Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Incentivi 407/90, l'INPS chiede indietro i soldi...

  1. #1
    butred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    33

    Predefinito Incentivi 407/90, l'INPS chiede indietro i soldi...

    Salve a tutti, vi scrivo in quanto l'INPS con messaggio generato automaticamente mi comunica quanto segue:

    A seguito di accertamento l'incentivo non spetta in quanto l'assunzione
    costituisce attuazione un obbligo presistente. Art. 4 comma 12, lettera a legge
    92/2012.
    La ditta è invitata, pertanto, a regolarizzare il periodo pregresso entro 30gg,
    dandone comunicazione allo scrivente ufficio.
    Il lavoratore assunto per una stagione estiva, dopo una ventina di giorni dal termine del contratto l'azienda mi comunica di volerlo assumere a tempo indeterminato. Il Centro per l'Impiego certifica che ha i requisiti di cui alla 407/90 e io procedo con l'assunzione agevolata. Comunico il tutto regolarmente all'INPS il quale mi assegna il codice 5N. Ora a distanza di oltre 6 mesi ci ripensa e mi chiede indietro i soldi!!

    Secondo voi è normale? Cosa fareste al mio posto?

    Grazie a tutti!

  2. #2
    freddis è offline Member
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    295

    Predefinito

    qualche tempo fa l'inps ha fatto questa circolare
    Circolare numero 137 del 12-12-2012
    leggi un pò il tutto e confronta la tua situazione con i casi di esclusione così da fare un eventuale ricorso

  3. #3
    butred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    33

    Predefinito

    Grazie freddis, la circolare la conosco, il mio problema è però capire perchè l'INPS consideri la seconda assunzione, a tempo indeterminato, come "attuazione un obbligo presistente".

    L'idea che mi sono fatto è che qualunque azienda abbia lavoratori a termine non possa usufruire di agevolazioni di cui alla 407/90 se non sono passati almeno 12 mesi dalla scadenza dell'ultimo contratto a termine, periodo dopo il quale si esaurisce secondo detta circolare il "diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato in favore dell’ ex-dipendente a tempo determinato".

    Se così fosse rimarrebbero davvero poche aziende a poter usufruire di questa agevolazione... togliamo poi gli incentivi per la mini-mobilità... Dio mio che confusione!

  4. #4
    Liuis è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    232

    Predefinito

    Mi sa che hanno, o ha interpretato male la situazione, vai direttamente all'istituto con questa nota che ti hanno inviato. Anche perchè non puoi usufruire della 407/90 in caso in cui assumi al posto di un dipendente appena licenziato con stessa qualifica livello ecc...ecc... per un periodo di 6 mesi. E non se un contratto scade naturalmente.

  5. #5
    tyler è offline Member
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    154

    Predefinito

    Il lavoratore a termine aveva un contratto di che durata?

  6. #6
    butred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    33

    Predefinito

    Ciao Tyler, credo che sia proprio li il problema, il lavoratore era assunto a termine per circa 7 mesi. Quindi la 92/2012 dice che in questo caso l'azienda non può assumere nessuno con gli incentivi se non dopo 12 mesi... in quanto avrebbe in ogni caso dovuto assumere quella persona per il diritto di precedenza.

    al lavoratore che abbia prestato attività lavorativa per un periodo di tempo superiore a sei mesi è riconosciuto il diritto di precedenza qualora il datore di lavoro proceda ad effettuate nuove assunzioni a tempo indeterminato entro i successivi dodici mesi con riferimento alle mansioni già espletate.
    Forse però potrei trovare una scappatoia in quanto lo stesso lavoratore è stato assunto per i primi 3 mesi con contratto a chiamata e per altri 4 mesi con contratto a termine.

    Voi cosa ne pensate?

  7. #7
    tyler è offline Member
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    154

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da butred Visualizza Messaggio
    Forse però potrei trovare una scappatoia in quanto lo stesso lavoratore è stato assunto per i primi 3 mesi con contratto a chiamata e per altri 4 mesi con contratto a termine.

    Voi cosa ne pensate?
    Anche se il contratto era a chiamata si cumula lo stesso, quindi non penso ci siano scappatoie

  8. #8
    butred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    33

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da tyler Visualizza Messaggio
    Anche se il contratto era a chiamata si cumula lo stesso, quindi non penso ci siano scappatoie
    Grazie per la cortese risposta, ma non mi convince molto. Non trovo nessun nesso tra i due contratti visto che il Ministero del Lavoro ha più volte affermato che non c'entrano niente l'uno con l'altro. In ogni caso ritengo che al massimo potrebbero rientrare nel computo dei 6 mesi le giornate effettivamente lavorate...

    Vedasi interpello n. 72/2009 e circ. n. 4/2005 del Ministero del Lavoro... ovviamente so bene che non devo convincere te

  9. #9
    butred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    33

    Predefinito

    Ciao a tutti, come promesso vi aggiorno sulla situazione, che potrebbe interessare anche altre persone.

    Ho appena chiuso la pratica con l'INPS, alla fine ho avuto ragione e mi hanno ripristinato il codice 5N. Come detto prima il contratto a tempo determinato intermittente non può essere in alcun modo ricondotto a quello a termine disciplinato dal Decreto 368/2001 e successive modifiche.

    Quindi i due periodi anche se in successione e con medesime qualifiche non possono essere sommati, neanche in parte. Di conseguenza il diritto di precedenza maturato non supera più i 6 mesi ma si ferma al solo contratto a termine.

    Grazie a tutti e a presto!

  10. #10
    tyler è offline Member
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    154

    Smile

    Citazione Originariamente Scritto da butred Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti, come promesso vi aggiorno sulla situazione, che potrebbe interessare anche altre persone.

    Ho appena chiuso la pratica con l'INPS, alla fine ho avuto ragione e mi hanno ripristinato il codice 5N. Come detto prima il contratto a tempo determinato intermittente non può essere in alcun modo ricondotto a quello a termine disciplinato dal Decreto 368/2001 e successive modifiche.

    Quindi i due periodi anche se in successione e con medesime qualifiche non possono essere sommati, neanche in parte. Di conseguenza il diritto di precedenza maturato non supera più i 6 mesi ma si ferma al solo contratto a termine.

    Grazie a tutti e a presto!
    Ok
    Non riuscivo a trovare un'esclusione specifica per l'intermittente che esiste per altre formule contrattuali (apprendistato,inserimento, tempo indetermin.) su questo diritto di precedenza
    Buon per te

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-10-12, 12:29 PM
  2. Errore in busta paga...rivogliono i soldi indietro!
    Di firefox1986 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-06-12, 05:09 PM
  3. Errore in busta paga...rivogliono i soldi indietro!
    Di firefox1986 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-06-12, 01:07 PM
  4. Posso tornare indietro per la scelta del TFR?
    Di Cargoair nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 16-03-12, 07:17 PM
  5. Errori 740: quanti anni indietro si può richiedere rimborso?
    Di ubix nel forum Contenzioso tributario
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-10-09, 04:35 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15