in caso di corresponsione di assegni familiari a seguito di omissioni o dichiarazioni mendaci fatte dal dipendente, il datore di lavoro può essere chiamato a risponderne con la restituzione di quanto conguagliato a titolo di contributi?

Cosa potrebbe essere addebitato al datore che in buona fede, eroga anf per poi scoprire omissioni di dati?

grazie