Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: ingegnere: quale contratto?

  1. #1
    Giosmile è offline Junior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    2

    Post ingegnere: quale contratto?

    Salve a tutti, avrei bisogno di una delucidazione illuminante:

    sono ingegnere iscritto all'albo (no p.iva personale) e sono uno dei 3 soci di una srl (quote 15% - 15% - 70%) che si occupa di servizi di ingegneria (qualità, sicurezza, gestione lavori per la p.a. e per privati, progettazione edile ed impiantistica, direzione lavori, ecc.) e tra le altre cose ho la nomina come direttore tecnico (come da iscrizione alla camera di commercio). Per il primo anno ho esclusivamente ricevuto come remunerazione la ripartizione degli utili ed un rimborso spese mensile (così come gli altri 2 soci). Dai prossimi mesi, su proposta del socio maggioritario, anche per meglio regolare la ns. posizione, vorremmo inquadrare un'assunzione a tempo determinato per me e l'altro socio minoritario (che si trova nella mia stessa situazione). Considerando che non ne capisco un fico secco, essendo stato proposto in via preliminare un contratto che dovrebbe oscillare intorno ai 1.400 - 1.500 euro LORDI + cellulare full + auto aziendale per le trasferte in regione + rimborso spese per carburante, autonoleggio, vitto e alloggio per le trasferte fuori regione, vorrei chiedere:

    1) Orientativamente, considerata l'attività della società, di che tipo di contratto stiamo parlando? Intendo in termini di categoria di CCNL e livello

    2) A quanto dovrebbero corrispondere come netti mensili? Per regolarmi ovviamente.

    3) Cosa per me ancora + importante: per un ingegnere che ha la carica di direttore tecnico della società, esiste un limite minimo di contratto oppure si può tranquillamente partire da qualsiasi livello? Lo chiedo eventualmente per far valere le mie ragioni in caso dovessero propormi qualcosa di spropositatamente negativo.

    Non voglio essere completamente negazionista in quanto la società è anche mia ed è grazie anche al mio contributo se va avanti (oggi siamo 3 soci ed una segretaria dipendente), inoltre conosco benissimo quali sono oggi le ns. forze ed è ovviamente inutile spingere oltre il consentito sull'importo del contratto, considerando pur sempre che, se ci saranno utili un futuro, ce li divideremo tra noi... però non voglio comunque scendere sotto un livello di minima decenza, anche come forza per andare avanti! Diciamo che per il primo anno quello che ho percepito potrebbe essere paragonato, spalmandolo su 12 mesi, ad un netto in tasca di circa 1100 - 1200 euro al mese + cellulare full + auto aziendale per le trasferte in regione + rimborso spese per carburante, auto, vitto e alloggio per le trasferte fuori regione, esclusi i contributi pensionistici del fondo pensione privato.

    Grazie per l'eventuale risposta

  2. #2
    Bartolo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    513

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Giosmile Visualizza Messaggio
    Salve a tutti, avrei bisogno di una delucidazione illuminante:

    sono ingegnere iscritto all'albo (no p.iva personale) e sono uno dei 3 soci di una srl (quote 15% - 15% - 70%) che si occupa di servizi di ingegneria (qualità, sicurezza, gestione lavori per la p.a. e per privati, progettazione edile ed impiantistica, direzione lavori, ecc.) e tra le altre cose ho la nomina come direttore tecnico (come da iscrizione alla camera di commercio). Per il primo anno ho esclusivamente ricevuto come remunerazione la ripartizione degli utili ed un rimborso spese mensile (così come gli altri 2 soci). Dai prossimi mesi, su proposta del socio maggioritario, anche per meglio regolare la ns. posizione, vorremmo inquadrare un'assunzione a tempo determinato per me e l'altro socio minoritario (che si trova nella mia stessa situazione). Considerando che non ne capisco un fico secco, essendo stato proposto in via preliminare un contratto che dovrebbe oscillare intorno ai 1.400 - 1.500 euro LORDI + cellulare full + auto aziendale per le trasferte in regione + rimborso spese per carburante, autonoleggio, vitto e alloggio per le trasferte fuori regione, vorrei chiedere:

    1) Orientativamente, considerata l'attività della società, di che tipo di contratto stiamo parlando? Intendo in termini di categoria di CCNL e livello

    2) A quanto dovrebbero corrispondere come netti mensili? Per regolarmi ovviamente.

    3) Cosa per me ancora + importante: per un ingegnere che ha la carica di direttore tecnico della società, esiste un limite minimo di contratto oppure si può tranquillamente partire da qualsiasi livello? Lo chiedo eventualmente per far valere le mie ragioni in caso dovessero propormi qualcosa di spropositatamente negativo.

    Non voglio essere completamente negazionista in quanto la società è anche mia ed è grazie anche al mio contributo se va avanti (oggi siamo 3 soci ed una segretaria dipendente), inoltre conosco benissimo quali sono oggi le ns. forze ed è ovviamente inutile spingere oltre il consentito sull'importo del contratto, considerando pur sempre che, se ci saranno utili un futuro, ce li divideremo tra noi... però non voglio comunque scendere sotto un livello di minima decenza, anche come forza per andare avanti! Diciamo che per il primo anno quello che ho percepito potrebbe essere paragonato, spalmandolo su 12 mesi, ad un netto in tasca di circa 1100 - 1200 euro al mese + cellulare full + auto aziendale per le trasferte in regione + rimborso spese per carburante, auto, vitto e alloggio per le trasferte fuori regione, esclusi i contributi pensionistici del fondo pensione privato.

    Grazie per l'eventuale risposta
    Se trattasi di una srl può rientrare nel settore industriale, e quasi certamente quello metalmeccanico. In riferimento puoi trovare nel contratto le qualifiche, i limiti paga ecc.... Il livello di inquadramento è certamente tra i primi, quelli a carattere specialistico, la declaratoria dei livelli ti può aiutare.

  3. #3
    Giosmile è offline Junior Member
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    2

    Predefinito

    Ho aperto il seguente documento:

    CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA AZIENDE INDUSTRIALI METALMECCANICHE

    a pag.39 si leggono le paghe basilari

    Quadri € 1.825,00
    I € 1.500,00
    II € 1.400,00
    III € 1.325,00
    IV € 1.250,00
    V € 1.200,00
    VI € 1.100,00
    VII € 1.050,00

    ma sono importi lordi? Se è così, probabilmente quello che mi hanno proposto corrisponderebbe al I o al II livello e ciò sarebbe un giusto compromesso tra utili societari effettivi e mia posizione (ho letto le specifiche dei singoli livelli). Se sono lordi, come calcolare i corrispettivi netti?

    Grazie

Discussioni Simili

  1. Quale contratto?
    Di Alessio Marelli nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-07-13, 03:44 PM
  2. quale contratto?
    Di GIUSE09 nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-10-12, 03:41 PM
  3. quale contratto?
    Di sannacesco nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 19-04-12, 03:40 PM
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-03-12, 04:43 PM
  5. Quale contratto applicare
    Di Dany79 nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-01-09, 06:19 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15