Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Associazione Culturale

  1. #1
    Giuseppe81 è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    57

    Predefinito Associazione Culturale

    Salve amici,
    insieme ad altri colleghi abbiamo creato un'associazione culturale no profit, con i fini sociali di diffondere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro.

    Ci sarà anche un'attività commerciale accessoria per trovare i fondi per organizzare convegni, stampare libri ed opuscoli, ecc.

    Fin ora abbiamo aperto CF e P.IVA, ora quello che vorrei sapere è:
    1) se associo un'azienda che ha bisogno di ns. attività professionali, come ad esempio consulenza o corsi di formazione per il suo personale, cosa gli faccio? Una ricevuta fiscale o una fattura?
    2) L'azienda, giustamente, vorrà la fattura per poter scaricare l'iva. O puo' scaricare l'iva anche con la ricevuta fiscale?
    3) Quali libri dovrò compilare? Solo libro dei soci (vidimato dal notaio) e libro cassa?
    4) Anche le associazioni culturali possono usufruire del regime agevolato della Legge 398/91?
    5) Le quote associative e/o le donazioni, vanno anch'esse fatturate? o va emessa una ricevuta fiscale? o va solo registrata la quota nel libro cassa?

    Vi ringrazio per le risposte che vorrete darmi, chiedendo venia per la quantità eccessiva di domande e per la loro banalità.

    Saluti,
    Giuseppe.

  2. #2
    Giuseppe81 è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    57

    Predefinito

    nessuno sa aiutarmi?

  3. #3
    Bomber è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,421

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe81 Visualizza Messaggio
    Salve amici,
    insieme ad altri colleghi abbiamo creato un'associazione culturale no profit, con i fini sociali di diffondere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro.

    Ci sarà anche un'attività commerciale accessoria per trovare i fondi per organizzare convegni, stampare libri ed opuscoli, ecc.

    Fin ora abbiamo aperto CF e P.IVA, ora quello che vorrei sapere è:
    1) se associo un'azienda che ha bisogno di ns. attività professionali, come ad esempio consulenza o corsi di formazione per il suo personale, cosa gli faccio? Una ricevuta fiscale o una fattura?
    2) L'azienda, giustamente, vorrà la fattura per poter scaricare l'iva. O puo' scaricare l'iva anche con la ricevuta fiscale?
    3) Quali libri dovrò compilare? Solo libro dei soci (vidimato dal notaio) e libro cassa?
    4) Anche le associazioni culturali possono usufruire del regime agevolato della Legge 398/91?
    5) Le quote associative e/o le donazioni, vanno anch'esse fatturate? o va emessa una ricevuta fiscale? o va solo registrata la quota nel libro cassa?

    Vi ringrazio per le risposte che vorrete darmi, chiedendo venia per la quantità eccessiva di domande e per la loro banalità.

    Saluti,
    Giuseppe.
    1) Intanto dovresti vedere se le statuto prevede di associare anche persone giuridiche, oltre che fisiche. Inoltre, un corso di formazione per il personale di una società non credo possa rientrare nell’ambito dell’attività culturale: mi sembra più un’attività propriamente commerciale…
    2) Per detrarre l’iva sarà necessario emettere fattura (a fronte, appunto, di una prestazione commerciale). Per le prestazioni rientranti nell’attività istituzionale viene rilasciata ricevuta.
    3) Libro verbali assemblee, libro consiglio direttivo, libro soci (tutti da vidimare)
    4) Per quanto compatibili si. In caso di opzione per la 398, sono previste notevoli semplificazioni dal punto di vista contabile (registro DM 11/02/1997, registro prima nota cassa, iva e ires forfetizzate, esonero dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili prescritti dagli articoli 14,15,16,18 e 20 del D.P.R. n. 600/73)
    5) Le quote associative prevedono emissione di ricevuta. Nella prima nota vanno indicate tutte le entrate e le uscite. É fissato in € 516,46 il limite al di sopra del quale ogni entrata ed uscita dell’associazione sportiva dilettantistica deve essere effettuata attraverso conti correnti bancari o postali intestati all’associazione sportiva.

  4. #4
    Giuseppe81 è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    57

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Bomber Visualizza Messaggio
    1) Intanto dovresti vedere se le statuto prevede di associare anche persone giuridiche, oltre che fisiche. Inoltre, un corso di formazione per il personale di una società non credo possa rientrare nell’ambito dell’attività culturale: mi sembra più un’attività propriamente commerciale…
    2) Per detrarre l’iva sarà necessario emettere fattura (a fronte, appunto, di una prestazione commerciale). Per le prestazioni rientranti nell’attività istituzionale viene rilasciata ricevuta.
    3) Libro verbali assemblee, libro consiglio direttivo, libro soci (tutti da vidimare)
    4) Per quanto compatibili si. In caso di opzione per la 398, sono previste notevoli semplificazioni dal punto di vista contabile (registro DM 11/02/1997, registro prima nota cassa, iva e ires forfetizzate, esonero dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili prescritti dagli articoli 14,15,16,18 e 20 del D.P.R. n. 600/73)
    5) Le quote associative prevedono emissione di ricevuta. Nella prima nota vanno indicate tutte le entrate e le uscite. É fissato in € 516,46 il limite al di sopra del quale ogni entrata ed uscita dell’associazione sportiva dilettantistica deve essere effettuata attraverso conti correnti bancari o postali intestati all’associazione sportiva.
    1) Si lo statuto prevedere l'associazione di persone fisiche, giuridiche, enti statali, altre associazioni ecc.. Sicuramente il corso non rientra nell'attività culturale, però facendolo il fine sociale di divulgare la cultura della sicurezza viene svolto ed il senso è quello di trovare soldi per la vera e propria attività istituzionale che prevede l'organizzazione di convegni, gruppi di studio, redazione di opuscoli e libretti informativi, ecc.
    2) Per chi versa quote associative, o fa donazioni sto facendo delle normali ricevute (tra l'altro le faccio con danea easyfact - specificando ricevuta di pagamento) alla quale non applico IVA;
    3) Per ora ho solo il libro soci (vidimato dal notaio), per i verbali d'assemblea e del consiglio direttivo li faccio io su carta, poi li scrivo al pc, e poi li faccio sottoscrivere. Vanno registrati in quei libri appositi?
    4) Perdona l'ignoranza ma che significa per quanto compatibili si?
    5) Ma il libro cassa è la stessa cosa della prima nota? E le entrate ed uscite effettuate tramite conto corrente vanno anch'esse registrate sul libro cassa?

    Ti ringrazio per tutte le risposte e delucidazioni, ovviamente è inutile il solito consiglio di rivolgersi ad un buon consulente commercialista... a trovarlo... tutti quelli che ho consultato fin ora, compreso il mio di associazioni ne capiscono ben poco. Per questo sono qui a carpire qualche informazione seria.

Discussioni Simili

  1. Iva - Associazione Culturale
    Di zbozzige nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-03-13, 04:37 PM
  2. Associazione culturale
    Di fabrizio nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-10-11, 11:28 AM
  3. associazione culturale e iva
    Di dani.studio nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 04-06-10, 12:37 PM
  4. associazione culturale
    Di GIANLUIGI5081 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-02-08, 05:40 PM
  5. associazione culturale
    Di iva nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-10-07, 03:28 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15