Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1 2 3 4 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 36
Like Tree1Likes

Discussione: s.r.l. unipersonali

  1. #21
    aspinillo è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Località
    Salerno
    Messaggi
    291

    Predefinito

    Una srl unipersonale sempre con capitale di 10.000 euro già versato alla costituzione, ha ricevuto dal marito della socia unica € 60.000, tramite bonifico bancario a titolo di favore esente da interessi, per far fronte all'acquisto di un terreno dove verrà costruita una bifamiliare da destinare alla vendita. Si era pensato di inquadrare tale somma come finanziamento da socio e iscriverla nel bilancio:
    nel passivo alla voce Debiti v/soci per finanziamenti, esigibili oltre l'anno successivo; e all'attivo Crediti v/soci per versamenti ancora dovuti alla voce A I) ancora dovuti. Premetto che lo scambio di corrispondenza tra socio e amministratore non è stato fatto, perché sono la stessa persona e ritengo, dato la stretta parentela, che la somma possa essere donata anche a titolo gratuito. Correggetemi dove sbaglio!

  2. #22
    paolab è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    3,871

    Predefinito

    perchè scrivi che si tratta della stessa persona (finanziatore e socio) quando invece all'inizio hai scritto che la SRL riceve i soldi dal marito dell'unica socia?
    secondo me non è corretta la tua soluzione. Ti propongo invece: banca c/c @ debiti verso sig. marito
    ti consiglio di mettere in piedi uno scambio di corrispondenza altrimenti se c'e' un controllo paghi il 3% di registro + sanzioni e interessi.
    quando la società lo potrà fare restituirà al marito finanziatore i suoi soldi (prevedere tempi - almeno all'incirca - nello scambio di corrispondenza, nella quale verrà altresì evidenziato che non maturano interessi).
    Fare anche verbale assemblea soci (uno solo!) dove si indica l'opportunità di ricevere tale prestito anzichè avvalersi di eventuali debiti bancari

  3. #23
    aspinillo è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Località
    Salerno
    Messaggi
    291

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da paolab Visualizza Messaggio
    perchè scrivi che si tratta della stessa persona (finanziatore e socio) quando invece all'inizio hai scritto che la SRL riceve i soldi dal marito dell'unica socia?
    secondo me non è corretta la tua soluzione. Ti propongo invece: banca c/c @ debiti verso sig. marito
    ti consiglio di mettere in piedi uno scambio di corrispondenza altrimenti se c'e' un controllo paghi il 3% di registro + sanzioni e interessi.
    quando la società lo potrà fare restituirà al marito finanziatore i suoi soldi (prevedere tempi - almeno all'incirca - nello scambio di corrispondenza, nella quale verrà altresì evidenziato che non maturano interessi).
    Fare anche verbale assemblea soci (uno solo!) dove si indica l'opportunità di ricevere tale prestito anzichè avvalersi di eventuali debiti bancari
    Ok, grazie della risposta!

  4. #24
    aspinillo è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Località
    Salerno
    Messaggi
    291

    Predefinito

    Ancora una domanda! Una srlu è stata costituita senza che il socio unico abbia effettuato la separazione dei beni con il coniuge.
    Il 50% del capitale sociale cade in comunione, tenendo conto dei vari orientamenti ( responsabilità limitata o illimitata)? Se è vero, cade in comunione solo la quota di capitale sociale o anche la quota del patrimonio della srl ? Se cio' è anche vero, può un creditore pignorare la quota di capitale sociale in comunione, e anche la quota di patrimonio della srl, se il coniuge del socio unico ha dei debiti che non riesce a pagare?
    Ultima modifica di aspinillo; 14-09-13 alle 11:06 AM

  5. #25
    aspinillo è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Località
    Salerno
    Messaggi
    291

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aspinillo Visualizza Messaggio
    Ancora una domanda! Una srlu è stata costituita senza che il socio unico abbia effettuato la separazione dei beni con il coniuge.
    Il 50% del capitale sociale cade in comunione, tenendo conto dei vari orientamenti ( responsabilità limitata o illimitata)? Se è vero, cade in comunione solo la quota di capitale sociale o anche la quota del patrimonio della srl ? Se cio' è anche vero, può un creditore pignorare la quota di capitale sociale in comunione, e anche la quota di patrimonio della srl, se il coniuge del socio unico ha dei debiti che non riesce a pagare?
    Consigli da qualche esperto?

  6. #26
    piscualo è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da stqr Visualizza Messaggio
    La s.r.l. unipersonale, in quanto soggetto giuridico autonomo, ha piena responsabilità per tutte le obbligazioni da essa contratte, quindi più specificatamente ha piena responsabilità per i debiti vs. fornitori/stato/inps ecc. e in quanto tale può e deve rispondere con i beni e le proprietà ad essa intestate (se ne ha) per tali debiti se ad esempio un creditore promuove un decreto ingiuntivo per la ricossione coattiva del credito.
    L'amministratore unico nonchè socio della s.r.l. unipersonale è responsabile/aggredibile in prima battuta per i debiti che egli stesso ha contratto nel corso del suo mandato come amministratore ma in nome e per conto della società solo per il valore delle quote della società da lui possedute e non anche con i beni personali (altrimenti non sarebbe una S.r.l.).
    Con riferimento alla sua posizione di persona fisica e quindi con riferimento ad eventuali beni personali (immobili, conti correnti, azioni) non intestati alla s.r.l va detto che i suddetti beni sono aggredibili dai creditori solo a seguito di un'azione di responsabilità (tipicamente per l'intervento del curatore fallimentare in caso di fallimento); tale azione di responsabilità è abbastanza tipica nelle procedure concorsuali ed è, almeno per le casisitiche fin qui viste sul campo, frequente.

    Salve, scusate se riprendo questa discussione,
    ho dato un'occghiata in giro ma, almeno che non mi sia sfuggita, non ho trovato una risposta ai miei quesiti, per cui ringrazio sin d'ora chi riuscirà a darmeli.

    SRL unipersonale, dove alla costituzione il capitale sociale è di 47.000 €, attualmente non ha liquidità, anzi ha debiti verso le benche, lising, ecc., io e dei miei colleghi ci siamo dimessi perchè ormai da mesi non ci dava lo stipendio e abbiamo accumulato un credito di circa 40.000 €, volevo capire, visto che il capitale sociale non c'è (in liquidità), il socio unico nonchè amministratore, in questo caso viene aggredito, in caso di decreto ingiuntivo, con beni personali fino a 47.000 € o per meglio dire fino a 40.000 € (nostro credito)?
    Qualora non abbia versato interamente il capitale sociale (47.000 € dichiarati in costituzione), è aggredibile con i suoi beni personali?
    Grazie.

  7. #27
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,605

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da piscualo Visualizza Messaggio
    Salve, scusate se riprendo questa discussione,
    ho dato un'occghiata in giro ma, almeno che non mi sia sfuggita, non ho trovato una risposta ai miei quesiti, per cui ringrazio sin d'ora chi riuscirà a darmeli.

    SRL unipersonale, dove alla costituzione il capitale sociale è di 47.000 €, attualmente non ha liquidità, anzi ha debiti verso le benche, lising, ecc., io e dei miei colleghi ci siamo dimessi perchè ormai da mesi non ci dava lo stipendio e abbiamo accumulato un credito di circa 40.000 €, volevo capire, visto che il capitale sociale non c'è (in liquidità), il socio unico nonchè amministratore, in questo caso viene aggredito, in caso di decreto ingiuntivo, con beni personali fino a 47.000 € o per meglio dire fino a 40.000 € (nostro credito)?
    Qualora non abbia versato interamente il capitale sociale (47.000 € dichiarati in costituzione), è aggredibile con i suoi beni personali?
    Grazie.
    Nelle srl unipersonali il capitale sociale deve essere interamente versato all'atto della costituzione, per cui mi sembra difficile che il notaio abbia rogato l'atto in assenza di versamento. Se inoltre ci sono altre irregolaritá nello svolgimento del mandato amministrativo si potrá avviare l'azione di responsabilità civile contro l'amministratore ai sensi dell'art. 2392 e ss. del codice civile. I tempi di giustizia sono piuttosto lunghi, ma è l'unica strada perseguibile per un recupero del credito, se quest'ultimo ha beni aggredibili.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  8. #28
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da piscualo Visualizza Messaggio
    volevo capire, visto che il capitale sociale non c'è (in liquidità), il socio unico nonchè amministratore, in questo caso viene aggredito, in caso di decreto ingiuntivo, con beni personali fino a 47.000 € o per meglio dire fino a 40.000 € (nostro credito)?
    Qualora non abbia versato interamente il capitale sociale (47.000 € dichiarati in costituzione), è aggredibile con i suoi beni personali?
    Grazie.
    Il socio unico di srl risponde sempre e solo per il capitale conferito.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  9. #29
    piscualo è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Il socio unico di srl risponde sempre e solo per il capitale conferito.
    Ok, ma se questo capitale, che dovrebbe esserci (in liquidità) non c'è, perchè lo ha utilizzato, lui risponde con beni personali fino ai 47,000 euro o no, è agredibile personalmente?
    Grazie

  10. #30
    L'avatar di roby
    roby è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Rimini, Italy
    Messaggi
    2,186

    Predefinito

    No, il socio unico non e' aggredìbile personalmente, salvo se per eventuali specifici debiti ha messo una forma di garanzia personale (capita quasi sempre con le banche che sono molto brave nel tutelarsi)
    Quindi non risponde con i beni personali.
    "Semplicemente" (per modo di dire!) il socio di srl (socio unico o non) perde il capitale investito nella società

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1 2 3 4 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Due srl unipersonali, identico socio
    Di Gegione80 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-10-12, 09:01 AM
  2. s.r.l. unipersonali
    Di moholo nel forum Diritto Societario
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-12-08, 04:12 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15