Buona sera,

vorrei sottoporre alla Vs attenzione un caso allo studio al quale non si riesce trovare una valida soluzione.

Un'azienda inquadra un proprio collaboratore come professionista con partita iva e rivalsa 4% gestione separata, chiedendo per di più l'esclusiva di rapporto, anziché inquadrarlo correttamente come cococo.

Il professionista dunque ha sempre versato alla gestione separata la contribuzione che ovviamente è inferiore rispetto quella che sarebbe stata versata dall'azienda poiché calcolata al netto delle "spese" sostenute. Ha in sostanza versato tutta la contribuzione anche la quota di 2/3 del committente, ottenendo solo la rivalsa del 4%.

Alla conclusione del rapporto durato 10 anni sorge la controversia tra collaboratore e committente alla quale stiamo cercando di dare una soluzione che non è semplice trovare.

Secondo Voi come si può calcolare/quantificare il danno subito dal collaboratore affinché si possa giungere ad una composizione amichevole?

Qualcuno conosce della giurisprudenza in merito?

Grazie molte a chi offrirà il proprio contributo.
Solforio