Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Malatti commercio

  1. #1
    Claire75 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    22

    Predefinito Malatti commercio

    Buongiorno a tutti, vorrei sottoporvi il seguente caso, che come da titolo riguarda la gestione della malattia nel settore del commercio, sulla quale mi sto arrovellando e che mi ha fatto sorgere non pochi dubbi.
    Un dipendente di un'azienda che applica il ccnl commercio a luglio presenta un certificato medico per patologia tumorale, la malattia prosegue fino a fine anno, senza pero' raggiungere i 180 giorni e con un breve rientro del dipendente in azienda, che determina pertanto la corresponsione di emolumenti oltre l'indennità di malattia.
    In gennaio il lavoratore presenta un altro certificato medico, sempre per la stessa patologia (ovviamente il datore di lavoro la conosce, vista la gravità) che pero' riporta la dicitura "inizio".
    Lo studio che segue l'azienda elabora la busta paga di gennaio con la sola indennità Inps, ripartendo con la corresponsione del 50% per i primi 20 giorni e del 66,66 per i successivi, ma senza nessuna integrazione da parte dell'azienda poichè ritiene che avendo superato i 180 giorni (poi a gennaio effettivamente, considerando anche il 2011, vengono raggiunti) il datore di lavoro non debba integrare niente e potrebbe già licenziare il dipendente per superamento periodo di comporto.
    Il ccnl parla di 180 giorni di malattia nel'anno solare e prevede le integrazioni(tra l'altro da marzo 2011 sono state previste delle novità per evitare eventuali abusi) senza specificare se si parla di giorni di calendario (così come intende l'Inps) o meno.
    Pertanto vi chiederei cosa ne pensate, ritenete corretto il comportamento dello studio o come me avete dubbi sul fatto che questi 180 giorni dal primo gennaio ripartono, considerando tra l'altro che il nuovo certificato è un "inizio" e che dovrebbe essere riconosciuta l'integrazione?
    C'è da riconoscere che una sentenza della corte di Cassazione del 2003 aveva previsto che laddove il ccnl parla di anno solare si intende un anno a partire dalla data di inizio della malattia.
    Attendo lumi e vi ringrazio anticipatamente.
    Ultima modifica di Claire75; 08-03-12 alle 08:41 AM

  2. #2
    sannacesco è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1,107

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Claire75 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti, vorrei sottoporvi il seguente caso, che come da titolo riguarda la gestione della malattia nel settore del commercio, sulla quale mi sto arrovellando e che mi ha fatto sorgere non pochi dubbi.
    Un dipendente di un'azienda che applica il ccnl commercio a luglio presenta un certificato medico per patologia tumorale, la malattia prosegue fino a fine anno, senza pero' raggiungere i 180 giorni e con un breve rientro del dipendente in azienda, che determina pertanto la corresponsione di emolumenti oltre l'indennità di malattia.
    In gennaio il lavoratore presenta un altro certificato medico, sempre per la stessa patologia (ovviamente il datore di lavoro la conosce, vista la gravità) che pero' riporta la dicitura "inizio".
    Lo studio che segue l'azienda elabora la busta paga di gennaio con la sola indennità Inps, ripartendo con la corresponsione del 50% per i primi 20 giorni e del 66,66 per i successivi, ma senza nessuna integrazione da parte dell'azienda poichè ritiene che avendo superato i 180 giorni (poi a gennaio effettivamente, considerando anche il 2011, vengono raggiunti) il datore di lavoro non debba integrare niente e potrebbe già licenziare il dipendente per superamento periodo di comporto.
    Il ccnl parla di 180 giorni di malattia nel'anno solare e prevede le integrazioni(tra l'altro da marzo 2011 sono state previste delle novità per evitare eventuali abusi) senza specificare se si parla di giorni di calendario (così come intende l'Inps) o meno.
    Pertanto vi chiederei cosa ne pensate, ritenete corretto il comportamento dello studio o come me avete dubbi sul fatto che questi 180 giorni dal primo gennaio ripartono, considerando tra l'altro che il nuovo certificato è un "inizio" e che dovrebbe essere riconosciuta l'integrazione?
    C'è da riconoscere che una sentenza della corte di Cassazione del 2003 aveva previsto che laddove il ccnl parla di anno solare si intende un anno a partire dalla data di inizio della malattia.
    Attendo lumi e vi ringrazio anticipatamente.
    Per quanto ricordi, il periodo di comporto deve essere calcolato per anno solare, quindi dal primo gennaio il calcolo riparte da zero.
    I giorni sono di caledario perchè la malattia non si sospende la domenica e riparte il lunedì.
    è semplice: il plurale di busta paga è BUSTE PAGA, non buste paghe!!!

  3. #3
    Claire75 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sannacesco Visualizza Messaggio
    Per quanto ricordi, il periodo di comporto deve essere calcolato per anno solare, quindi dal primo gennaio il calcolo riparte da zero.
    I giorni sono di caledario perchè la malattia non si sospende la domenica e riparte il lunedì.
    Nel frattempo ho fatto un po' di ricerche, sembrerebbe invece il contrario, ovviamente per la parte a carico del DL.
    Sui giorni di calendario(cioè dal lun alla domenica) non v'è dubbio.
    Grazie per la tua risposta.

  4. #4
    EDG
    EDG è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Claire75 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti, vorrei sottoporvi il seguente caso, che come da titolo riguarda la gestione della malattia nel settore del commercio, sulla quale mi sto arrovellando e che mi ha fatto sorgere non pochi dubbi.
    Un dipendente di un'azienda che applica il ccnl commercio a luglio presenta un certificato medico per patologia tumorale, la malattia prosegue fino a fine anno, senza pero' raggiungere i 180 giorni e con un breve rientro del dipendente in azienda, che determina pertanto la corresponsione di emolumenti oltre l'indennità di malattia.
    In gennaio il lavoratore presenta un altro certificato medico, sempre per la stessa patologia (ovviamente il datore di lavoro la conosce, vista la gravità) che pero' riporta la dicitura "inizio".
    Lo studio che segue l'azienda elabora la busta paga di gennaio con la sola indennità Inps, ripartendo con la corresponsione del 50% per i primi 20 giorni e del 66,66 per i successivi, ma senza nessuna integrazione da parte dell'azienda poichè ritiene che avendo superato i 180 giorni (poi a gennaio effettivamente, considerando anche il 2011, vengono raggiunti) il datore di lavoro non debba integrare niente e potrebbe già licenziare il dipendente per superamento periodo di comporto.
    Il ccnl parla di 180 giorni di malattia nel'anno solare e prevede le integrazioni(tra l'altro da marzo 2011 sono state previste delle novità per evitare eventuali abusi) senza specificare se si parla di giorni di calendario (così come intende l'Inps) o meno.
    Pertanto vi chiederei cosa ne pensate, ritenete corretto il comportamento dello studio o come me avete dubbi sul fatto che questi 180 giorni dal primo gennaio ripartono, considerando tra l'altro che il nuovo certificato è un "inizio" e che dovrebbe essere riconosciuta l'integrazione?
    C'è da riconoscere che una sentenza della corte di Cassazione del 2003 aveva previsto che laddove il ccnl parla di anno solare si intende un anno a partire dalla data di inizio della malattia.
    Attendo lumi e vi ringrazio anticipatamente.
    La cosa davvero importante è capire di quale CCNL per il commercio stiamo parlando e quali sono i sindacati che lo hanno sottoscritto; questa informazione te la può dare il consulente della ditta. Una volta individuato l'esatto CCNL applicato, bisogna vedere cosa dice, perchè nel computo dei giorni di malattia per uno stesso evento morboso si può tenere conto solo di quelli nell'anno solare, oppure tutto il periodo nel suo complesso (c.d. malattia a cavaliere).

Discussioni Simili

  1. Commercio
    Di klady nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-03-11, 05:20 PM
  2. Malattia e continuazione malatti e calcolo carenza
    Di fabioopel nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 03-05-10, 11:19 AM
  3. Agente di commercio e commercio
    Di studiodefino nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-07-09, 09:05 AM
  4. Indennità di malatti contratto artig/metalm
    Di galileo nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-11-08, 04:24 PM
  5. commercio su e-bay
    Di alessio72 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-09-08, 12:22 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15