Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Disoccupazione ordinaria e apprendistato trasformato in tempo indeterminato

  1. #1
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    709

    Predefinito Disoccupazione ordinaria e apprendistato trasformato in tempo indeterminato

    1) Lavoratore assunto in data 04/04/2006 con contratto di apprendistato della durata di 42 mesi secondo il relativo CCNL.

    2) Rapporto di lavoro trasformato in contratto a tempo indeterminato in data 01/10/2009.

    3) Licenziamento per riduzione del personale in data 24/12/2010.

    4) Reiezione domanda disoccupazione ordinaria, in quanto alla data di cessazione del rapporto di lavoro di cui al punto n. 3, il lavoratore non può far valere almeno due anni di assicurazione per la disoccupazione, risultando questa iniziata il 01/10/2009.

    Mi sembra strano, in quanto l'INPS con la circolare del 3 Dicembre 1991 n. 274 ha stabilito che il trattamento ordinario della disoccupazione (o disoccupazione involontaria), derivante dalla perdita involontaria dello stato di occupazione, è erogabile agli ex-apprendisti il cui rapporto di lavoro sia stato trasformato in rapporto a tempo indeterminato.

    In particolare, poiché l'art. 21 della Legge 28 Febbraio 1987 n. 56, stabilisce che il datore di lavoro che trasformi il rapporto di apprendistato in rapporto di lavoro a tempo indeterminato continui a versare la contribuzione nella misura prevista per gli apprendisti e per la durata di un anno a decorrere dalla data della trasformazione del rapporto, l'INPS ha previsto che in caso di rapporto di lavoro a tempo indeterminato (quando la contribuzione pari a quella dell'apprendistato non copre l'assicurazione contro la disoccupazione involontaria) anche tale periodo sia valutato ai fini dell'erogazione dell'indennità di disoccupazione.

    Cito testualmente dalla predetta circolare: "Omissis... è stato altresì stabilito che ai fini della maturazione dei requisiti di assicurazione e di contribuzione richiesti per fruire delle prestazioni di disoccupazione, i periodi di effettiva attività lavorativa, svolta negli archi temporali di cui ai citati artt. 21 e 22 (della Legge n. 56/87, NDMrDike), devono equipararsi a periodi coperti da contribuzione contro la disoccupazione involontaria".

  2. #2
    Studium è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    818

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MrDike Visualizza Messaggio
    1) Lavoratore assunto in data 04/04/2006 con contratto di apprendistato della durata di 42 mesi secondo il relativo CCNL.

    2) Rapporto di lavoro trasformato in contratto a tempo indeterminato in data 01/10/2009.

    3) Licenziamento per riduzione del personale in data 24/12/2010.

    4) Reiezione domanda disoccupazione ordinaria, in quanto alla data di cessazione del rapporto di lavoro di cui al punto n. 3, il lavoratore non può far valere almeno due anni di assicurazione per la disoccupazione, risultando questa iniziata il 01/10/2009.

    Mi sembra strano, in quanto l'INPS con la circolare del 3 Dicembre 1991 n. 274 ha stabilito che il trattamento ordinario della disoccupazione (o disoccupazione involontaria), derivante dalla perdita involontaria dello stato di occupazione, è erogabile agli ex-apprendisti il cui rapporto di lavoro sia stato trasformato in rapporto a tempo indeterminato.

    In particolare, poiché l'art. 21 della Legge 28 Febbraio 1987 n. 56, stabilisce che il datore di lavoro che trasformi il rapporto di apprendistato in rapporto di lavoro a tempo indeterminato continui a versare la contribuzione nella misura prevista per gli apprendisti e per la durata di un anno a decorrere dalla data della trasformazione del rapporto, l'INPS ha previsto che in caso di rapporto di lavoro a tempo indeterminato (quando la contribuzione pari a quella dell'apprendistato non copre l'assicurazione contro la disoccupazione involontaria) anche tale periodo sia valutato ai fini dell'erogazione dell'indennità di disoccupazione.

    Cito testualmente dalla predetta circolare: "Omissis... è stato altresì stabilito che ai fini della maturazione dei requisiti di assicurazione e di contribuzione richiesti per fruire delle prestazioni di disoccupazione, i periodi di effettiva attività lavorativa, svolta negli archi temporali di cui ai citati artt. 21 e 22 (della Legge n. 56/87, NDMrDike), devono equipararsi a periodi coperti da contribuzione contro la disoccupazione involontaria".
    Il senso di quella circolare è che il periodo di un anno successivo alla trasformazione del rapporto in tempo indeterminato, pur versando il datore la contribuzione ridotta prevista per gli apprendisti (ex L. 56/87), è valido ai fini della maturazione del diritto alla indennità di disoccupazione (è garantito, cioè, il versamento del contributo per la disoccupazione, pur non essendo materialmente effettuato). Ne resta invece escluso, sempre e comunque, il precedente periodo di apprendistato.

    Nel tuo caso, dunque, posso arguire ipotizzando che tu non abbia mai lavorato prima dell'apprendistato (giusto?), andando indietro di due anni dal licenziamento, dovresti avere un contributo per la disoccupazione versato due anni prima, cioè prima del 24/12/2008. E così non è, essendo tu all'epoca apprendista (e non apprendista trasformato).

    Ciao

  3. #3
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    709

    Predefinito

    Grazie, Studium... in effetti, anch'io inizialmente l'avevo intesa così, anche se il tenore letterale del testo citato nella circolare sembra voglia considerare l'intero "arco temporale", soprattutto quando rinvia all'art. 21 della Legge n. 56/87, il cui comma 2 stabilisce altresì la durata massima dell'apprendistato.

    Ciò posto, l'art. 5, comma 5, del Decreto interministeriale del 19/05/2009 n. 46441 e il messaggio INPS del 29/07/2009 n. 17114 hanno precisato che per accedere alla prestazione in argomento, ai fini della maturazione dei requisiti assicurativi e contributivi, sono utili, a titolo di contribuzione figurativa, anche i periodi di lavoro di apprendistato, nel particolare caso in cui l'apprendista trasformi il rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

    Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, sentito in merito, ha "concordato sull'applicabilità delle lett. a) e b) del comma 1, dell’art. 19 del D.L. n. 185/2008, ai lavoratori apprendisti il cui rapporto sia stato trasformato in tempo indeterminato".

    Pertanto, l'apprendista che trasformi il rapporto di lavoro in tempo indeterminato può accedere ai trattamenti di sospensione previsti dalle citate lettere a) e b) dell'art. 19, qualora il biennio assicurativo e le 52 settimane contributive o, in alternativa, le 78 giornate lavorative, siano coperte da contribuzione figurativa derivante da periodi di apprendistato.

    Vedi altresì le modifiche introdotte al decreto-legge 29 Novembre 2008 n. 185 (convertito, con modificazioni, dalla Legge 28 Gennaio 2009 n. 2) dal comma 9 dell'art. 7-ter della Legge 9 Aprile 2009 n. 33 di conversione del D.L. 10 Febbraio 2009 n. 5.
    Ultima modifica di MrDike; 28-03-11 alle 11:10 PM

  4. #4
    61842 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    658

    Predefinito

    @MrDike...
    sono meravigliato dalla conoscenza così precisa della normativa...che invidia, complimenti

  5. #5
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    709

    Predefinito

    Grazie 61842... tuttavia, riesaminando nuovamente l'intera questione, sembra che le agevolazioni previste dalle lett. a) e b) del comma 1 dell'art. 19 del D.L. n. 29 Novembre 2008 n. 185, convertito, con modificazioni, dalla Legge 29 Gennaio 2009 n. 2, spettino sì ai lavoratori apprendisti il cui rapporto sia stato trasformato in tempo indeterminato, ma che siano al contempo stati sospesi per crisi aziendali o occupazionali, non includendo, la norma de qua, ipotesi di licenziamento o altro.

    Tale ultima ipotesi (licenziamento) è contemplata dalla lett. c) del comma 1 del citato art. 19 (il trattamento può essere concesso per la durata massima di 90 giornate, sempre che lo stesso risulti disoccupato per l'intero periodo - Circolare INPS del 6 Marzo 2009 n. 39), ma il Ministero del Lavoro non si è espresso in merito al caso di lavoratori apprendisti il cui rapporto sia stato trasformato in tempo indeterminato, non assimilando il caso specifico alla normativa "anti-crisi".

    Al riguardo, però, i commi 1-bis, 1-ter ed 8 dello stesso art. 19 hanno previsto rispettivamente che:

    • nelle ipotesi in cui manchi l'intervento integrativo degli Enti Bilaterali, i periodi di tutela di cui al comma 1 si considerano esauriti ed i lavoratori accedono direttamente ai trattamenti in deroga alla normativa vigente;
    • in via transitoria e per il solo biennio 2009-2010, è garantito ai lavoratori beneficiari delle misure di cui al comma 1, lettera c), un trattamento equivalente agli ammortizzatori sociali in deroga, pari all'80% della retribuzione di riferimento;
    • le risorse finanziarie destinate agli ammortizzatori sociali in deroga possono essere utilizzate con riferimento a tutte le tipologie di lavoro subordinato, compresi i contratti di apprendistato.


    Ad esempio, nel caso in cui manchi l'intervento integrativo dell'Ente bilaterale, l'apprendista licenziato può accedere al trattamento di mobilità in deroga per la durata massima prevista dal decreto di concessione. Per il riconoscimento di tale beneficio, dovranno essere ricercati esclusivamente i requisiti richiamati dall'art. 7-ter, comma 6, del D.L. n. 5/2009, convertito con modificazioni dalla Legge n. 33/2009: anzianità aziendale di almeno dodici mesi, di cui almeno sei di lavoro effettivamente prestato (art. 16, comma 1, della Legge n. 23 Luglio 1991 n. 223).
    Ultima modifica di MrDike; 29-03-11 alle 01:15 PM

  6. #6
    smash è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    3

    Predefinito

    Ciao MrDike e Studium vi disturbo perchè sono in una situazione molto simile a quello descritto in questo post:
    http://forum.commercialistatelematic...terminato.html

    Riassumendo io sono stato apprendista fino al 31 marzo 2010 [contratto partito il 6 giugno 2008] con un'azienda.
    Dal 1 aprile 2010 fino al 30 giugno 2011 ho avuto un contratto indeterminato con un'altra azienda.

    il 30 giugno 2011 è stato il mio ultimo giorno di lavoro.

    Ho fatto richiesta di disoccupazione ordinaria il 1 luglio 2011 che mi è stata rifiutata [e la raccomandata non l'ho ancora ricevuta, per fortuna esiste il web mannaggia] il 14 luglio 2011 perchè per loro ci sono 0000 contributi... [cosa impossibile]

    Ma che casino stanno facendo...

    Il patronato dice che forse è colpa dell'apprendistato ma a me non quadra?

    Potete aiutarmi o spiegarmi meglio?

    Grazie mille!

  7. #7
    smash è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    3

    Predefinito

    Nel mentre mi sto cmq documentando ed ho trovato questo articolo.

    Disoccupazione ordinaria ex apprendisti. Diritto. | Flaica


    PS: aggiorno il post se trovo altri link utili

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-01-12, 07:32 AM
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 15-02-11, 01:02 PM
  3. Contratto a progetto trasformato a tempo indeterminato
    Di Sonietta nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 01-02-11, 04:11 PM
  4. Trasformazione del contratto di apprendistato a tempo indeterminato
    Di themoon nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-11-10, 09:52 AM
  5. lavoro tempo determinato trasformato in indeterminato
    Di tiz_tiz nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-12-08, 01:48 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15