Salve,
ho bisogno di un consiglio.
Sono un programmatore informatico laureato e da quasi 20 anni lavoro per la stessa azienda con contratto a tempo indeterminato (13 mensilitÓ).
Per la prima volta in vita mia, da settembre potrei ritrovarmi in cassa integrazione, forse non a zero ore ma a rotazione, quindi diciamo a metÓ ore.
Stavo valutando questo. In termini sia economici (ossia retribuzione e contributi) sia in termini di "presentazione" professionale mandando curriculum ad altre aziende, secondo voi, sempre ovviamente che l'azienda accetti, farei meglio ad accettare la cassa integrazione ordinaria a metÓ ore (e nell'altra metÓ della giornata cercare un lavoro, intanto per legge se lo trovi puoi sospendere la cassa senza perderla) oppure farei meglio a chiedere alla mia azienda di passarmi a part time? A livello retributivo cosa conviene? (io attualmente a full time 8 ore prendo circa 1500 euro netti al mese) E a livello di presentazione in altre aziende? Qualcuno mi ha messo la pulce nell'orecchio che se mi presento da altri come part time Ŕ un conto ma come cassaintegrato rischio di essere etichettato un po' come "perdente", non so se mi spiego? Ho persino quasi paura a mandare dei CV perchÚ dovessero prendermi per un periodo dovrei licenziarmi da dove lavoro e poi sono sicuro che di lÓ mi offrano un contratto a tempo indeterminato coi tempi che corrono?
Grazie in anticipo a tutti!