Buongiorno. Vi chiedo gentilmente un parere.
La lettura della sezione della busta paga mi ha dato diversi spunti di riflessione che vorrei condividere con chi possiede competenze professionali atte a confermare o a confutare le mie osservazioni.
Il mese in questione è quello di maggio, di cui non mi è stato possibile allegare un estratto del cedolino, per saturazione capienza forum.
Sul cedolino risultano:
1) Giorni lavorati 21 e non 25 (oltre 1 giorno festività 1° maggio)
2) Lavoro festivo 4 giorni, che non ho mai prestato, né mi è stato chiesto, per il quale mi è stata riconosciuta una maggiorazione.
Il contratto prevede n. 4 ore di lavoro dal lunedì al sabato con la clausola “elastica”.
Nel mese di maggio non mi sono mai assentata, né ho fruito di ferie. Quindi, è come se avessi lavorato 21 giorni, di cui 4 festivi, per i quali ho maturato il diritto alla maggiorazione della retribuzione, pari a 12,76 euro giornalieri.
In realtà, essendo contabilizzate 21 giornate e non 25, i 4 giorni non contabilizzati sono stati retribuiti con una paga giornaliera effettiva di 12,76, corrispondente alla maggiorazione prevista per il lavoro festivo (3,19 euro lordi l’ora).
Questo artificio ha consentito al datore di lavoro di computare il bonus Renzi nella retribuzione netta dovuta per le 25 giornate lavorate. Di fatto, quindi, l'azienda mi priva del beneficio del bonus per appropriarsene indebitamente.
Vi chiedo, è corretta questa lettura del cedolino?
Può configurarsi come un illecito penale o è perseguibile solo dal punto di vista civilistico?

Altri dubbi:
a) cosa significa la voce: gg lavoro contrib.?
b) nel cedolino di giugno, la festività goduta (per il giorno 2) è citata nella colonna “descrizione voce”, ma non contribuisce alle competenze maturate nel mese (nella colonna competenze non c’è alcun importo). Esiste una spiegazione?

Scusatemi, ma se nessuno ferma queste pratiche, chi ne fa le spese sono sempre i lavoratori, costretti da una sorta di “ricatto psicologico”, tipico di una terra in cui continua a regnare il “vuoto cosmico”.

Vi ringrazio sin d'ora dell'attenzione che spero possiate concedermi.