Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: detrazioni da lavoro dipendente e assenze non retribuite

  1. #1
    Lauretta1981 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    11

    Predefinito detrazioni da lavoro dipendente e assenze non retribuite

    Buon giorno,
    scusate l'intrusione, ma spero di poter trovare finalmente una risposta al mio quesito.
    Premetto che lavoro in uno studio di consulenza paghe e che fino ad ora nessuno ha saputo darmi una risposta.
    il problema è il seguente:
    Ponendo che un lavoratore faccia nel mese 10 giorni di permesso non retribuito come devo comportarmi nel calcolo dei giorni per le detrazioni da lavoro dipendente?
    Ponendo che il lavoratore abbia un reddito che non supera gli 8000 euro all'anno la formula sarebbe la seguente:
    1840/365 * 31
    ma se sono presenti 10 giorni (lavorativi) di permesso non retribuito diventerebbe:
    1840/365*21
    E' corretto?? nello studio dove lavoro hanno sempre usato questo sistema ma non mi convince!!!anche perchè nel caso in cui invece c'è un solo giorno di lavoro applicano la formula:
    1840/365*1

    Potete aiutarmi???????
    grazie mille

  2. #2
    Barbara949 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    595

    Predefinito

    Circolare 3/E 1998
    "Resta confermato, invece, che le detrazioni per lavoro dipendente vanno rapportate al periodo di lavoro o di pensione nell'anno e cioè al numero dei giorni compresi nel periodo di durata del rapporto di lavoro per i quali il lavoratore ha diritto alle detrazioni per lavoro dipendente.
    Si tratta del numero di giorni che hanno dato diritto al reddito di lavoro dipendente (compresi i trattamenti pensionistici) 'soggetti a tassazione, a fronte del quale è concessa la detrazione.
    In tale numero di giorni vanno in ogni caso compresi le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi e vanno sottratti i giorni per i quali non spetta alcun reddito, neppure sotto forma di retribuzione differita, quali le mensilità aggiuntive etc. (ad esempio, in caso di assenza per aspettativa senza corresponsione di assegni).
    Nessuna riduzione delle detrazioni va effettuata in caso di particolari modalità di articolazione dell'orario di lavoro, quali il part-time verticale o orizzontale, né in presenza di giornate di sciopero.
    Analogo criterio deve essere adottato per i contratti a tempo determinato, per i quali, partendo dal numero dei giorni compresi nel periodo di durata del rapporto, vanno sottratti quelli per i quali non compete il diritto alla retribuzione.
    In presenza di contratti di lavoro dipendente a tempo determinato caratterizzati dalla effettuazione di prestazioni" a giornata" (ad es. per i lavoratori edili ed i braccianti agricoli) la detrazione spettante per le festività, i giorni di riposo settimanale ed i giorni non lavorativi compresi nel periodo che intercorre tra la data d'inizio e quella di fine ditali rapporti di lavoro deve essere determinata proporzionalmente al rapporto esistente tra le giornate effettivamente lavorate e quelle previste come lavorative dai contratti collettivi nazionali di lavoro e dai contratti collettivi territoriali applicabili per i contratti a tempo indeterminato delle medesime categorie.
    ll risultato del rapporto, se decimale, va arrotondato all'unità successiva.
    Si ricorda che ai fin dell'attribuzione delle detrazioni, l'anno deve intendersi composto al massimo di 365 giorni, anche negli anni bisestili.
    Si precisa, altresì, che le detrazioni competono nell'anno in cui i redditi per i quali sono concesse sono assoggettati a tassazione, ciè anche con riferimento ai redditi sostitutivi di quelli di lavoro dipendente, quali, ad esempio, le indennità e somme erogate dall'INPS o da altri Enti, per le quali le detrazioni spettano in relazione ai giorni che danno diritto all'indennità (ad esempio, per l'indennità di disoccupazione, con riferimento ai giorni di disoccupazione che hanno dato diritto alla corresponsione dell'indennità) e alle borse di studio."

  3. #3
    Lauretta1981 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    11

    Predefinito

    Grazie per la risposta,
    la circolare mi era nota e mi era noto che "vanno sottratti i giorni per i quali non spetta alcun reddito, neppure sotto forma di retribuzione differita, quali le mensilità aggiuntive etc. (ad esempio, in caso di assenza per aspettativa senza corresponsione di assegni)"
    Ma non mi ha risolto il problema in quanto nella circolare viene specificato solo per l'annualità ma non mi specifica nel calcolo mensile come devo comportarmi.....
    Forse sembrerò ignorante ma non riesco a capire.....

  4. #4
    Studium è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    818

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lauretta1981 Visualizza Messaggio
    Grazie per la risposta,
    la circolare mi era nota e mi era noto che "vanno sottratti i giorni per i quali non spetta alcun reddito, neppure sotto forma di retribuzione differita, quali le mensilità aggiuntive etc. (ad esempio, in caso di assenza per aspettativa senza corresponsione di assegni)"
    Ma non mi ha risolto il problema in quanto nella circolare viene specificato solo per l'annualità ma non mi specifica nel calcolo mensile come devo comportarmi.....
    Forse sembrerò ignorante ma non riesco a capire.....
    Se le assenze "non retribuite" sono non consecutive, io mi regolo da sempre per la detrazione intera mensile, interpretando le istruzioni nel senso di far ricadere concettualmente singole giornate non retribuite nel più ampio periodo di lavoro, mai interrotto in senso proprio, in cui sono comunque inserite.

    D'altronde, questo vale almeno per me e per i casi concreti che devo affrontare, non troverei giusto discriminare un lavoratore a tempo pieno la cui busta viene falcidiata da assenze non retribuite, rispetto a un part time verticale, per esempio, o no?

  5. #5
    Barbara949 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    595

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lauretta1981 Visualizza Messaggio
    Grazie per la risposta,
    la circolare mi era nota e mi era noto che "vanno sottratti i giorni per i quali non spetta alcun reddito, neppure sotto forma di retribuzione differita, quali le mensilità aggiuntive etc. (ad esempio, in caso di assenza per aspettativa senza corresponsione di assegni)"
    Ma non mi ha risolto il problema in quanto nella circolare viene specificato solo per l'annualità ma non mi specifica nel calcolo mensile come devo comportarmi.....
    Forse sembrerò ignorante ma non riesco a capire.....
    Partendo dal presupposto che il calcolo mensile è un x/365 se nel mese ci sono assenze ingiustificate io le deduco dal calcolo dei giorni del mese.

    Per Studium non mi pare proprio una discriminazione tra un lavoratore a tempo pieno rispetto a un part time verticale, in quanto con il dipendente a tempo pieno hai pattuito che lui deve prestare la sua attività tutti i giorni lavorativi del mese con il pat-time invece il lavoratore deve prestare la sua attività solo in alcuni giorni della settimana.
    I patti vanno rispettati, se un dipendente a tempo pieno si assenta ingiustificatamente verrà penalizzato.

  6. #6
    Lauretta1981 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    11

    Predefinito

    ok ... anche io li deduco dai calcoli del mese ... ma prendiamo maggio come riferimento:
    giorni lavorabili 22
    giorni del mese 31
    assenze non retribuite 20
    in questo caso 20-31 = 11 che diventa la mia base di calcolo mensile.... 1840/365*11
    Nello studio dove lavoro adesso invece applicano solo i 2 giorni lavorati... 1840/365*2 ma a me non sembra corretto.... anche per in caso di assenze non retribuite pari a 10 il calcolo lo fanno corretto 31-10 ...
    inoltre sempre nel mese di maggio un lavoratore in assenza non retribuita di tutto il mese hanno calcolato solo il giorno di festività quindi 1840/365*1 ..... mentre io sapevo che anche in questo caso la detrazione era zero poichè non ha lavorato tutto il mese.....
    Insomma.... non ci sto capendo un cavolo!!!!! ehehehheheeheh
    Help!!!!!

  7. #7
    Barbara949 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    595

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lauretta1981 Visualizza Messaggio
    ok ... anche io li deduco dai calcoli del mese ... ma prendiamo maggio come riferimento:
    giorni lavorabili 22
    giorni del mese 31
    assenze non retribuite 20
    in questo caso 20-31 = 11 che diventa la mia base di calcolo mensile.... 1840/365*11
    Nello studio dove lavoro adesso invece applicano solo i 2 giorni lavorati... 1840/365*2 ma a me non sembra corretto.... anche per in caso di assenze non retribuite pari a 10 il calcolo lo fanno corretto 31-10 ...
    Giorni del mese 31 - (giorni non lavorati+sabato+domeniche)


    inoltre sempre nel mese di maggio un lavoratore in assenza non retribuita di tutto il mese hanno calcolato solo il giorno di festività quindi 1840/365*1 ..... mentre io sapevo che anche in questo caso la detrazione era zero poichè non ha lavorato tutto il mese.....
    Insomma.... non ci sto capendo un cavolo!!!!! ehehehheheeheh
    Help!!!!!
    Se la festa è stata retribuita è corretto.

  8. #8
    Lauretta1981 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    11

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Barbara949 Visualizza Messaggio
    Giorni del mese 31 - (giorni non lavorati+sabato+domeniche).
    Quindi dal calcolo non togli solo le assenze ma anche i sabati e domeniche??? quindi per intenderci se ha fatto dal 15 al 26 maggio di assenza non retribuita non togli solo 7 giorni ma 11??? quindi 31-11 e non 31-7 ...... corretto??????

    Citazione Originariamente Scritto da Barbara949 Visualizza Messaggio
    Se la festa è stata retribuita è corretto.
    E giusto se nel calcolo togli come detto prima anche i sabati e le domenica quindi nel caso sarebbe 31-30 ..... ma qui i sabati e le domeniche non le tolgono e il calcolo per me non ha senso.....

  9. #9
    Studium è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    818

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Barbara949 Visualizza Messaggio
    Partendo dal presupposto che il calcolo mensile è un x/365 se nel mese ci sono assenze ingiustificate io le deduco dal calcolo dei giorni del mese.

    Per Studium non mi pare proprio una discriminazione tra un lavoratore a tempo pieno rispetto a un part time verticale, in quanto con il dipendente a tempo pieno hai pattuito che lui deve prestare la sua attività tutti i giorni lavorativi del mese con il pat-time invece il lavoratore deve prestare la sua attività solo in alcuni giorni della settimana.
    I patti vanno rispettati, se un dipendente a tempo pieno si assenta ingiustificatamente verrà penalizzato.
    Posso anche concordare, ma io avevo scritto "questo vale almeno per me e per i casi concreti che devo affrontare"...

Discussioni Simili

  1. Assenze non retribuite
    Di Joel nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28-09-16, 03:09 PM
  2. Detrazioni per lavoro dipendente
    Di PROFES nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-09-11, 03:46 PM
  3. Assenze non retribuite e ANF
    Di Tim nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-06-11, 10:59 AM
  4. detrazioni lavoro dipendente
    Di Ben68 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 21-12-09, 07:49 AM
  5. congedo parentale e assenze non retribuite
    Di mareros2 nel forum Enti Locali
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-12-09, 07:45 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15