Pagina 1 di 4 1 2 3 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 35

Discussione: competenza ricavo

  1. #1
    burrodicacao è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Rimini
    Messaggi
    172

    Predefinito competenza ricavo

    Una srl che si occupa di vendita ed installazione di impianti fotovoltaici stipula un contratto con un cliente, il quale prevede un compenso unico, con i seguenti pagamenti:

    - 10% all'ordine
    - 40% merce pronta
    - 40% lavori ultimati
    - 10% collaudo enel.

    Secondo voi, posto che il collaudo enel averrà nel 2011, quale ricavo sarà di competenza del 2010?
    100, 90, o 0 ?

    grazie
    La mente è come un paracadute: funziona solo se si apre (A. Einstein)

  2. #2
    pennabluBIC è offline Member
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Semplicemente uno 0 nell'anno N. Il ricavo è tutto anno N+1.
    Con poco sapere, ma di buona qualità, si produce di più che con moltissimo sapere di cattiva qualità.

    Arthur Schopenhauer

  3. #3
    burrodicacao è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Rimini
    Messaggi
    172

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pennabluBIC Visualizza Messaggio
    Semplicemente uno 0 nell'anno N. Il ricavo è tutto anno N+1.
    Anche io vorrei pensarla così.

    Ma mi preoccupa che questo contratto possa essere considerato un contratto "da cui derivano corrispettivi periodici", per cui temo che solo 10 possa essere tassato nel 2011....
    Confermi la tua idea ?
    La mente è come un paracadute: funziona solo se si apre (A. Einstein)

  4. #4
    shailendra è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Bergamo
    Messaggi
    3,379

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da burrodicacao Visualizza Messaggio
    Anche io vorrei pensarla così.

    Ma mi preoccupa che questo contratto possa essere considerato un contratto "da cui derivano corrispettivi periodici", per cui temo che solo 10 possa essere tassato nel 2011....
    Confermi la tua idea ?
    Non penso proprio sia un contratto da cui derivano corripsettivi periodici. Quelli, secondo me, sono i contratti in cui si ha una cifra fiss pattuita periodica per un determinato periodo di tempo. Esempio: Autonoleggiatore incaricato dal comune di passare a prendere i bambini per la scuola: corrispettivo periodico previsto: 2000 euro al mese da settembre a maggio.

  5. #5
    Lemansky è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Civitavecchia (rm)
    Messaggi
    625

    Predefinito

    ma al 31 dicembre si rileverà la "rimanenza per lavori in corso su ordinazione", vero?

  6. #6
    cesabas è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    801

    Predefinito

    Perdonate l'assoluta ignoranza, ma la fattura in che data la fa?

  7. #7
    Lemansky è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Civitavecchia (rm)
    Messaggi
    625

    Predefinito

    ma ogni volta che prende dei soldi deve fatturare... ma saranno identificati come acconti da clienti.. giusto?

  8. #8
    burrodicacao è offline Member
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Rimini
    Messaggi
    172

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da shailendra Visualizza Messaggio
    Non penso proprio sia un contratto da cui derivano corripsettivi periodici. Quelli, secondo me, sono i contratti in cui si ha una cifra fiss pattuita periodica per un determinato periodo di tempo. Esempio: Autonoleggiatore incaricato dal comune di passare a prendere i bambini per la scuola: corrispettivo periodico previsto: 2000 euro al mese da settembre a maggio.
    Hai ragione !

    Citazione Originariamente Scritto da Lemansky Visualizza Messaggio
    ma al 31 dicembre si rileverà la "rimanenza per lavori in corso su ordinazione", vero?
    Nessuna rimanenza, non si tratta di lavori in corso su ordinazione.

    Citazione Originariamente Scritto da Lemansky Visualizza Messaggio
    ma ogni volta che prende dei soldi deve fatturare... ma saranno identificati come acconti da clienti.. giusto?
    Esattamente.

    ciao
    La mente è come un paracadute: funziona solo se si apre (A. Einstein)

  9. #9
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,178

    Predefinito

    A mio sommesso avviso, forse la questione va impostata diversamente.

    Parto dalla premessa che ho sempre pensato che i contratti a corrispettivi periodici riguardassero prestazioni di servizi che hanno una distribuzione ripartita nel tempo, ai quali si riconnettono incassi altrettanto ripartiti.

    Ciò accade, ad esempio, quando una società che gestisce una mensa scolastica che stipulato un contratto per l'anno scolastico 2010 - 2011, ha prestato il servizio di mensa scolastica nel mese di dicembre 2010.

    In questo caso, deve mettere a Conto Economico la frazione contrattuale eseguita, sebbene il contratto riguardi il periodo: Settembre 2010 - Giugno 2011, con corrispettivo unico e con pagamenti ripartiti in funzione della progressione temporale del servizio.

    Nel caso in discussione, invece, la fattispecie che emerge se ho ben compreso i termini contrattuali, è che abbiamo a che fare con un fornitura con posa in opera dell'impianto fotovoltaico (quindi contratto di compravendita con posa in opera); per cui vale la data di consegna (2010) della merce comprensiva delle spese di installazione che in quanto non pagate vanno accertate come costi a debito nel 2010 unitamente alle spese per la merce.

    Il pagamento della fornitura si snoderà tra acconto a fornitori (10%) e debito per fatture da ricevere in relazione ai costi per fonitura e spese di installazione quantificabili alla data del 31/12/2010; mentre le spese di collaudo ENEL poichè credo non conosciute alla data di fine esercizio, non possono che essere rinviate al momento di liquidazione che è nel 2011.

    Quindi, in definitiva:

    a) il 90 % dei costi di fornitura (anche sotto forma di costi per fatture da ricevere rilevabili dai costi contrattuali) va nel 2010;

    b) il 10% dei costi di fornitura va nel 2011.

    Saluti
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  10. #10
    shailendra è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Bergamo
    Messaggi
    3,379

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    A mio sommesso avviso, forse la questione va impostata diversamente.

    Parto dalla premessa che ho sempre pensato che i contratti a corrispettivi periodici riguardassero prestazioni di servizi che hanno una distribuzione ripartita nel tempo, ai quali si riconnettono incassi altrettanto ripartiti.

    Ciò accade, ad esempio, quando una società che gestisce una mensa scolastica che stipulato un contratto per l'anno scolastico 2010 - 2011, ha prestato il servizio di mensa scolastica nel mese di dicembre 2010.

    In questo caso, deve mettere a Conto Economico la frazione contrattuale eseguita, sebbene il contratto riguardi il periodo: Settembre 2010 - Giugno 2011, con corrispettivo unico e con pagamenti ripartiti in funzione della progressione temporale del servizio.

    Nel caso in discussione, invece, la fattispecie che emerge se ho ben compreso i termini contrattuali, è che abbiamo a che fare con un fornitura con posa in opera dell'impianto fotovoltaico (quindi contratto di compravendita con posa in opera); per cui vale la data di consegna (2010) della merce comprensiva delle spese di installazione che in quanto non pagate vanno accertate come costi a debito nel 2010 unitamente alle spese per la merce.

    Il pagamento della fornitura si snoderà tra acconto a fornitori (10%) e debito per fatture da ricevere in relazione ai costi per fonitura e spese di installazione quantificabili alla data del 31/12/2010; mentre le spese di collaudo ENEL poichè credo non conosciute alla data di fine esercizio, non possono che essere rinviate al momento di liquidazione che è nel 2011.

    Quindi, in definitiva:

    a) il 90 % dei costi di fornitura (anche sotto forma di costi per fatture da ricevere rilevabili dai costi contrattuali) va nel 2010;

    b) il 10% dei costi di fornitura va nel 2011.

    Saluti
    Secondo me va tutto nel 2010. Il fatto che il 10% del valore sia saldato al momento del collaudo fatto dall'Enel, non cambia il fatto che la prestazione è terminata nel 2010, e deve anche essere fatturata nel 2010, nel momento in cui è stata consegnata e il lavoro è stato teminato.

Pagina 1 di 4 1 2 3 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Competenza ricavo contratto appalto
    Di Comm nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-03-12, 07:06 PM
  2. Competenza ricavo fine anno
    Di Vertical nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-04-10, 11:56 AM
  3. competenza ricavo
    Di jam nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 25-03-10, 05:57 PM
  4. ricavo minimo
    Di antonio71 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-07-09, 06:51 PM
  5. Ricavo Non Accertabile
    Di MONICA3516 nel forum Studi di settore e I.S.A.
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-09-07, 11:02 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15