NEL 2010 gli ispettori effettuano una verifica in una sas, successivamente a distanza di anni arriva l'avviso bonario per mancato pagamento del verbale. Essendo sas l’azienda intimorita comincia a pagare con rateizzazione e fa ricorso.
Da ricerche fatte si scopre che l'istituto ha fatto notifica presso un indirizzo errato. Il numero civico era 128 l’inps scrive 28 sul plico. I servizi postali tentano due volte li e non trova giustamente nessuno. Passa la giacenza e torna all’istituto il tutto.
Ora gli elementi in possesso sono, la cartolina che indica 2 tentate notifiche all'indirizzo sbagliato, e restituita per compiuta giacenza all'inps.
Presso gli archivi inps l'indirizzo del legale rappresentante è quello giusto.
Ora l'inps era obbligata visto che è una sas gia' nel 2010 a notificare il verbale sia al legale rappresentante che alla società? Se si, quale normativa lo prevedeva?
Sulle copie dell'accertamento fu apposto il timbro dell'azienda dove indica in modo ben visibile i due indirizzi, sede operativa e sede legale.