Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Prestito ai dipendenti

  1. #1
    Jumpydee è offline Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    291

    Predefinito Prestito ai dipendenti

    Mi serve un aiuto per uscire da una situazioncina poco chiara....

    Fatto: ho un dipendente che ha in corso la Cessione del V ordinata dal Tribunale (dove si ordina in modo chiaro la trattenuta del 20% effettuata sul netto in busta); lo stesso dipendente chiede un prestito di 800 euro al DL, che glielo concede, con restituzione in sette rate mensili di uguale importo, a tasso zero.
    A questo punto cosa mi succede:
    Fino al mese scorso 1.000 euro netti - 200 (cessione del V) = 800 da corrispondere
    Da questo mese 1.000 euro netti - 114,28 (pari a 800/7) = 885,72 - 177,14 (cessione del V) = 708.58 da corrispondere

    Il mio dubbio è: a questo punto il Tribunale o il Creditore potrebbero avanzare il dubbio che l'azienda si sia prestata ad un giochino messo in atto per abbassare l'importo del Quinto mensile.... (1° mese = 200 euro, 2° mese = 177,14)

    Soluzione 1:
    Erogo al soggetto 1.000 euro (invece degli 800) che inserisco in busta paga senza assoggettarli a prelievo fiscale/contributivo, in modo che mi aumentino il netto di 800 euro tondi tondi (dopo avere tolto il Quinto....) A questo punto la cessione del 5° nel primo mese compensa la minore ritenuta dei 6 mesi successivi...

    Soluzione 2:
    nella scrittura privata di erogazione del prestito stabilisco una restituzione "brevi manu" senza decurtazione dello stipendio, ma prevedendo l'eventuale fringe benefit al termine dei sette mesi (fringe benefit che non ci sarà, visto che il 50% della differenza fra il TUS e il tasso applicato - zero - sarà di molto inferiore alla franchigia dei 258 euro).

    Quale soluzione mi consigliate?
    Capisco che la seconda è migliore perchè prevede un minor esborso per la ditta (800 euro invece di 1000), ma pensate sia una strada percorribile?

  2. #2
    Ispettore è offline Member
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    108

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jumpydee Visualizza Messaggio
    Mi serve un aiuto per uscire da una situazioncina poco chiara....

    Fatto: ho un dipendente che ha in corso la Cessione del V ordinata dal Tribunale (dove si ordina in modo chiaro la trattenuta del 20% effettuata sul netto in busta); lo stesso dipendente chiede un prestito di 800 euro al DL, che glielo concede, con restituzione in sette rate mensili di uguale importo, a tasso zero.
    A questo punto cosa mi succede:
    Fino al mese scorso 1.000 euro netti - 200 (cessione del V) = 800 da corrispondere
    Da questo mese 1.000 euro netti - 114,28 (pari a 800/7) = 885,72 - 177,14 (cessione del V) = 708.58 da corrispondere

    Il mio dubbio è: a questo punto il Tribunale o il Creditore potrebbero avanzare il dubbio che l'azienda si sia prestata ad un giochino messo in atto per abbassare l'importo del Quinto mensile.... (1° mese = 200 euro, 2° mese = 177,14)

    Soluzione 1:
    Erogo al soggetto 1.000 euro (invece degli 800) che inserisco in busta paga senza assoggettarli a prelievo fiscale/contributivo, in modo che mi aumentino il netto di 800 euro tondi tondi (dopo avere tolto il Quinto....) A questo punto la cessione del 5° nel primo mese compensa la minore ritenuta dei 6 mesi successivi...

    Soluzione 2:
    nella scrittura privata di erogazione del prestito stabilisco una restituzione "brevi manu" senza decurtazione dello stipendio, ma prevedendo l'eventuale fringe benefit al termine dei sette mesi (fringe benefit che non ci sarà, visto che il 50% della differenza fra il TUS e il tasso applicato - zero - sarà di molto inferiore alla franchigia dei 258 euro).

    Quale soluzione mi consigliate?
    Capisco che la seconda è migliore perchè prevede un minor esborso per la ditta (800 euro invece di 1000), ma pensate sia una strada percorribile?
    A mio parere è opportuno elaborare il prospetto di paga con le normali voci di retribuzione, e procedere alla trattenuta indicata dal Tribunale sul netto; il lavoratore potrà restituire la rata del prestito direttamente al datore di lavoro deducendola dalla somma ricevuta al netto della trattenuta al Tribunale.

  3. #3
    Jumpydee è offline Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    291

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ispettore Visualizza Messaggio
    A mio parere è opportuno elaborare il prospetto di paga con le normali voci di retribuzione, e procedere alla trattenuta indicata dal Tribunale sul netto; il lavoratore potrà restituire la rata del prestito direttamente al datore di lavoro deducendola dalla somma ricevuta al netto della trattenuta al Tribunale.
    Quindi secondo te la soluzione migliore da adottare è la seconda.... il mio dubbio, a questo punto, riguarda Il Libro Unico sul quale se non mi sbaglio vanno indicate tutte le operazioni che hanno effetto sulla retribuzione. E questa mi sembra che un certo effetto ce l'abbia.....

  4. #4
    Ispettore è offline Member
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    108

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jumpydee Visualizza Messaggio
    Quindi secondo te la soluzione migliore da adottare è la seconda.... il mio dubbio, a questo punto, riguarda Il Libro Unico sul quale se non mi sbaglio vanno indicate tutte le operazioni che hanno effetto sulla retribuzione. E questa mi sembra che un certo effetto ce l'abbia.....
    Ma se il lavoratore restituisce i 100 euro dopo che ha ricevuto la retribuzione, non vi è nessun problema con il prospetto il paga e il libro unico; sarà da verificare solo la questione del fringe benefit, ma vista l'esiguità della somma credo che non dovrebbe avere rilevanza

  5. #5
    f.p
    f.p è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    1,554

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jumpydee Visualizza Messaggio

    Il mio dubbio è: a questo punto il Tribunale o il Creditore potrebbero avanzare il dubbio che l'azienda si sia prestata ad un giochino messo in atto per abbassare l'importo del Quinto mensile.... (1° mese = 200 euro, 2° mese = 177,14)

    Soluzione 1:
    Erogo al soggetto 1.000 euro (invece degli 800) che inserisco in busta paga senza assoggettarli a prelievo fiscale/contributivo, in modo che mi aumentino il netto di 800 euro tondi tondi (dopo avere tolto il Quinto....) A questo punto la cessione del 5° nel primo mese compensa la minore ritenuta dei 6 mesi successivi...

    Soluzione 2:
    nella scrittura privata di erogazione del prestito stabilisco una restituzione "brevi manu" senza decurtazione dello stipendio, ma prevedendo l'eventuale fringe benefit al termine dei sette mesi (fringe benefit che non ci sarà, visto che il 50% della differenza fra il TUS e il tasso applicato - zero - sarà di molto inferiore alla franchigia dei 258 euro).

    Quale soluzione mi consigliate?
    ciao! il dubbio che sia un escamotage formulato ad arte potrebbe anche farsi strada.. soprattutto se il prestito non viene poi gestito in busta..
    ma, mi chiedevo, avendo già in corso un provvedimento di assegnazione di somme (tramite cessione del 5°) tutte le eventuali ulteriori trattenute/movimentazioni da operare su quella busta non dovrebbero essere successive a quella?! ovvero non dovresti intanto operare la trattenuta del 5° e poi fare tutto il resto??
    "Alcune persone sognano cose importanti, altre stanno sveglie e le fanno".

  6. #6
    Jumpydee è offline Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    291

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da f.p Visualizza Messaggio
    ciao! il dubbio che sia un escamotage formulato ad arte potrebbe anche farsi strada.. soprattutto se il prestito non viene poi gestito in busta..
    ma, mi chiedevo, avendo già in corso un provvedimento di assegnazione di somme (tramite cessione del 5°) tutte le eventuali ulteriori trattenute/movimentazioni da operare su quella busta non dovrebbero essere successive a quella?! ovvero non dovresti intanto operare la trattenuta del 5° e poi fare tutto il resto??
    In teoria no.... perchè la cessione del quinto va calcolata sul netto in busta, mentre il rimborso del prestito a rata costante no. Ma sono aperto ai suggerimenti

Discussioni Simili

  1. prestito tra amici
    Di marinocom1 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-08-13, 09:59 AM
  2. Prestito da conoscente
    Di fangel nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-09-12, 10:48 AM
  3. Prestito obbligazionario
    Di Noel nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-10-10, 07:56 AM
  4. Prestito ai dipendenti
    Di Jumpydee nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 16-06-10, 03:33 PM
  5. Prestito tra privati
    Di Niccolò nel forum Altri argomenti
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 31-03-08, 09:38 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15