Risultati da 1 a 3 di 3
Like Tree2Likes
  • 1 Post By ecocoar
  • 1 Post By giovane_collaboratore

Discussione: contratto part-time, lavoro full time !?

  1. #1
    ecocoar è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    7

    Predefinito contratto part-time, lavoro full time !?

    Ciao a tutti,
    lavoro con contratto a tempo indeterminato part-time in una piccola azienda (con meno di 15 dipendenti). Il contratto è della conf-artigianato \ commercio.

    Da un pò di tempo, per motivi secondo me economici, il titolare ha obbligato me e l'altra impiegata a passare al part-time come contratto eppure stiamo lavorando full-time.

    1) La differenza di stipendio ci viene versata sempre in busta ma come rimborso spese. Ma su quello non maturiamo contributi ne ferie, giusto!?

    2) Che rischi si corrono!? Per noi \ per lui?

    3)Cosa si può fare per tornare in regola senza perdere il proprio lavoro!?


    Suggerimenti o idee?!

    Grazie!
    Susan.217 likes this.

  2. #2
    giovane_collaboratore è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    367

    Predefinito

    1) niente contributi e le ferie maturano in proporzione all'orario
    2) se qualcuno si accorge (a mio avviso solo se i dipendenti denunciano la cosa) il datore di lavoro dovrà riversare i contributi ed il lavoratore le imposte
    3) questa è evasione quindi bisognerebbe cercare di riportare tutto in regola.... una denuncia sistemerebbe tutto e sarebbe la cosa eticamente più giusta.... capisco che poi significherebbe dire addio al lavoro poichè in qualche modo il datore di lavoro vi manderebbe via....... alternative non mi vengono in mente.... parlare con il datore di lavoro, organizzarsi diversamente per cercare di ridurre le ore di lavoro così da avvicinarsi all'orario scritto in busta paga....
    Susan.217 likes this.

  3. #3
    Susan.217 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    24

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecocoar Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti,
    lavoro con contratto a tempo indeterminato part-time in una piccola azienda (con meno di 15 dipendenti). Il contratto è della conf-artigianato \ commercio.

    Da un pò di tempo, per motivi secondo me economici, il titolare ha obbligato me e l'altra impiegata a passare al part-time come contratto eppure stiamo lavorando full-time.

    1) La differenza di stipendio ci viene versata sempre in busta ma come rimborso spese. Ma su quello non maturiamo contributi ne ferie, giusto!?

    2) Che rischi si corrono!? Per noi \ per lui?

    3)Cosa si può fare per tornare in regola senza perdere il proprio lavoro!?


    Suggerimenti o idee?!

    Grazie!
    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Ciao .

    Purtroppo , secondo me , non c'è molto da fare se vuoi tenerti il lavoro.
    Te lo dice una che ha subìto e purtroppo continua a subìre in silenzio pur di lavorare...

    Se ti può consolare, ti posso dire che la mia situazione è di gran lunga peggiore della tua.

    Lavoro in questa azienda ormai da 12 anni (segretaria) settore commercio/terziario 5° livello.
    Dal 2003 fino al 2011 ho lavorato con contratto full time, con la differenza che il mio titolare ha sempre preteso che io lavorassi 9 ore al giorno da lunedì al venerdì , più il sabato altre 5 ore. Per un totale di 50 ore settimanali. Per uno stipendio (se così si può chiamare) di € 600,00 mensili. Avendo chiaramente bisogno di lavorare, mi sono trovata a dovure accettare queste condizioni.
    Fin dall'inizio le irregolarità erano molteplici: dalle ore in più che pretendeva che facessi (10 ore in più), alla restituzione in contanti di una parte dello stipendio pagatomi con assegno, affinchè non risultassero differenze (in caso di controlli) tra importo busta paga e pagamento con assegno. Tutto questo ovviamente perchè le buste paga full time che io firmavo erano nettamente superiori all'importo da me percepito, anche oltre i mille euro in busta. Per cui mi davano un assegno pari all'importo della busta paga (che talvolta è stato superiore anche ai 1000 euro). Poi dovevo andare a scambiare l'assegno in banca e , togliendo l'importo di euro 600 pari al mio stipendio, tutto il resto dovevo restituirlo all'azienda in contanti.
    Una cosa assurda.
    Mi sono lamentata e ho litigato più volte con il titolare per questa situazione , come per tante altre irregolarità , ma soprattutto per il fatto che fossi costretta (sotto minaccia di licenziamento) a dovere firmare delle buste paga superiori al mio effettivo salario, scambiare assegni a mio nome pari alle buste paga (superiori alla mia paga effettiva) e dovere poi restituire parte di quei soldi all'azienda. Ma le risposte che ho ricevuto (anche molto sgarbate e minacciose) sono sempre state le stesse:
    "Se non ti sta bene , puoi anche andartene....!!! "

    Tuttavia, per assurdo, finchè le cose erano così (pur sapendo che era sbagliato), cercavo di non lamentarmi per evitare di lavorare sempre con questo malcontento.

    Finchè nel 2012 il titolare decide di passarmi da full time a part time orizzontale (50%) cioè 20 ore settimanali distribuite in 4 ore al giorno dal lunedì al venerdì. Sabato non lavorativo.
    Tutto questo per pagare in misura ridotta i miei contributi.
    Il contratto part time ovviamente prevede anche una riduzione di stipendio in busta paga. Anche se ti devo dire che c'è una piccolissima differenza tra quello che percepisco realmente (600,00 euro) e quello che generalmente risulta in busta paga part time (circa 550,00). E' chiaro che a me converrebbe attenermi al contratto part time. Ma purtroppo non posso.
    Ho le mani legate perchè lui mi licenzierebbe o farebbe di tutto x farmi andare via. Già qualche volta ha tentato di farlo screditandomi, attribuendomi responsabilità non mie, accusandomi di cose non vere e tante altre cose....

    Quando è avvenuta la trasformazione da contratto full time a contratto part time, lui mi disse testualmente:
    "Anche se il contratto part time prevede 4 ore al giorno x 5 giorni alla settimana , tu , se vuoi restare qui, dovrai continuare a lavorare per 9 ore al giorno per 5 giorni + altre 5 ore il sabato. Esattamente come prima. L'unica cosa che cambia è che l'eventuale integrazione sul mio stipendio mi sarà dato fuori busta , cioè in contanti".
    Ma il problema non è tanto questo....

    Adesso è subentrata un'altra novità.
    Il mio contratto part time non prevede il sabato come giorno lavorativo.
    Lui invece fino a pochi mesi fa mi faceva lavorare anche il sabato per 5 ore.

    Da gennaio 2014 invece ha cambiato idea.
    Ha deciso che i sabati l'azienda resterà chiusa. Pertanto adesso il sabato io non lavoro più....
    Inizialmente ero contenta, ma poi, controllando le buste paga part time, mi sono accorta che il titolare mi toglieva tutti i sabati del mese marcandomeli come ferie godute.
    Ho fatto un rapido conto ed il risultato è stato che nelle buste paga di gennaio e febbraio 2014 mi sono già stati tolti 10 giorni di ferie. Premetto che x me lavorare anche il sabato non ha mai rappresentato un problema. Il problema semmai adesso è rappresentato dal fatto che io pur volendo andare a lavoro di sabato, troverei l'azienda chiusa.
    E quindi , cosa fare ? come mi devo comportare....???

    La cosa che però vorrei capire è questa :

    Se tutti i contratti di lavoro prevedono per i lavoratori un numero di ferie di circa 26 giorni nell'arco dell'anno ed il mio titolare mi sta togliendo 4 o 5 giorni di ferie ogni mese , chiaramente si avrà uno sforamente di giorni di ferie fruiti di circa 34/35 giorni in più (oltre ai 26 giorni previsti dai normali contratti di lavoro).

    Allora vi chiedo gentilmente, Cosa devo fare per tutelarmi...?
    A quali conseguenze andrei incontro se il titolare continua a togliermi 1 giorno di ferie per ogni sabato del mese per 12 mesi?

    Vi prego datemi un consiglio.

    (Lo so... ho già pensato miliardi di volte di mandarlo a quel paese.... ma ho 44 anni e vivo in Sicilia...dove lo trovo io un altro lavoro al giorno d'oggi....??? E purtroppo questo lui lo sa bene e ne approfitta proprio per questo).

    Vi ringrazio anticipatamente.

    Saluti.

    Susan

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-06-13, 04:55 PM
  2. contratto full time scuola + part time call center
    Di sebastianopulizzi nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 07-09-12, 06:21 PM
  3. Trasformazione rapporto di lavoro da Full time a Part time
    Di Susan.217 nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-12, 08:10 PM
  4. comunicazioni in caso di trasf. contratto da full time a part-time
    Di conslavoro nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-02-11, 03:41 PM
  5. Comunicazione Trasformazione contratto da full time a part time
    Di vizi nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-03-10, 08:16 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15