Un'azienda (industria edile) in cassa integrazione in deroga è sottoposta a concordato preventivo; ora il liquidatore mi chiede se il TFR maturato durante la CIGD possa venire pagato, a fine rapporto, dall'INPS; gli ho risposto di no, perché per l'INPS la CIGD ha valore "neutro" e quindi è sempre a carico del datore.

Ora però mi viene un dubbio: io personalmente non so se la ditta riuscirà o meno a pagare i TFR dovuti, ma nel frattempo posso fare domanda all'INPS per il fondo di garanzia dato il concordato preventivo a cui è sottoposta l'azienda?

Si può fare, oppure la ditta deve proprio dirmi che non riuscirà a pagare i TFR e quindi solo in quel caso farò domanda? A leggere le circolari mi sembra più corretta questa opzione, ma attendo pareri.


Grazie a tutti.