Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: coadiutore farmacista

  1. #1
    tetanino è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    27

    Talking coadiutore farmacista

    salve a tutti, sapete se per caso un colaboratore di un farmacista, nella fattispecie il figliolo, facente parte dell'impresa familiare, che lavora nella farmacia deve essere iscirtto all'inps pur non essendo ancora farmacista??
    cordiali saluti a tutti
    .....Minori sono gli adempimenti fiscali maggiore è il guadagno, per lo STATO e per il contribuente......(...)

  2. #2
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da tetanino Visualizza Messaggio
    salve a tutti, sapete se per caso un colaboratore di un farmacista, nella fattispecie il figliolo, facente parte dell'impresa familiare, che lavora nella farmacia deve essere iscirtto all'inps pur non essendo ancora farmacista??
    cordiali saluti a tutti
    I collaboratori dell'impresa familiare vanno sempre iscritti all'inps e, nel tuo caso, alla gestione ivs commercianti. I contributi da pagare confluiranno nella posizione del titolare.
    Il titolo è ininfluente.

    Ciao

  3. #3
    tetanino è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    27

    Talking

    ciao e grazie della tua repentina risposta. Il mio problema nasce dal fatto che............
    vi sono alcune pronunce giudiziarie che accolgono le tesi difensive di Federfarma accertando “l’inesistenza del presupposto normativo per l’iscrizione” sia del titolare di farmacia sia del suo collaboratore familiare non farmacista “nella gestione IVS Commercianti Inps. Il giudice del lavoro del Tribunale di Verbania e quello di Arezzo a titolo di esempio, non hanno condiviso la fin qui scarna giurisprudenza di merito formatasi, allo stato, sulla questione (solo tre sentenze) “che presume sempre e comunque in una farmacia, sol perché moderna e adeguata alle esigenze della utenza, l’effettivo utilizzo della autorizzazione commerciale alla vendita dei generi merceologici elencati nella Tabella n. 9 relativa ai titolari di farmacie (ben potendo la attività strettamente commerciale essere meramente eventuale …), né potendo la circostanza di fatto ricavarsi dal dato puramente formalistico ricavabile dall’oggetto sociale necessariamente correlato alla iscrizione alla Camera di Commercio quale “piccolo imprenditore” ex art. 2083 c.c. o dall’atto costitutivo dell’impresa familiare ex art. 230 bis c.c.”.
    La sentenza prosegue evidenziando che “la vendita di un qualche prodotto c.d. parafarmaceutico” non costituisce “presupposto indefettibile per l’applicazione della disciplina detteta dagli artt. 1 e 2 L. 22/7/1966 n. 613 come modificata dall’art. 1 c. 203 della L. 23/12/1996 n. 662”, “attesa l’esenzione stabilita dall’art. 4 c. 2 D.Lgs. 114/98”.
    Il giudice del lavoro, pertanto ha integralmente accolto il ricorso presentato dalla titolare di farmacia e dal coniuge collaboratore familiare non farmacista accertando l’inesistenza del presupposto normativo per la loro iscrizione nella gestione commercianti INPS.
    In relazione all’entità delle ispezioni condotte dall’Istituto ed al successivo contenzioso instaurato avanti ai Tribunali, si resta in attesa di conoscere la definizione di altri giudizi pendenti in diverse regioni d’Italia,
    Per maggiore completezza si rammenta, infine, che qualora l’INPS abbia provveduto a notificare cartelle esattoriali di pagamento relative ai contributi, come nel caso di specie, i soggetti interessati devono proporre opposizione entro 40 giorni dalla notifica, altrimenti il ruolo diviene esecutivo e si decade dalla possibilità di impugnare l’atto.

    a chi devo dar retta? ai giudici o a chi altri????

    cordiali saluti
    .....Minori sono gli adempimenti fiscali maggiore è il guadagno, per lo STATO e per il contribuente......(...)

  4. #4
    Contabile è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,899

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Speedy Visualizza Messaggio
    I collaboratori dell'impresa familiare vanno sempre iscritti all'inps e, nel tuo caso, alla gestione ivs commercianti. I contributi da pagare confluiranno nella posizione del titolare.
    Il titolo è ininfluente.

    Ciao
    Ma questa circolare non ha più efficacia? Vedasi art. 2 o vale solo per il parafarmaceutico?

    Inoltre ritengo che il FARMACISTA sia un "PROFESSIONISTA" della salute e non un "COMMERCIANTE" della stessa; tale sottolineatura mi fa propendere che l'attività "commerciale" svolta nelle farmacie sia di supporto e, quindi non principale ma accessoria, al beneficio che il paziente trae nel rivolgersi a dette strutture e di conseguenza al "PROFESSIONISTA" farmacista.

    che ne pensate?

    Circolare in data 09 dicembre 1981, n. 249 Istituto Nazionale Previdenza Sociale.

    Gestione speciale per gli esercenti attività commerciali - Iscrivibilità negli elenchi di alcune categorie.


    2. Farmacisti e coadiutori preposti del farmacista.
    In merito all'iscrizione dei farmacisti in possesso di autorizzazione amministrativa per la vendita dei prodotti parafarmaceutici, la Commissione ha confermato che tali soggetti non sono iscrivibili negli elenchi in quanto l'attività commerciale svolta è da ritenersi comunque secondaria rispetto a quella farmaceutica, che caratterizza professionalmente il farmacista (v. anche circolare 1595 C.V. del 3 gennaio 1978, punto 6, in "Atti ufficiali", 1978, pag. 52).
    In conseguenza della non iscrivibilità del titolare dell'autorizzazione amministrativa, anche l'eventuale coadiutore, preposto alla vendita dei prodotti in questione, non ha titolo all'iscrizione negli elenchi.

  5. #5
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Contabile Visualizza Messaggio
    Ma questa circolare non ha più efficacia? Vedasi art. 2 o vale solo per il parafarmaceutico?
    Inoltre ritengo che il FARMACISTA sia un "PROFESSIONISTA" della salute e non un "COMMERCIANTE" della stessa; tale sottolineatura mi fa propendere che l'attività "commerciale" svolta nelle farmacie sia di supporto e, quindi non principale ma accessoria, al beneficio che il paziente trae nel rivolgersi a dette strutture e di conseguenza al "PROFESSIONISTA" farmacista.
    che ne pensate?
    Circolare in data 09 dicembre 1981, n. 249 Istituto Nazionale Previdenza Sociale.
    Gestione speciale per gli esercenti attività commerciali - Iscrivibilità negli elenchi di alcune categorie.
    2. Farmacisti e coadiutori preposti del farmacista.
    In merito all'iscrizione dei farmacisti in possesso di autorizzazione amministrativa per la vendita dei prodotti parafarmaceutici, la Commissione ha confermato che tali soggetti non sono iscrivibili negli elenchi in quanto l'attività commerciale svolta è da ritenersi comunque secondaria rispetto a quella farmaceutica, che caratterizza professionalmente il farmacista (v. anche circolare 1595 C.V. del 3 gennaio 1978, punto 6, in "Atti ufficiali", 1978, pag. 52).
    In conseguenza della non iscrivibilità del titolare dell'autorizzazione amministrativa, anche l'eventuale coadiutore, preposto alla vendita dei prodotti in questione, non ha titolo all'iscrizione negli elenchi.
    Dopo qualche ricerca, ho potuto accertare che l'inps ha modificato dal 1998 la propria opinione del 1981 in seguito all'entrata in vigore del d.lgs. 31.3.1998 n.114 ed oggi lo stesso istituto ritiene che, mentre i titolari vanno iscritti come non attivi, i collaboratori familiari vanno invece obbligatoriamente iscritti alla gestione ivs (circolare 7.6.2006 n.78 e circolare 26.4.2004 n.70).
    Sull'argomento sono sorte numerose contestazioni giudiziarie ed alcuni Tribunali (Arezzo e Verbania, come ricordato da Tetanino) hanno dato ragione al farmacista ricorrente mentre molti altri Tribunali hanno dato ragione all'inps.
    Quindi, se si opta per la non iscrizione, occorre mettere in conto un possibile accertamento da parte dell'inps.
    Ultima modifica di Speedy; 22-11-07 alle 04:39 PM

  6. #6
    Contabile è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,899

    Predefinito

    Volevo segnalare una nuova "visione" da parte dell'INPS sui farmacisti

    INPS circolare n. 12 del 1/2/2008
    “Commercialista Telematico. Né SKY, né RAI. Abbonarsi conviene. ”.

    Lavora facile con qualità e risparmio. Lavora CONTABILE TELEMATICO

Discussioni Simili

  1. Farmacista notturno
    Di andrea72s nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-12-11, 04:03 PM
  2. farmacista collaboratrice e maternita'
    Di ROSANNA nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-12-11, 05:37 PM
  3. Farmacista
    Di ivan nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-09-10, 05:40 PM
  4. Ferie farmacista
    Di ROSANNA nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-01-10, 04:15 PM
  5. farmacista collaboratore
    Di ROSANNA nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 13-11-08, 11:43 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15