bene parliamo di 5 anni. Naturalmente più interessi e sanzioni, il tutto calcolato sul reddito imponibile dichiarato (fin'ora ha sempre compilato il quadro RG). Non ci sono né sconti, né scappatoie per età e status di pensionato?
    La comunicazione inps chiede conto per il 2006 (770/07), e non prima. E se io facessi partire l'obbligo contributivo dal 2006?
    Che mi consigliate di fare? Premetto che ho già "spaventato" per bene il cliente!!

  9. #9
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,090

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dani67 Visualizza Messaggio
    Se interpreto bene parliamo di 5 anni. Naturalmente più interessi e sanzioni, il tutto calcolato sul reddito imponibile dichiarato (fin'ora ha sempre compilato il quadro RG). Non ci sono né sconti, né scappatoie per età e status di pensionato?
    Alt !!

    Quadro G ????

    Se ha compilato il quadro G non ha fatto consulenza .... e non doveva iscriversi alla gestione separata, ma all'IVS ....
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  10. #10
    iam
    iam è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    3,846

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da M@pperò Visualizza Messaggio
    Prescrizione crediti contributivi INPS: aggiornamento.

    a cura di Avv. Donato B. Quagliarella

    Di cosa si tratta

    Torniamo sul tema della prescrizione dei crediti INPS (Cfr.: nel sito: La prescrizione dei crediti contributivi) in quanto sono state pronunciate due sentenze della Cassazione a Sezioni unite civili (sentenza 4 marzo 2008, n. 5784 e 7 marzo 2008, n. 6173) che sono intervenute a fornire una importante interpretazione sulla durata della prescrizione dei crediti contributivi; il tema è stato assegnato alle Sezioni Unite in relazione al contrasto di giurisprudenza che si era registrato sull'interpretazione dei commi 9 e 10 della L. n. 335/1995, con specifico riferimento alla questione della conservazione della prescrizione decennale per i contributi maturati in epoca antecedente alla legge del 1995, per effetto della denuncia o dell'accertamento ispettivo successivo a tale data per crediti maturati in antecedenza.
    La prima sentenza afferma che gli atti interruttivi della prescrizione di contributi, compiuti dall’INPS nel periodo dalla data del 17 agosto 1995 (entrata in vigore della legge) al 31 dicembre 1995 consentono che il medesimo termine decennale permanga anche per il futuro (effetto annuncio).
    La seconda dice che il termine di cinque anni, introdotto dalla riforma, riguarda anche le contribuzioni anteriori al 1 gennaio 1996, ma per effetto dell’art. 253 disp. att. cod. civ., decorre dal 1 gennaio 1996 ed è da quel momento che decorre il termine di cinque anni o anche inferiore se lo è il periodo di prescrizione restante.
    L’interpretazione offerta dalla Cassazione realizza un chiaro vantaggio per il creditore:

    * la prescrizione non è portata in modo generalizzato e con effetto retroattivo a cinque anni a decorrere dal 1 gennaio 1996,
    * riconosce agli atti interruttivi compiuti nel periodo intermedio (effetto annuncio) la conservazione della prescrizione a dieci anni.

    Per la prima sentenza, in quanto durante la vigenza del termine di prescrizione decennale ed entro il 31 dicembre 1995 sia stato compiuto un atto interruttivo, questo comporta la decorrenza di una prescrizione di uguale durata.
    Per la seconda sentenza era parso che la portata fosse di introdurre il nuovo più breve termine solo per i crediti che fossero maturati dopo la legge, solo che il comma 10° dell’art. 3 espressamente afferma: “..si applicano anche alle contribuzioni relative a periodi precedenti la data di entrata in vigore della presente legge”. Per quelli sorti prima della legge l’interpretazione, facendo ricorso all’estensione generalizzata del principio dell’art. 252 disp. att. cod. civ., si è affermato che la decorrenza fosse a partire dal 1° gennaio 1996. Non può non rilevarsi invece che la regola per il periodo transitorio è data proprio dalla legge e quindi va ad escludere il ricorso al principio di cui all’art. 252 disp. att. cod. civ., essendo esistito un congruo termine per compiere atti interruttivi (dal 17 agosto al 31 dicembre 1995).
    Per arrivare a chiaramente individuare quali siano le situazioni ancora attuali che derivano dall’allungamento dei termini, offerto dalle interpretazioni illustrate, si può schematizzare:

    * crediti in corso prima della legge: resta il termine decennale sino alla scadenza del periodo e non diventa di cinque anni; può quindi residuare dopo l’entrata in vigore della legge un periodo più corto dei cinque anni se il momento di decorrenza è inferiore ad un periodo di dieci anni;
    * crediti in corso per i quali nel periodo dal 17 agosto al 31 dicembre 1995 siano stati compiuti atti interruttivi: restano al regime di prescrizione di dieci anni;
    * crediti in corso per i quali nulla sia stato fatto prima e intervenga un atto interruttivo successivo al 1 gennaio 1996: hanno la prescrizione di cinque anni da quella data.

    Confidiamo di avere offerto una interpretazione corretta agli ancora numerosi casi che sono pendenti avanti i giudici.
    Ci preme rimarcare una situazione, che è ricorrente, relativa ai casi di fallimento del debitore; in questi si sostiene che, quando l’INPS abbia compiuto quello che sarebbe un atto ritenuto interruttivo, facendo l’insinuazione al passivo, il fatto che la procedura fallimentare sospenda i termini, comporta che i termini abbiano a decorrere nuovamente dalla chiusura del fallimento e siano quelli del precedente regime.
    Se questa tesi poggia sui principi di diritto fallimentare relativi alla sospensione delle iniziative dei creditori contro il debitore fallito, non va invece dimenticato che, al fine della prescrizione, ugualmente l’INPS rimaneva onerato ed era tenuto a compiere un atto espressamente previsto al fine dell’interruzione della prescrizione nel periodo dal 17 agosto al 31 dicembre 1995 e, laddove non compiuto, non si può dire che continui a decorrere il medesimo originario termine decennale dal momento che dal 1 gennaio 1996 la durata del periodo è passata a cinque anni.
    Se applicassimo gli effetti di diritto fallimentare al termine prescrizionale, otterremmo un effetto che non sta ai principi introdotti dal legislatore. Infatti, usciti dalla procedura in data successiva al 1 gennaio 1996, quando il termine generalizzato sarebbe divenuto di cinque anni, per l’effetto interruttivo della vicenda fallimentare avremmo un generalizzato termine nuovo per la prescrizione di almeno dieci anni comunque e per tutti questi crediti.
    Se per ipotesi parlassimo di un credito di nove anni anteriore alla dichiarazione di fallimento (credito del 1986) che fosse intervenuto nel maggio 1995, dalla chiusura del fallimento (per ipotesi intervenuta nel 2005) avremmo una scadenza della prescrizione nel 2015 senza che il fallito, tornato in bonis abbia mai ricevuto nulla dal creditore che intenda coltivare il proprio credito.
    Situazioni come quella esposta esistono e non è di fantasia il caso illustrato; per questo pensiamo che la Cassazione n. 5784, quando afferma che va “..tenuto conto dell’intento del legislatore di realizzare un ‘effetto annuncio’ idoneo ad evitare la prescrizione dei vecchi crediti” abbia previsto un onere a carico dell’INPS in difetto del l’osservanza del quale il termine di prescrizione passi comunque a cinque anni, come da sistema prescrizionale riformato.
    Si potrebbe rilevare l’assurdità che un atto siffatto abbia dovuto raggiungere il curatore in un momento nel quale il creditore è solo in attesa degli sviluppi fallimentari in ordine al suo credito, ma così assurdo non è in quanto sarebbe stato atto volto a manifestare quella volontà sul termine prescrizionale, che è cosa diversa da una attività volta al recupero del credito, attività imposta da un regime speciale, quale appunto la prescrizione in materia previdenziale, che principalmente ha quale destinatario l’INPS.


    (redatto in data 22 novembre 2008)
    indubbiamente interessante!

    Ma cosa c'entra con questo thread?

    (caro M@pperò.... non hai neanche un pò della classe di tuo cugino..... buon sangue... MENTE! )
    Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-11-11, 04:23 PM
  2. Artigiano mai iscritto all'Inps
    Di michelag nel forum Altri argomenti
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 24-03-10, 06:12 PM
  3. Nuovo iscritto... Posizione inps
    Di conslavoro nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 08-09-09, 06:14 PM
  4. Mai iscritto inps
    Di dani67 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-07-09, 11:19 AM
  5. Disoccupato iscritto d'ufficio all'INPS?
    Di TBONE nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-01-07, 04:00 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15