Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: scritture ausiliarie

  1. #1
    emanuelaf Ŕ offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    71

    Predefinito scritture ausiliarie

    Buongiorno!
    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate riguardo questa fattispecie.

    Un socio chiede alla srl l'autorizzazione a tenere nei locali della stessa alcuni beni di proprietÓ del socio, esentandola da alcuna responsabilitÓ sullo smarrimeno, furto, ecc.ecc.. La societÓ lo autorizza.
    Secondo me, la societÓ deve indicare tra i beni di terzi anche tali beni. Siete d'accordo??

  2. #2
    Enrico Larocca Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,050

    Predefinito

    Salve,

    se si tratta di beni il cui commercio o la cui produzione rientra nell'oggetto sociale della S.r.l. depositaria è quantomeno necessario conservare un documento di deposito di questi beni di terzi in azienda. A questo punto si possono considerare assolti tutti gli obblighi fiscali e può essere vinta la presunzione di acquisto o di cessione previste dall'art. 53 del Decreto I.V.A.

    Ad abundantiam si potrebbe anche annotare l'operazione nei conti d'ordine, sebbene non esista un obbligo fiscale in tal senso.

    Saluti

  3. #3
    emanuelaf Ŕ offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    71

    Predefinito

    Grazie dottore per la pronta risposta.

    Lei scrive che non c'Ŕ l'obbligo di rilevare le scritture dal punto di vista fiscale.

    Ma civilisticamente ? Non devo riolevare tra i conti d'ordine che ho questi beni nella mia azienda ?

    Grazie ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Salve,

    se si tratta di beni il cui commercio o la cui produzione rientra nell'oggetto sociale della S.r.l. depositaria Ŕ quantomeno necessario conservare un documento di deposito di questi beni di terzi in azienda. A questo punto si possono considerare assolti tutti gli obblighi fiscali e pu˛ essere vinta la presunzione di acquisto o di cessione previste dall'art. 53 del Decreto I.V.A.

    Ad abundantiam si potrebbe anche annotare l'operazione nei conti d'ordine, sebbene non esista un obbligo fiscale in tal senso.

    Saluti

  4. #4
    Enrico Larocca Ŕ offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,050

    Predefinito

    Salve,

    La sua osservazione è sottile e corretta.

    E' la stessa domanda che mi sono posto quando, valutando per conto di un'azienda cliente l'opportunità o meno di acquistare un gestionale la cui licenza d'uso sfiorava gli 80.000 Euro, si è posto il problema di come rilevare i semilavorati che venivano depositati in c/lavorazione presso i magazzini aziendali, visto che il piano dei conti del gestionale non prevedeva i conti d'ordine.

    La domanda era come li rilevo e sopratutto questo software è in linea con le norme ?

    All'Università mi ricordo il mio professore di Ragioneria a lezione diceva che esisteva una differenza tra i beni di proprietà dell'azienda (quelli sopra la linea) e i beni estranei alla medesima (quelli sotto la linea).

    I primi erano oggetto di rilevazione nel sistema del capitale e del reddito, mentre i secondi venivano rilevati attraverso i sistemi supplementari o pseduo-sistemi.

    Il software gestionale di cui parlavo prima non prevedeva i conti dei sistemi supplementari che fare ? Ebbene proprio perchè parliamo di pseduo-sistemi la loro rilevazione a P.D. è un'opportunità non un obbligo, tant'è che il rispetto dell'art. 2217 del c.c. - laddove si statuisce l'obbligo di annotare nell'inventario anche le attività e le passivtà estranee all'azienda - il codice civile lo assicura dispondendo che ai sensi dell'art. 2424 del c.c., comma 3, l'annotazione delle garanzie ecc. ecc.sia fatta in calce allo Stato Patrimoniale.

    A differenza dei conti "sopra la linea" non vengono stabilite delle chiavi di riclassificazione delle attività e passività estranee all'azienda. Se ne deduce che la tenuta a P.D. dei beni di terzi è un facoltà che può essere assolta anche con annotazioni extracontabili che però devono essere riportate in inventario e nel bilancio.

    In conclusione, la rilevazione dei beni di terzi in azienda non necessariamente deve avvenire nel libro giornale. Al contrario, potrebbe essere sufficiente la rilevazione su un registro apposito denominato ad esempio "Beni di Terzi" o per mezzo di documenti elementari appositamente ordinati, con successiva trascrizione in calce al Bilancio.

    Saluti
    Ultima modifica di Enrico Larocca; 17-09-07 alle 08:17 PM

Discussioni Simili

  1. scritture tfr
    Di yeratel nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-01-12, 04:21 PM
  2. Bollo scritture ausiliarie magazzino
    Di dott.mamo nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-11-11, 07:16 AM
  3. scritture Tfr
    Di bealavi nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-03-09, 05:38 PM
  4. Scritture ausiliarie di magazzino
    Di SISSI nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 10-11-07, 06:30 PM
  5. scritture in p.d.
    Di ferario1 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-12-06, 06:26 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15